Help Print this page 
Title and reference
Mercati degli strumenti finanziari (MiFID) e servizi d'investimento

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
BG ES CS DA DE ET EL EN FR GA HR IT LV LT HU MT NL PL PT RO SK SL FI SV
HTML html ES html CS html DE html EN html FR html IT html HU html PL html RO
Multilingual display
Text

Mercati degli strumenti finanziari (MiFID) e servizi d'investimento

L'Unione europea (UE) istituisce un quadro normativo globale che disciplina l'esecuzione organizzata delle transazioni degli investitori da parte delle borse, degli altri sistemi di negoziazione e delle imprese di investimento. A questo titolo viene fra l’altro istituita un'unica autorizzazione per le imprese di investimento in modo da permettere loro di operare in tutta l'UE seguendo un minimo di formalità, rafforzando al contempo la tutela degli investitori.

ATTO

Direttiva 2004/39/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 aprile 2004, relativa ai mercati degli strumenti finanziari, che modifica le direttive 85/611/CEE e 93/6/CEE del Consiglio e la direttiva 2000/12/CE del Parlamento europeo e del Consiglio e che abroga la direttiva 93/22/CEE del Consiglio [Gazzetta ufficiale L 145 del 30.4.2004] [Cfr. atti modificativi].

SINTESI

Conformemente al Piano d'azione per i servizi finanziari, l’UE ha adottato una direttiva volta a rafforzare il quadro normativo comunitario dei servizi d'investimento e dei mercati regolamentati, al fine di raggiungere con più incisività due grandi obiettivi:

  • tutelare gli investitori e salvaguardare l'integrità del mercato, fissando requisiti armonizzati per l'attività degli intermediari autorizzati;
  • promuovere l'equità, la trasparenza, l'efficienza e l'integrazione dei mercati finanziari.

La direttiva 2004/39/CE è stata recentemente riformulata nel quadro della direttiva 2014/65/UE (chiamata MiEID 2), nel tentativo di incorporare le modifiche consistenti apportate al testo.

Condizioni e procedure per l'autorizzazione

La direttiva impone agli Stati membri di armonizzare le norme che regolano i servizi e l'esercizio delle attività di investimento. A tal scopo gli Stati membri devono istituire un sistema di autorizzazione che permetta alle imprese d'investimento di offrire i propri servizi su tutto il territorio dell'UE. Tali imprese devono essere registrate e il registro deve essere accessibile al pubblico. Tutte le autorizzazioni devono essere notificate all’Autorità europea per i valori mobiliari (ESA).

L’ESA può elaborare progetti di norme tecniche e di regolamentazione e assiste anche la Commissione nell’ambito delle sue relazioni con i paesi terzi e nella valutazione dei loro mercati.

In altri termini, la direttiva deve permettere alle imprese d'investimento, alle banche e alle borse, di proporre i propri servizi oltre le frontiere, sulla base dell'autorizzazione concessa dall'autorità competente dello Stato membro d'origine . Rispondendo alle stesse condizioni di concessione in tutti gli Stati membri, l'autorizzazione è a favore dell'armonizzazione delle norme che regolano le imprese d'investimento.

In questo contesto, la direttiva cerca di armonizzare le normative nazionali relative alla fornitura di servizi d'investimento e al funzionamento delle borse, al fine ultimo di creare un unico quadro normativo europeo per i valori mobiliari . La direttiva serve gli interessi degli investitori, degli emittenti e degli altri operatori del mercato, promuovendo mercati efficienti e concorrenziali.

Valutazione prudenziale

La presente direttiva è volta inoltre ad armonizzare le regole procedurali e i criteri di valutazione relativi all'acquisizione di una partecipazione qualificata . Mira inoltre ad armonizzare al massimo le soglie per la notifica di un progetto di acquisizione o di una cessione di una partecipazione qualificata, la procedura di valutazione e l’elenco dei criteri di valutazione.

Nel quadro di un progetto di acquisizione, la valutazione prudenziale di azionisti e dirigenti risponde a criteri specifici e viene condotta di concerto dalle autorità competenti.

La direttiva prevede poi che tali autorità valutino la qualità del candidato acquirente e la solidità finanziaria del progetto di acquisizione sulla base di tutti i criteri seguenti:

  • la reputazione e l’esperienza di tutte le persone che, in esito al progetto di acquisizione, dirigeranno l’attività dell’impresa di assicurazione;
  • la solidità finanziaria del candidato acquirente;
  • l’esistenza di motivi ragionevoli per sospettare che sia in corso o abbia avuto luogo un’operazione o un tentativo di riciclaggio di proventi di attività illecite o di finanziamento del terrorismo.

Tutela degli investitori

La direttiva è inoltre volta a rafforzare la tutela degli investitori, stabilendo norme di comportamento per la fornitura di servizi d’investimento ai clienti, norme minime sul mandato e sui poteri di cui possono disporre le autorità competenti nazionali. La direttiva stabilisce inoltre dei meccanismi efficaci di cooperazione in tempo reale per istruire i casi di infrazione alla direttiva e avviare dei procedimenti.

