Help Print this page 
Title and reference
Veicoli a motore a due o tre ruote: procedura di omologazione CE - EUR-Lex

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
BG ES CS DA DE ET EL EN FR GA HR IT LV LT HU MT NL PL PT RO SK SL FI SV
HTML html ES html CS html DA html DE html EL html EN html FR html IT html HU html NL html PL html PT html RO html FI html SV
Multilingual display
Text

Veicoli a motore a due o tre ruote: procedura di omologazione CE

L'Unione europea armonizza la legislazione degli Stati membri e applica una procedura di omologazione comunitaria dei veicoli a motore a due o tre ruote.

ATTI

Regolamento (UE) 168/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio del 15 gennaio 2013 relativo all'omologazione e alla vigilanza del mercato dei veicoli a motore a due o tre ruote e dei quadricicli

Direttiva 2002/24/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 marzo 2002, relativa all'omologazione dei veicoli a motore a due o tre ruote e che abroga la direttiva 92/61/CEE del Consiglio [Cfr atti modificativi].

SINTESI

La presente direttiva abroga e sostituisce la direttiva 92/61/CEE, che definiva la procedura comunitaria per l'omologazione dei veicoli a motore a due o tre ruote, dei componenti e delle entità tecniche separate. Ha l'obiettivo di a chiarire e completare alcune disposizioni della direttiva precedente.

È stata recentemente completata dal regolamento (UE) 168/2013, relativo all'omologazione e alla vigilanza del mercato dei veicoli a motore a due o tre ruote e dei quadricicli, che stabilisce nuovi requisiti in termini di sicurezza e ambiente per l'omologazione di questi veicoli.

Le disposizioni della direttiva 2002/24/CE

I veicoli oggetto della presente direttiva sono i veicoli a motore a due o tre ruote e i quadricicli leggeri a motore.

Tutte le domande di omologazione sono presentate dal costruttore, dal fabbricante o dal rispettivo mandatario presso uno Stato membro.

Ciascuno Stato membro omologa il veicolo, l'entità tecnica o il componente purché sia conforme alle prescrizioni tecniche dei regolamenti particolari o delle direttive applicabili e corrisponda ai dati forniti dal costruttore o dal produttore (consultare gli elenchi completi nell'allegato alla direttiva).

Il costruttore o il suo mandatario compilano un certificato di conformità per ciascun tipo di veicolo costruito conformemente al tipo omologato e per ciascuna entità tecnica o componente non di origine fabbricati conformemente al tipo omologato.

Gli Stati membri constatano che ogni tipo di veicolo è stato sottoposto alle verifiche previste dalle direttive particolari e indicate su un certificato di omologazione. I costruttori possono redigere un certificato di conformità per tutti i veicoli conformi al tipo omologato. Un veicolo dotato di tale certificato può essere immesso in commercio, venduto e immatricolato al fine di essere utilizzato nell'intera Unione europea.

Ogni veicolo prodotto in conformità al tipo omologato deve comportare una marcatura così composta:

  • il numero di omologazione;
  • la lettera minuscola e seguita dal numero o dalla sigla che identifica lo Stato membro che ha proceduto all'omologazione;
  • il numero di identificazione del veicolo.

Il costruttore di un veicolo e il fabbricante di un'entità tecnica o di un componente sono responsabili della costruzione di ciascun veicolo o della fabbricazione di ciascuna entità tecnica o di ciascun componente in conformità al tipo omologato.

Se uno Stato membro constata che taluni veicoli, entità tecniche e componenti appartenenti ad un tipo omologato compromettono la sicurezza della circolazione stradale, esso può rifiutarne la vendita, la messa in circolazione o l'uso sul proprio territorio per un periodo massimo di sei mesi. La Commissione e gli altri Stati membri ne vengono immediatamente informati.

Possono essere immessi sul mercato, venduti ed utilizzati negli Stati membri soltanto i veicoli, le entità tecniche e i componenti conformi alla direttiva.

Disposizioni del regolamento (UE) 168/2013

Il regolamento ha l'obiettivo di garantire un alto livello di sicurezza funzionale dei veicoli, di sicurezza sul lavoro e di tutela dell'ambiente, armonizzando le prescrizioni tecniche e le norme ambientali applicabili ai veicoli, agli impianti, ai componenti e alle entità tecniche in materia di omologazione.

In particolare specifica che i motocicli nuovi di cilindrata superiore a 125 cc devono essere dotati di un impianto frenante antibloccaggio e quelli di cilindrata inferiore a 125 cc devono essere dotati di un impianto anti- bloccaggio o di un impianto frenante combinato, a discrezione del costruttore.

Inoltre, rende obbligatoria dal 1 gennaio 2016 l'installazione di un sistema automatico di accensione delle luci, per migliorare la visibilità di tutti i veicoli nuovi di categoria L (leggeri). Fissa inoltre i requisiti per la progressiva installazione di sistemi diagnostici integrati che consentano di individuare i guasti e di monitorare il sistema di controllo delle emissioni.

Per quanto riguarda le prestazioni ambientali, entro il 31 dicembre 2016 la Commissione presenterà al Parlamento europeo e al Consiglio una relazione sulle date di entrata in vigore e sui valori limite delle emissioni a livello Euro 5, di cui all'allegato IV del regolamento. Il ruolo e le responsabilità degli Stati membri responsabili del monitoraggio del mercato sono stati chiariti; sono stati migliorati i requisiti relativi alla competenza, agli obblighi e alle prestazioni del servizio tecnico responsabile dell'esecuzione delle prove necessarie per l'omologazione.

Il regolamento stabilisce inoltre che i fabbricanti devono consentire agli operatori indipendenti l'accesso illimitato alle informazioni sulla riparazione e sulla manutenzione dei veicoli, mediante siti Internet.

Riferimenti

Atto

Data di entrata in vigore

Termine ultimo per il recepimento negli Stati membri

Gazzetta ufficiale

Direttiva 2002/24/CE

09.05.2002

09.05.2003

GU L 124 del 09.05.2003

Atto(i) modificatore(i)

Data di entrata in vigore

Termine ultimo per il recepimento negli Stati membri

Gazzetta ufficiale

Regolamento (CE) n. 1137/2008

11.12.2008

-

GU L 311 del 21.11.2008

Regolamento (UE) 168/2013

22.03.2013

-

GU L 60 del 2.3.2013

Le modifiche e correzioni successive della direttiva 2002/24/CE del Consiglio sono state integrate nel testo di base. Questa versione consolidata ha solo valore documentale.

Ultima modifica: 11.11.2013

Top