Help Print this page 

Summaries of EU Legislation

Title and reference
Residui di antiparassitari nei prodotti per l’alimentazione umana e animale

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
Multilingual display
Text

Residui di antiparassitari nei prodotti per l’alimentazione umana e animale

Tutti gli alimenti destinati al consumo umano o animale nell’Unione europea (UE) sono soggetti a un livello massimo di residui di antiparassitari nella loro composizione, per tutelare la salute animale e umana. La normativa dell’UE regola i limiti che si applicano a diversi prodotti alimentari e stabilisce il limite massimo applicabile per difetto.

ATTO

Regolamento (CE) n. 396/2005 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 febbraio 2005, concernente i livelli massimi di residui di antiparassitari nei o sui prodotti alimentari e mangimi di origine vegetale e animale e che modifica la direttiva 91/414/CEE del Consiglio.

SINTESI

Tutti gli alimenti destinati al consumo umano o animale nell’Unione europea (UE) sono soggetti a un livello massimo di residui di antiparassitari nella loro composizione, per tutelare la salute animale e umana. La normativa dell’UE regola i limiti che si applicano a diversi prodotti alimentari e stabilisce il limite massimo applicabile per difetto.

CHE COSA FA IL PRESENTE REGOLAMENTO?

Stabilisce le quantità massime di residui di antiparassitari autorizzati nei prodotti di origine animale o vegetale destinati al consumo umano o animale. Tali livelli massimi di residui (LMR), fissati dalla Commissione europea, comprendono:

  • 1.

    LMR specifici per determinati alimenti destinati al consumo umano o animale, e

  • 2.

    un limite generale che si applica in mancanza di LMR specifici (un «limite per difetto» di 0,01 mg/kg).

Gli LMR per tutti i vegetali e gli antiparassitari si trovano nella banca dati degli LMR della Commissione.

Alimenti inclusi

La normativa riguarda tutti i prodotti destinati al consumo umano o animale elencati nell’allegato I.

Tali prodotti non sono soggetti ai limiti stabiliti nel caso in cui siano destinati:

  • alla semina o alla piantagione,
  • a prove autorizzate concernenti le sostanze attive,
  • alla fabbricazione di prodotti diversi dai prodotti alimentari,
  • all’esportazione.

Eccezioni

Alcune sostanze elencate dalla Commissione (nell’allegato VII) possono essere autorizzate anche se superano gli LMR fissati, alle seguenti condizioni:

  • i prodotti non sono destinati al consumo immediato;
  • sono in atto controlli per garantire che tali prodotti non siano resi disponibili per i consumatori;
  • gli altri paesi dell’UE e la Commissione sono a conoscenza delle misure.

Valutazione di sicurezza

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare è responsabile della valutazione di sicurezza delle nuove domande relative agli LMR, sulla base della tossicità, dei livelli massimi previsti per i prodotti alimentari e dell’alimentazione dei consumatori. Sulla base del parere dell’Autorità, la Commissione emette un regolamento per fissare un nuovo LMR, oppure per modificarne o abrogarne uno esistente.

Campionamento

L’UE è dotata di un programma che ogni anno controlla un elenco concordato di prodotti per garantirne la conformità con gli LMR degli antiparassitari.

A PARTIRE DA QUANDO SI APPLICA IL REGOLAMENTO?

A decorrere dal 5 aprile 2005.

Per ulteriori informazioni, consultare il sito Internet della Commissione europea sui livelli massimi di residui e quello dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare.

RIFERIMENTI

Atto

Data di entrata in vigore

Data limite di trasposizione negli Stati membri

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

Regolamento (CE) n. 396/2005

5.4.2005

-

GU L 70 del 16.3.2005, pag. 1-16

Successive modifiche e correzioni al regolamento (CE) n. 396/2005 sono state incorporate nel testo base. La presente versione consolidata ha esclusivamente un valore documentale.

ATTI COLLEGATI

Regolamento di esecuzione (UE) n. 400/2014 della Commissione, del 22 aprile 2014, relativo a un programma coordinato di controllo pluriennale dell’Unione per il 2015, il 2016 e il 2017, destinato a garantire il rispetto dei livelli massimi di residui di antiparassitari e a valutare l’esposizione dei consumatori ai residui di antiparassitari nei e sui prodotti alimentari di origine vegetale e animale (GU L 119 del 23.4.2014, pag. 44-56).

Ultimo aggiornamento: 23.04.2015

Top