Help Print this page 
Title and reference
Sicurezza marittima: equipaggiamento marittimo

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
BG ES CS DA DE ET EL EN FR GA HR IT LV LT HU MT NL PL PT RO SK SL FI SV
HTML html ES html DE html EN html FR html IT
Multilingual display
Text

Sicurezza marittima: equipaggiamento marittimo

L’Unione europea (UE) adotta una serie di norme per garantire la sicurezza e la qualità dell’equipaggiamento marittimo sistemato a bordo delle navi. Tali norme devono anche contribuire alla lotta contro l’inquinamento del mare e garantire la libera circolazione dell’equipaggiamento marittimo nel mercato interno.

ATTO

Direttiva 96/98/CE del Consiglio, del 20 dicembre 1996, sull’equipaggiamento marittimo [Cfr. atti modificativi].

SINTESI

La presente direttiva si applica all’equipaggiamento marittimo (allegato A) destinato ad essere utilizzato:

  • a bordo di una nave europea nuova, anche se costruita all’esterno dell’UE;
  • su una nave europea esistente al fine di sostituire l’equipaggiamento o di installare un equipaggiamento supplementare.

Infatti, la direttiva non riguarda l’equipaggiamento già sistemato a bordo delle navi prima della sua attuazione.

Valutazione della conformità

Gli Stati membri designano gli organismi responsabili di valutare la conformità dell’equipaggiamento marittimo (allegato B). Tale valutazione è volta a:

  • garantire la qualità dell’equipaggiamento marittimo prima della sua commercializzazione;
  • verificare l’equipaggiamento delle navi al momento del rilascio o del rinnovo dei certificati di sicurezza.

L’equipaggiamento conforme alle norme europee deve recare un marchio.

Quando una nave che deve essere trasferita nel registro di uno Stato membro non è registrata nell’UE, questo Stato deve svolgere un’ispezione per stabilire le effettive condizioni del suo equipaggiamento e la sua conformità alle norme europee.

Mancata conformità dell’equipaggiamento

Se un equipaggiamento rischia di mettere in pericolo la salute e/o la sicurezza dell’equipaggio o dei passeggeri o di nuocere all’ambiente marino, lo Stato membro responsabile lo ritira dal mercato, lo proibisce o ne limita l’uso.

Norme di prova

Certi tipi di equipaggiamento marittimo richiedono l’adozione di norme di prova internazionali. Qualora gli organismi internazionali non adottino la norma entro un congruo periodo di tempo, possono essere applicate le norme degli organismi europei di normalizzazione.

RIFERIMENTI

Atto

Data di entrata in vigore

Termine ultimo per il recepimento negli Stati membri

Gazzetta ufficiale

Direttiva 96/98/CE

1.1.1999

30.6.1998

GU L 46, 17.2.1997

Atto(i) modificatore(i)

Data di entrata in vigore

Termine ultimo per il recepimento negli Stati membri

Gazzetta ufficiale

Direttiva 98/85/CE

28.11.1998

30.4.1999

GU L 315, 25.11.1998

Direttiva 2002/84/CE

29.11.2002

23.11.2003

GU L 324, 29.11.2002

Direttiva 2008/67/CE

21.7.2008

21.7.2009

G.U. L 171, 1.7.2008

Regolamento (CE) n. 596/2009

7.8.2009

-

GU L 188, 18.7.2009

Direttiva 2010/68/UE

10.12.2010

10.12.2011

GU L 305, 20.11.2010

Direttiva 2011/75/UE

5.10.2011

5.10.2012

GU L 239, 15.9.2011

Direttiva 2012/32/UE

30.11.2012

30.11.2013

GU L 312, 10.11.2012

Direttiva 2013/52/UE

4.12.2013

4.12.2014

GU L 304, 14.11.2013

Le modifiche e le correzioni successive alla direttiva 96/98/CE sono state integrate nel testo di base. Questa versione consolidata ha solo un valore documentale.

ATTI COLLEGATI

Proposta di direttiva del Parlamento Europeo e del Consiglio sull’equipaggiamento marittimo e che abroga la direttiva 96/98/CE [COM (2012) 772 final – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

Ultima modifica: 11.02.2014

Top