Help Print this page 
Title and reference
I concimi

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
BG ES CS DA DE ET EL EN FR GA HR IT LV LT HU MT NL PL PT RO SK SL FI SV
HTML html ES html CS html DA html DE html EL html EN html FR html IT html HU html NL html PL html PT html RO html FI html SV
Multilingual display
Text

I concimi

L’Unione europea (UE) definisce le norme relative all’immissione sul mercato dei concimi, vale a dire le condizioni necessarie da soddisfare per poter utilizzare la designazione concimi CE, nonché le norme relative alla loro etichettatura e al loro imballaggio.

ATTO

Regolamento (CE) n. 2003/2003 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 ottobre 2003, relativo ai concimi [Cfr. atti modificativi].

SINTESI

Il presente regolamento è stato adottato al fine diraggruppare le norme applicabili ai concimi in un solo testo per garantire l’applicazione uniforme di una serie di disposizioni estremamente tecniche. Esso non si applica ai concimi minerali composti da una o più sostanze nutritive per le piante (o elementi fertilizzanti).

Disposizioni generali

Tutti i tipi di concimi che figurano nell’allegato I e che sono conformi alle disposizioni stabilite dal presente regolamento possono recare la dicitura Concime CE. La lista dei vari tipi di concimi autorizzati sul mercato europeo può essere integrata. A tale scopo, il fabbricante deve farne richiesta all’autorità competente nel proprio paese e creare un fascicolo tecnico sulle caratteristiche del concime. Le domande vengono in seguito inviate alla Commissione, la quale prende la decisione di accettare o rifiutare la domanda del fabbricante.

Tutti i concimi recanti l’indicazione Concime CE possono circolare liberamente sul mercato europeo. Gli Stati non possono vietare o limitare la loro commercializzazione, salvo nel caso in cui essi ritengano che il concime in questione presenti un rischio per la salute o per l’ambiente. In tal caso, il prodotto viene provvisoriamente ritirato dal mercato finché non sarà condotto uno studio a livello europeo per stabilire la fondatezza del rischio.

Requisiti giuridici

Un tipo di concime reca l’indicazione concime CE soltanto se:

  • in condizioni normali d’impiego non produce effetti nocivi sulla salute delle persone, degli animali o delle piante ovvero sull’ambiente;
  • è efficace;
  • sono disponibili i pertinenti metodi di campionamento e d’analisi.

L’allegato I del regolamento, modificato nel 2013, fissa inoltre i tenori minimi di elementi fertilizzanti richiesti per ciascun tipo di concime (tenore di azoto, di fosforo, ecc.).

Regole concernenti l'imballaggio e l'etichettatura dei concimi

Il regolamento prevede un certo numero di indicazioni obbligatorie che devono figurare sull’imballaggio e sulle etichette dei concimi. Si tratta in particolare della dicitura concimi CE, della descrizione degli elementi fertilizzanti e degli oligoelementi, di informazioni sul fabbricante e, all’occorrenza, dell’indicazione di miscela di concimi. Sono proposte anche indicazioni facoltative quali le istruzioni specifiche per l'impiego, l’immagazzinamento e la manipolazione del concime.

Il regolamento armonizza le norme in materia di etichettatura e imballaggio nell’UE. Queste riguardano, fra l’altro, l’indicazione dei tenori dei vari elementi fertilizzanti. I tenori delle sostanze possono essere indicati in vari modi. Ad esempio, il tenore di fosfato può essere indicato in forma elementare o sotto forma di ossido.

Disposizioni particolari

Il regolamento contempla disposizioni tecniche dettagliate relative al campo di applicazione, alla dichiarazione, all'identificazione e all’imballaggio per quattro tipi di concimi:

  • i concimi inorganici con elementi fertilizzanti primari: si tratta degli elementi fertilizzanti principali forniti in quantità molto elevate per la crescita delle piante, ossia l'azoto, il fosforo ed il potassio;
  • i concimi inorganici con elementi fertilizzanti secondari: si tratta del calcio, del magnesio, del sodio e dello zolfo;
  • i concimi inorganici con oligo-elementi: essi contengono gli elementi richiesti in quantità minori quali il boro, il cobalto, il rame, il ferro, il manganese, ecc.;
  • i fertilizzanti al nitrato d'ammonio ad elevato tenore di azoto: vista la natura pericolosa di tale tipo di fertilizzante, il regolamento contempla misure supplementari quali una prova di detonabilità, di cui all’allegato III del presente regolamento.

Controlli

Gli Stati membri possono procedere a controlli ufficiali per verificare la conformità dei concimi che recano l’indicazione Concime CE alle disposizioni del regolamento. I controlli sono effettuati da laboratori designati in ciascun Stato membro secondo una procedura uniforme stabilita negli allegati del regolamento.

A fini d’ispezione, i fabbricanti sono tenuti a conservare i fascicoli relativi all'origine dei Concimi CE per tutto il loro periodo d’immissione sul mercato.

Gli Stati membri determinano il regime delle sanzioni applicabili in caso di violazione delle disposizioni del regolamento.

Nell'attuazione del regolamento, anche negli adattamenti degli allegati, la Commissione è assistita da un comitato di rappresentanti degli Stati membri.

RIFERIMENTI

Atto

Data di entrata in vigore

Data limite di trasposizione negli Stati membri

Gazzetta ufficiale

Regolamento (CE) n. 2003/2003

11.12.2003 (11.6.2005 per gli articoli 8 e 26)

-

GU L 304, 21.11.2003

DEROGHE ALL’ATTO

Decisione 2006/348/CE [Gazzetta ufficiale L 129 del 17.5.2006].

La presente deroga si applica al tasso massimo ammissibile di cadmio nei concimi, notificato dalla Repubblica finlandese.

Decisione 2006/349/CE [Gazzetta ufficiale L 129 del 17.5.2006].

La presente deroga si applica al tasso massimo ammissibile di cadmio nei concimi, notificato dalla Repubblica austriaca.

Atto(i) modificatore(i)

Data di entrata in vigore

Termine ultimo per il recepimento negli Stati membri

Gazzetta ufficiale

Regolamento (CE) n. 219/2009

20.4.2009

-

GU L 87, 31.3.2009

Regolamento (UE) n. 463/2013

13.06.2013

-

GU L 134 del 18.5.2013

Le modifiche e correzioni successive del regolamento (CE) n. 2003/2003 sono state integrate nel testo di base. Questa versione consolidata ha solo valore documentale.

Ultima modifica: 01.04.2014

Top