Help Print this page 

Summaries of EU Legislation

Title and reference
Cittadini di paesi terzi: norme per i soggiorni di lungo periodo

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Multilingual display
Text

Cittadini di paesi terzi: norme per i soggiorni di lungo periodo

 

SINTESI DI:

Direttiva 2003/109/CE: status dei cittadini di paesi terzi che siano soggiornanti di lungo periodo

QUAL È LO SCOPO DELLA DIRETTIVA?

  • Stabilisce i termini e le condizioni di concessione e ritiro dello status di soggiornante di lungo periodo a cittadini non comunitari (cittadini di paesi terzi*) che vivono legalmente in un paese dell’Unione europea (UE) da almeno 5 anni.
  • Determina i diritti di tali cittadini e gli ambiti in cui godono di pari trattamento rispetto ai cittadini dell’UE.
  • Elenca le condizioni applicabili nel caso in cui desiderino trasferirsi in un altro paese dell’UE.

PUNTI CHIAVE

  • Per ottenere lo status di soggiornante di lungo periodo, i cittadini di paesi terzi devono aver vissuto legalmente e continuativamente in un paese dell’UE per 5 anni.
  • Nel calcolo dei 5 anni, sono concesse assenze inferiori a 6 mesi consecutivi e non superiori a 10 mesi nell’intero periodo.
  • I cittadini di paesi terzi devono dimostrare di disporre di risorse economiche stabili e regolari per il sostentamento proprio e della famiglia e di un’assicurazione contro le malattie.
  • Le autorità nazionali devono emettere una decisione sulle richieste, corredata della documentazione pertinente, entro 6 mesi dalla loro ricezione.
  • Le autorità possono negare lo status di soggiornante di lungo periodo per ragioni di ordine pubblico e sicurezza interna, ma non per ragioni economiche.
  • Ai richiedenti ritenuti idonei viene concesso un permesso di soggiorno valido almeno 5 anni e automaticamente rinnovabile.
  • I soggiornanti di lungo periodo possono perdere il loro status nel caso in cui:
    • lo abbiano acquisito in modo fraudolento;
    • siano destinatari di un provvedimento di allontanamento perché ritenuti una minaccia grave per l’ordine pubblico e la sicurezza;
    • escano dall’UE per 12 mesi consecutivi.
  • I soggiornanti di lungo periodo godono dello stesso trattamento dei cittadini del paese in ambiti quali il lavoro, l’istruzione, la sicurezza sociale, il fisco e la libertà di associazione. Tuttavia, in determinati casi, i paesi dell’UE possono limitare tale parità di trattamento.
  • I soggiornanti di lungo periodo possono trasferirsi per vivere, lavorare o studiare in un altro paese dell’UE per più di 3 mesi, purché soddisfino determinate condizioni, e possono essere accompagnati dai membri della loro famiglia.
  • Esistono punti di contatto nazionali preposti a inviare e ricevere le informazioni pertinenti dai vari paesi dell’UE.
  • La normativa non si applica a determinate categorie di cittadini di paesi terzi, quali gli studenti, coloro che lavorano temporaneamente «alla pari» o i lavoratori stagionali.

La normativa non si applica nel Regno Unito, in Irlanda o in Danimarca, che dispongono di accordi speciali in materia di politica sull’immigrazione e l’asilo.

Nel 2011, la direttiva è stata modificata per comprendere i cittadini di paesi terzi, quali rifugiati o apolidi, che godono di protezione internazionale.

A PARTIRE DA QUANDO SI APPLICA LA DIRETTIVA?

Si applica a partire dal 23 gennaio 2004. I paesi dell’UE dovevano recepirla nel diritto nazionale entro il 23 gennaio 2006.

CONTESTO

Per maggiori informazioni, si veda:

* TERMINI CHIAVE

Cittadino di paese terzo: chiunque non sia cittadino di un paese dell’UE.

DOCUMENTO PRINCIPALE

Direttiva 2003/109/CE del Consiglio, del 25 novembre 2003, relativa allo status dei cittadini di paesi terzi che siano soggiornanti di lungo periodo (GU L 16 del 23.1.2004, pagg. 44–53)

Successive modifiche e correzioni alla direttiva 2003/109/CE sono state incorporate nel testo di base. La presente versione consolidata ha solo valore documentale.

DOCUMENTI COLLEGATI

Direttiva 2004/114/CE del Consiglio, del 13 dicembre 2004, relativa alle condizioni di ammissione dei cittadini di paesi terzi per motivi di studio, scambio di alunni, tirocinio non retribuito o volontariato (GU L 375 del 23.12.2004, pagg. 12–18)

Direttiva (UE) 2016/801 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell’11 maggio 2016, relativa alle condizioni di ingresso e soggiorno dei cittadini di paesi terzi per motivi di ricerca, studio, tirocinio, volontariato, programmi di scambio di alunni o progetti educativi, e collocamento alla pari (GU L 132 del 21.5.2016, pagg. 21–57)

Ultimo aggiornamento: 23.08.2016

Top