Help Print this page 
Title and reference
Fornitura di servizi di navigazione aerea nel cielo unico europeo

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
BG ES CS DA DE ET EL EN FR GA HR IT LV LT HU MT NL PL PT RO SK SL FI SV
HTML html ES html DE html EN html FR html IT
Multilingual display
Text

Fornitura di servizi di navigazione aerea nel cielo unico europeo

Per istituire il cielo unico europeo, si dovrebbero adottare misure volte a garantire la fornitura sicura ed efficiente di servizi di navigazione aerea compatibili con l'organizzazione e l'uso dello spazio aereo. L'istituzione di un'organizzazione armonizzata della fornitura di tali servizi è importante per soddisfare in modo adeguato la domanda degli utenti dello spazio aereo e per gestire in modo sicuro ed efficiente il traffico aereo.

ATTO

Regolamento (CE) n. 550/2004 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 10 marzo 2004 sulla fornitura di servizi di navigazione aerea nel cielo unico europeo (regolamento sulla fornitura di servizi) [Cfr. atti modificativi].

SINTESI

Il regolamento si iscrive in un pacchetto legislativo sulla gestione del traffico aereo che mira all’istituzione del cielo unico europeo a decorrere dal 31 dicembre 2004. Tale obiettivo permetterà un uso ottimizzato dello spazio aereo europeo, che porterà benefici ai ritardi e alla crescita del trasporto aereo.

Il presente regolamento mira a definire alcuni requisiti comuni per garantire la prestazione sicura ed efficiente, nella continuità e interoperabilità dei servizi di navigazione aerea all’interno della Comunità. Esso istituisce un sistema armonizzato di certificazione e contiene norme per la designazione dei fornitori di servizi.

Le autorità nazionali di vigilanza

Le autorità nazionali di vigilanza provvedono ad un'adeguata vigilanza dell'applicazione del regolamento, con particolare riguardo all'efficienza e alla sicurezza delle operazioni dei fornitori di servizi di navigazione aerea (ente pubblico o privato che fornisce servizi di navigazione aerea) che forniscono servizi relativi allo spazio aereo di responsabilità dei paesi dell’Unione europea.

Ogni autorità nazionale di vigilanza svolge le opportune ispezioni e indagini per verificare l’osservanza delle norme del presente regolamento. Il fornitore dei servizi di navigazione aerea interessato facilita tali operazioni. Tuttavia le autorità nazionali di vigilanza possono delegare le ispezioni e le indagini ad organizzazioni riconosciute che soddisfano determinati requisiti.

Abilitazione dei controllori

Se del caso, dopo l’entrata in vigore del regolamento, la Commissione presenterà una proposta sull’abilitazione dei controllori al fine di armonizzare i sistemi di abilitazione, migliorare la disponibilità dei controllori e promuovere il riconoscimento reciproco delle licenze.

Requisiti comuni

I requisiti comuni per la fornitura di servizi di navigazione aerea riguardano i seguenti aspetti: competenza e idoneità tecnica ed operativa, sistemi e procedure di gestione della sicurezza e della qualità, sistemi di segnalazione, qualità dei servizi, solidità finanziaria, responsabilità e copertura assicurativa, assetto proprietario e organizzazione, compresa la prevenzione di conflitti di interessi, la sicurezza, nonché le risorse umane, e in particolare piani di assunzione adeguati.

Certificazione dei fornitori di servizi di navigazione aerea

La fornitura di tutti i servizi di navigazione aerea all’interno della Comunità è soggetta alla certificazione da parte dei paesi UE. I certificati indicano i diritti e gli obblighi dei fornitori di servizi di navigazione aerea, soprattutto il rispetto dei requisiti comuni, l’accesso non discriminatorio ai servizi per gli utenti dello spazio aereo, in particolare riguardo alla sicurezza.

Designazione di fornitori di servizi di traffico aereo

Gli Stati membri designano un fornitore di servizi di traffico aereo, titolare di un certificato valido nella Comunità, che garantisce la fornitura di servizi di traffico aereo in regime di esclusiva in specifici blocchi di spazio aereo (spazio aereo dalle dimensioni definite e all’interno del quale sono forniti servizi di navigazione aerea) per lo spazio aereo di loro responsabilità.

