Help Print this page 
Title and reference
Norme in materia di appalti pubblici di lavori, forniture e servizi, in vigore fino al 2016

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Multilingual display
Text

Norme in materia di appalti pubblici di lavori, forniture e servizi, in vigore fino al 2016

Questa normativa mira a garantire un mercato aperto per gli appalti pubblici, nonché l'equa applicazione delle norme di aggiudicazione di appalti di lavori, forniture e servizi.

ATTO

Direttiva 2004/18/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 31 marzo 2004, relativa al coordinamento delle procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici di lavori, di forniture e di servizi.

SINTESI

La direttiva 2004/18/CE stabilisce le norme dell’Unione europea (UE) per l’aggiudicazione di appalti di lavori pubblici, forniture e servizi. Essa è volta a garantire che le procedure delle gare d’appalto siano eque e aperte a offerenti da qualsiasi parte dell’Unione.

Campo d’applicazione

La normativa copre la maggior parte degli appalti pubblici a parte quelli relativi alle utenze (come acqua, trasporti, energia e servizi postali), alle telecomunicazioni, alle concessioni di servizi (come ad esempio la gestione di un parcheggio già esistente) e alcuni nei settori della difesa e della sicurezza.

Quattro tipi di procedura

  • aperta: chiunque può presentare un’offerta;
  • ristretta: chiunque può chiedere di partecipare e l’autorità appaltante decide quali parti invitare a presentare un’offerta;
  • negoziata: procedura in cui le autorità appaltanti negoziano direttamente i termini di un appalto;
  • nel caso di appalti molto complessi, in cui l’entità appaltante discute i requisiti e le soluzioni con i candidati ammessi a una procedura (conosciuta come dialogo competitivo).

Trasparenza

È garantita dalla pubblicazione di avvisi sugli appalti pubblici nella Gazzetta ufficiale dell’UE e sulla banca dati TED, oltre che a livello nazionale. Tutte le pubblicazioni devono contenere informazioni identiche per non favorire nessuno degli offerenti. Esse contengono informazioni quali:

  • scadenze per le offerte,
  • lingua(e) dell’offerta,
  • criteri di aggiudicazione e la loro relativa importanza,
  • certificati/documenti da allegare alle offerte per permettere la valutazione dell’idoneità del candidato all’esecuzione dell’appalto.

Aggiudicazione dell’appalto

Gli appalti sono aggiudicati in base a:

  • l’offerta economicamente più vantaggiosa (in base a criteri quali la qualità, il prezzo, il merito tecnico, il servizio post-vendita); o
  • il prezzo più basso.

Soglie

Sono coperti tutti gli appalti pubblici con un valore superiore a una determinata soglia. Le soglie sono calcolate ogni due anni.

Alla data del 1o gennaio 2014, le soglie principali per appalti di lavori, fornitura e servizi pubblici, come modificate dal regolamento (UE) n. 1336/2013, sono le seguenti:

Autorità centrali competenti

  • appalti di lavori, appalti di concessioni, appalti sovvenzionati: 5 186 000 EUR;
  • tutti i concorsi di progettazione (per pianificazioni architettoniche, ad esempio), tutti gli appalti di servizi sovvenzionati dalle autorità appaltanti e tutti gli appalti aventi a oggetto servizi elencati nell'allegato II A (esclusi i servizi di R&S e taluni servizi di telecomunicazioni): 134 000 EUR.
  • appalti aventi a oggetto servizi elencati nell’allegato II B, servizi di R&S e taluni servizi di telecomunicazioni: 207 000 EUR.
  • tutti i contratti di forniture aggiudicati dalle autorità centrali competentiche non operano nel settore della difesa: 134 000 EUR.

Contratti di forniture aggiudicati dalle autorità centrali competentiche operano nel settore della difesa: (i) per quanto riguarda i prodotti di cui all'allegato V: 134 000 EUR; (ii) per quanto riguarda altri prodotti: 207 000 EUR.

Amministrazioni aggiudicatrici locali

  • appalti di lavori, appalti di concessioni, appalti sovvenzionati: 5 186 000 EUR.
  • tutti i contratti di servizio, tutti i concorsi di progettazione, appalti di servizi sovvenzionati, tutti i contratti di forniture: 207 000 EUR.

La direttiva 2004/18/CE rimane in vigore fino al 18.4.2016, data in cui una nuova direttiva che la sostituisce (direttiva 2014/24/UE) entra in vigore.

RIFERIMENTI

Atto

Data di entrata in vigore

Data limite di trasposizione negli Stati membri

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

Direttiva 2004/18/CE

30.4.2004

31.1.2006

GU L 134 del 30.4.2004

Atto(i) modificatore(i)

Data di entrata in vigore

Data limite di trasposizione negli Stati membri

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

Direttiva 2005/51/CEE

21.10.2005

31.1.2006

GU L 257 del 1.10.2005

Direttiva 2005/75/CE

9.12.2005

31.1.2006

GU L 323 del 9.12.2005

Regolamento (CE) n. 2083/2005

1.1.2006

-

GU L 333 del 20.12.2005

Direttiva 2006/97/CE

1.1.2007

1.1.2007

GU L 363 del 20.12.2006

Regolamento (CE) n. 1422/2007

1.1.2008

-

GU L 317 del 5.12.2007

Direttiva 2009/81/CE

21.8.2009

21.8.2011

GU L 216 del 20.8.2009

Regolamento (CE) n. 1177/2009

1.1.2010

-

GU L 314 dell’1.12.2009

Regolamento (UE) n. 1251/2011

1.1.2012

-

GU L 319 del 2.12.2011

Regolamento (UE) n. 1336/2013

1.1.2014

-

GU L 335 del 14.12.2013

Le successive modifiche e le correzioni alla direttiva 2004/18/CE sono state integrate nel testo di base. La presente versione consolidata ha unicamente valore documentale.

ATTI COLLEGATI

Direttiva 2004/17/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 31 marzo 2004, che coordina le procedure di appalto degli enti erogatori di acqua e di energia, degli enti che forniscono servizi di trasporto e servizi postali.

Direttiva 2014/24/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 febbraio 2014, sugli appalti pubblici e che abroga la direttiva 2004/18/CE (GU L 94 del 28.3.2014).

Ultima modifica: 29.09.2014

Top