Help Print this page 

Summaries of EU Legislation

Title and reference
Certificazione dei macchinisti addetti alla guida di locomotori e treni

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
Multilingual display
Text

Certificazione dei macchinisti addetti alla guida di locomotori e treni

Le norme comunitarie per i macchinisti:

ATTO

Direttiva 2007/59/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 ottobre 2007, relativa alla certificazione dei macchinisti addetti alla guida di locomotori e treni sul sistema ferroviario della Comunità

SINTESI

  • rendono più semplice il funzionamento dei servizi ferroviari tra paesi dell’Unione europea (UE);
  • aumentano la fiducia dei cittadini nei sistemi ferroviari;
  • istituiscono un mercato del lavoro più flessibile per i macchinisti stessi.

CHE COSA FA LA DIRETTIVA?

Stabilisce le condizioni e le procedure per la certificazione dei macchinisti addetti alla guida di locomotori e treni sui sistemi ferroviari dell’UE.

PUNTI CHIAVE

Ai fini dell’attuazione della direttiva, i paesi dell’UE possono escludere i macchinisti operanti esclusivamente su:

  • metropolitane, tram e altri sistemi di trasporto leggero su rotaia;
  • reti isolate dal resto del sistema ferroviario e adibite unicamente a servizi passeggeri e merci locali, urbani o suburbani;
  • infrastrutture ferroviarie private;
  • sezioni di binario temporaneamente chiuse al traffico normale.

Certificazione dei macchinisti

I macchinisti devono avere l’idoneità e le qualifiche necessarie. Devono inoltre possedere la documentazione seguente:

  • una licenza che attesti che il macchinista soddisfa le condizioni minime per quanto riguarda i requisiti medici e psicologici, la formazione scolastica di base e la competenza professionale generale;
  • un certificato complementare armonizzato che indichi le infrastrutture e le tipologie di treno per le quali il macchinista è autorizzato.

Ottenere una licenza e un certificato

I richiedenti devono soddisfare i requisiti seguenti:

  • avere almeno 20 anni; tuttavia i paesi dell’UE possono rilasciare licenze con validità limitata al loro territorio ai richiedenti a partire dall’età di 18 anni;
  • avere completato una formazione di base e soddisfare i requisiti medici stabiliti nella direttiva;
  • comprovare la propria idoneità fisica e psichica superando un esame medico condotto da un medico riconosciuto dall’autorità competente;
  • dimostrare la propria idoneità psicologica superando un esame condotto da uno psicologo riconosciuto dall’autorità competente;
  • dimostrare le proprie competenze professionali e, se del caso, linguistiche.

L’autorità competente deve rilasciare la licenza entro un mese dal ricevimento dei documenti necessari. La licenza è valida per dieci anni.

Qual è il ruolo delle autorità nazionali competenti?

L’autorità autorizzata da un paese dell’UE a rilasciare la licenza di macchinista ha un certo numero di compiti, fra cui:

  • rilasciare e aggiornare le licenze, rilasciare i duplicati e, se necessario, sospendere le licenze;
  • effettuare esami e controlli periodici;
  • assicurare che sia pubblicato e aggiornato un registro di persone e organismi accreditati o riconosciuti (medici, formatori, esaminatori ecc.);
  • tenere e aggiornare un registro delle licenze rilasciate, modificate, sospese, ritirate, dichiarate perse o distrutte, oppure scadute;
  • effettuare il monitoraggio dell’iter di certificazione dei macchinisti ed effettuare i controlli necessari a bordo dei treni che viaggiano nell’UE.

Le società ferroviarie devono:

  • tenere un registro di tutti i certificati complementari armonizzati rilasciati, scaduti, modificati, sospesi, ritirati, oppure dichiarati persi o distrutti;
  • istituire un sistema per monitorare i propri macchinisti e intervenire immediatamente se l’idoneità alla professione di un macchinista è messa in discussione.

Entro il 29 ottobre 2018 tutti i macchinisti devono possedere licenze e certificati conformi alla presente direttiva.

La direttiva è stata modificata dalla direttiva 2014/82/UE. Le modifiche comprendono leggeri cambiamenti dei requisiti per il rilascio di una licenza e di un certificato al fine di garantire l’applicazione uniforme in tutti i paesi dell’UE.

RIFERIMENTI

Atto

Data di entrata in vigore

Data limite di trasposizione negli Stati membri

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

Direttiva 2007/59/CE

4.12.2007

3.12.2009

GU L 315 del 3.12.2007, pag. 51-78

Atto(i) modificatore(i)

Data di entrata in vigore

Data limite di trasposizione negli Stati membri

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

Direttiva 2014/82/UE

15.7.2014

1.7.2015

GU L 184 del 25.6.2014, pag. 11-15

ATTI COLLEGATI

Decisione 2010/17/CE della Commissione, del 29 ottobre 2009, sull’adozione di parametri fondamentali per i registri delle licenze di conduzione treni e dei certificati complementari previsti dalla direttiva 2007/59/CE del Parlamento europeo e del Consiglio (GU L 8 del 13.1.2010, pag. 17-31)

Regolamento (UE) n. 36/2010 della Commissione, del 3 dicembre 2009, relativo ai modelli comunitari di licenza di conduzione treni, certificato complementare, copia autenticata del certificato complementare e i moduli di domanda di licenza di conduzione treni, a norma della direttiva 2007/59/CE del Parlamento europeo e del Consiglio (GU L 13 del 19.1.2010, pag. 1-27)

Decisione 2011/765/UE della Commissione, del 22 novembre 2011, relativa ai criteri per il riconoscimento dei centri di formazione coinvolti nella formazione dei macchinisti addetti alla guida di locomotori e treni, nonché ai criteri per il riconoscimento degli esaminatori dei macchinisti e ai criteri per l’organizzazione degli esami a norma della direttiva 2007/59/CE del Parlamento europeo e del Consiglio (GU L 314 del 29.11.2011, pag. 36-40)

Raccomandazione 2011/766/UE della Commissione, del 22 novembre 2011, relativa alla procedura per il riconoscimento dei centri di formazione e degli esaminatori dei macchinisti addetti alla guida di treni a norma della direttiva 2007/59/CE del Parlamento europeo e del Consiglio (GU L 314 del 29.11.2011, pag. 41-46)

Decisione di esecuzione 2014/89/UE della Commissione, del 14 febbraio 2014, su un progetto pilota per attuare gli obblighi di cooperazione amministrativa di cui alla direttiva 2007/59/CE del Parlamento europeo e del Consiglio attraverso il sistema di informazione del mercato interno (GU L 45 del 15.2.2014, pag. 36-39)

Ultimo aggiornamento: 14.09.2015

Top