Blocchi funzionali di spazio aereo

I paesi dell’UE devono garantire l’attuazione dei blocchi funzionali di spazio aereo per raggiungere la necessaria capacità ed efficienza della rete di gestione del traffico aereo all’interno del cielo unico europeo, mantenendo un elevato livello di sicurezza e un impatto ambientale ridotto. I blocchi funzionali di spazio aereo possono essere istituiti solo tramite accord reciproco da parte di tutti i paesi dell’UE e, ove necessario, i paesi terzi responsabili per qualsiasi spazio aereo compreso nel blocco funzionale di spazio aereo. Per facilitare l’attuazione dei blocchi funzionali di spazio aereo, la Commissione ha facoltà di designare un coordinatore del sistema dei blocchi funzionali di spazio aereo, responsabile nella gestione di qualsiasi difficoltà rilevata nelle fasi di trattative, velocizzando così l’intero processo. Tale persona agirà in maniera imparziale e su richiesta dei paesi UE e, se necessario, dei paesi terzi responsabili per qualsiasi spazio aereo compreso nel blocco funzionale di spazio aereo.

Rapporti tra fornitori di servizi

I fornitori dei servizi di navigazione aerea possono ricorrere ai servizi di altri fornitori di servizi che sono stati certificati nella Comunità.

Trasparenza della contabilità

I fornitori di servizi di navigazione aerea elaborano, sottopongono a revisione contabile e pubblicano i loro conti finanziari.

Accesso e protezione dei dati

I dati operativi (informazioni relative a tutte le fasi di un volo) sono scambiati in tempo reale tra tutti i fornitori di servizi di navigazione aerea, gli utenti dello spazio aereo e gli aeroporti per facilitare il soddisfacimento delle loro esigenze operative.

Sistema di tariffazione

Il regolamento di esecuzione (UE) n. 391/2013 della Commissione istituisce un sistema di tariffazione comune per i servizi di navigazione aerea. Detto sistema di tariffazione si basa sui costi dei servizi di navigazione aerea sostenuti dai fornitori di servizi a beneficio degli utenti dello spazio aereo. Il fondamento della base di calcolo delle tariffe sono i principi generali seguenti:

  • il costo da imputare agli utenti dello spazio aereo è costituito dal costo determinato dalla fornitura di servizi di navigazione aerea;
  • i costi di cui si deve tenere conto in questo contesto sono quelli valutati in relazione a strutture e servizi previsti e attuati ai sensi del piano regionale di navigazione aerea dell' regione europea;
  • i costi dei diversi servizi di navigazione aerea sono individuati separatamente per ciascun servizio;
  • le sovvenzioni trasversali non sono ammesse tra servizi di rotta e servizi terminali. Le sovvenzioni trasversali tra diversi servizi di navigazione aerea nelle categorie di cui sopra sono ammesse solo se giustificate per motivi obiettivi;
  • è assicurata la trasparenza della base di calcolo delle tariffe.

Meccanismi di governance e d'incentivazione per la realizzazione dell'impresa SESAR (ricerca e sviluppo sulla gestione del traffico aereo nel cielo unico europeo)

Il regolamento di esecuzione (UE) n. 409/2013 delinea meccanismi di governance e di incentivazione per la realizzazione dell'impresa SESAR. Definisce un quadro dell'UE che darà il via alla realizzazione della suddetta impresa, consentendo ad essa di generare appieno i suoi benefici, dalla concezione fino all'attuazione.

Il regolamento definisce quattro strumenti fondamentali a sostegno della realizzazione dell'impresa SESAR:

  • progetti comuni intesi a realizzare le funzionalità gestionali del traffico aereo che si considerano come fattori essenziali per concorrere al miglioramento delle prestazioni nella gestione del traffico aereo da parte dell'Unione;
  • programma di realizzazione, che traduce i progetti comuni in attività di realizzazione dettagliate (progetti attuativi) le quali, a loro volta, definiscono il modo in cui attuare i progetti stessi;
  • meccanismi di governance che garantiscono una messa in opera opportuna, sincronizzata e coordinata del concetto di operazioni SESAR e coinvolgono tutti i soggetti, così come gli organismi competenti dell'UE e legati al Cielo unico europeo;
  • incentivi mirati quali prestiti, sovvenzioni, modulazione dei canoni di rotta, a sostegno del coordinamento e dell'attuazione dei progetti comuni.

RIFERIMENTI

Atto

Data di entrata in vigore

Termine ultimo per il recepimento negli Stati membri

Gazzetta ufficiale

Regolamento (CE) n. 550/2004

20.4.2004

-

GU L 96 del 31.3.2004

Atto/I modificatore/i

Data di entrata in vigore

Termine ultimo per il recepimento negli Stati membri

Gazzetta ufficiale

Regolamento (CE) n. 1070/2009

4.12.2009

-

GU L 300 del 14.11.2009

Le successive modifiche e correzioni al Regolamento (CE) n. 550/2004 sono state integrate al testo di base. La presente versione consolidata ha unicamente un valore documentale.