Trasparenza e integrità del mercato

La direttiva stabilisce l'obbligo di preservare l'integrità del mercato, di segnalare le operazioni effettuate e di conservarne la registrazione. L’ESA ha accesso a queste informazioni.

In particolare prevede un obbligo di trasparenza precedente alla negoziazione (pre-negoziazione). Secondo tale obbligo, gli operatori che praticano l' internalizzazioneeseguendo ordini dei clienti al di fuori di un mercato regolamentato o di un sistema multilaterale di negoziazione ) devono divulgare i prezzi a cui sono pronti ad acquistare o a vendere ai loro clienti. Tuttavia tale obbligo di divulgazione dei prezzi è limitato alle transazioni al di sotto di una dimensione standard di mercato, ovvero la dimensione media degli ordini eseguiti sul mercato.

Ogni Stato membro deve stilare un elenco dei mercati regolamentati e lo trasmette agli altri Stati membri e all’ESA.

A queste condizioni, i mercati europei all'ingrosso non sono soggetti a tale regola di trasparenza pre-negoziazione e i negoziatori per conto proprio e per conto terzi all'ingrosso non sono minacciati nel loro ruolo di market maker.

Protezione degli operatori

La direttiva prevede una serie di misure di protezione degli operatori che internalizzano qualora siano obbligati a fissare un prezzo, in modo che possano fornire questo servizio essenziale ai loro clienti senza correre rischi eccessivi. In particolare hanno la possibilità di aggiornare e di revocare questi prezzi.

La direttiva crea anche un mercato equo per i piccoli investitori. Vieta agli istituti finanziari di creare una discriminazione tra questi, offrendo ad alcuni di loro, ad esempio, un prezzo migliore di quello pubblico divulgato.

Designazione delle autorità competenti

Gli Stati membri devono designare le loro autorità competenti e trasmettere le informazioni necessarie alla Commissione, all’ESA e alle autorità competenti degli altri Stati membri. Le autorità competenti fungono da punto di contatto negli Stati membri. L’ESA aggiorna l’elenco di queste autorità, le quali sono tenute ad operare in stretta collaborazione con l’ESA.

Gli Stati membri e l’ESA possono concludere accordi di cooperazione riguardanti:

  • la vigilanza sugli enti creditizi;
  • le procedure di liquidazione o fallimento delle imprese;
  • le procedure di revisione legale dei conti delle imprese di investimento;
  • la vigilanza sugli organismi coinvolti nella liquidazione e fallimento delle imprese di investimento;
  • la vigilanza sulle persone responsabili della revisione legale dei conti delle imprese di assicurazione, degli enti creditizi, delle imprese di investimento e di altre istituzioni finanziarie.

Disposizioni finali

La direttiva intende migliorare la regolamentazione comunitaria relativa ai mercati dei valori mobiliari. Espone pertanto gli obblighi generali che le autorità degli Stati membri devono fare rispettare.

In tale contesto la Commissione, dopo aver consultato i partecipanti del mercato degli Stati membri e tenuto conto del parere del comitato delle autorità europee di regolamentazione dei valori mobiliari, istituirà misure esecutive e redigerà relazioni e revisioni.

RIFERIMENTI

Atto

Data di entrata in vigore

Termine ultimo per il recepimento negli Stati membri

Gazzetta ufficiale

Direttiva 2004/39/CE

30.4.2004

31.1.2007

GU L 145, 30.4.2004

Atto/i modificatore/i

Data di entrata in vigore

Termine ultimo per il recepimento negli Stati membri

Gazzetta ufficiale

Direttiva 2006/31/CE

28.4.2006

31.1.2007

GU L 114, 27.4.2006

Direttiva 2007/44/CE

21.9.2007

20.3.2009

GU L 247, 21.9.2007

Direttiva 2008/10/CE

20.3.2008

-

GU L 76, 19.3.2008

Direttiva 2010/78/UE

4.1.2011

31.12.2011

GU L 331, 15.12.2010

Direttiva 2014/65/UE

2.7.2014

3.7.2016

GU L 173, 12.6.2014

Le modifiche e correzioni successive della direttiva 2004/39/CE sono state integrate nel testo di base. Questa versione consolidata ha solo valore documentale.

ATTI COLLEGATI

Direttiva 2011/61/UE del Parlamento europeo e del Consiglio sui gestori di fondi di investimento alternativi, che modifica le direttive 2003/41/CE e 2009/65/CE e i regolamenti (CE) n. 1060/2009 e (UE) n. 1095/2010 [Gazzetta ufficiale L 174 del 1.7.2011].

Direttiva 2006/73/CE della Commissione, del 10 agosto 2006, recante modalità di esecuzione della direttiva 2004/39/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda i requisiti di organizzazione e le condizioni di esercizio dell’attività delle imprese di investimento e le definizioni di taluni termini ai fini di tale direttiva [Gazzetta ufficiale L 241 del 2.9.2006].

La direttiva è intesa ad istituire un quadro armonizzato dei requisiti di organizzazione e delle condizioni di esercizio che regolano le imprese di investimento.

Ultima modifica: 30.07.2014

Top