ATTI COLLEGATI

Decisione della Commissione, del 29 ottobre 2013, relativa alla conformità dei tassi unitari del 2014 per le zone tariffarie a norma dell’articolo 17 del regolamento di esecuzione (UE) n. 391/2013 [C(2013) 7095 def. -Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

Regolamento di esecuzione (UE) n. 409/2013 della Commissione, del 3 maggio 2013, relativo alla definizione di progetti comuni, all’assetto di governance e all’indicazione di incentivi a sostegno dell’attuazione del piano generale di gestione del traffico aereo in Europa. Testo rilevante ai fini del SEE. [Gazzetta ufficiale L 123 del 4.5.2013].

Regolamento di esecuzione (UE) n. 391/2013 della Commissione, del 3 maggio 2013, che istituisce un sistema di tariffazione comune per i servizi di navigazione aerea [Gazzetta ufficiale L 128 del 9.5.2013].

Comunicazione della Commissione: Meccanismi di governance e d’incentivazione per la realizzazione di SESAR, pilastro tecnologico del cielo unico europeo. [COM(2011)0923 def.].

Regolamento di esecuzione (UE) n. 1034/2011 della Commissione, del 17 ottobre 2011 , sulla sorveglianza della sicurezza nella gestione del traffico aereo e nei servizi di navigazione aerea, che modifica il regolamento (UE) n. 691/2010 (Gazzetta ufficiale L 271 del 18.10.2011).

Regolamento di esecuzione (UE) n. 1035/2011 della Commissione, del 17 ottobre 2011 , che stabilisce i requisiti comuni per la fornitura di servizi di navigazione aerea, recante modifica dei regolamenti (CE) n. 482/2008 e (UE) n. 691/2010 (Gazzetta ufficiale L 271 del 18.10.2011).

Regolamento (UE) n. 176/2011 della Commissione, del 24 febbraio 2011, concernente le informazioni da fornire prima della creazione e della modifica di un blocco funzionale di spazio aereo [Gazzetta ufficiale L 51 del 25.2.2011].

Regolamento (UE) n. 1191/2010 della Commissione, del 16 dicembre 2010, che modifica il regolamento (CE) n. 1794/2006 che istituisce un sistema di tariffazione comune per i servizi di navigazione aerea [Gazzetta ufficiale L 333 del 17.12.2010].

Regolamento (CE) n. 482/2008 della Commissione, del 30 maggio 2008, che istituisce un sistema di garanzia della sicurezza del software obbligatorio per i fornitori di servizi di navigazione aerea e recante modifica dell'allegato II del regolamento (CE) n. 2096/2005 [Gazzetta ufficiale L 141 del 31.5.2008].

Regolamento (CE) n. 1315/2007 della Commissione, dell’8 novembre 2007, sulla sorveglianza della sicurezza nella gestione del traffico aereo e recante modifica del regolamento (CE) n. 2096/2005 [Gazzetta ufficiale L 291 del 09.11.2007].

Regolamento (CE) n. 1794/2006 della Commissione, del 6 dicembre 2006, che istituisce un sistema di tariffazione comune per i servizi di navigazione aerea [Gazzetta ufficiale L 341 del 7.12.2006].

Regolamento (CE) n. 2096/2005 della Commissione, del 20 dicembre 2005, che stabilisce requisiti comuni per la fornitura di servizi di navigazione aerea [Gazzetta ufficiale L 335 del 21.12.2005].

Regolamento (CE) n. 549/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio del 10 marzo 2004 che stabilisce i principi generali per l'istituzione del cielo unico europeo (regolamento quadro) [Gazzetta ufficiale L 96 del 31.3.2004].

Regolamento (CE) n. 551/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio del 10 marzo 2004 sull’organizzazione e l’uso dello spazio aereo nel cielo unico europeo (regolamento sullo spazio aereo) [Gazzetta ufficiale L 96 del 31.3.2004].

Regolamento (CE) n. 552/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio del 10 marzo 2004 sull’interoperabilità della rete europea di gestione del traffico aereo (regolamento sull’interoperabilità) [Gazzetta ufficiale L 96 del 31.3.2004].

Comunicazione della Commissione al Consiglio e al Parlamento europeo, dell’1 dicembre 1999: La creazione del cielo unico europeo [COM(1999) 614 def. – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

PROPOSTE

Proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo all’istituzione del cielo unico europeo (rifusione). [COM(2013)410 def. dell'11.6.2013].

Proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio recante modifica del regolamento (CE) N. 216/2008 per quanto riguarda aeroporti, gestione del traffico aereo e servizi di navigazione aerea. [COM(2013)409 def. dell'11.6.2013].

Ultima modifica: 09.02.2014

Top