Help Print this page 

Summaries of EU Legislation

Title and reference
Misure di lotta contro la peste suina classica

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Multilingual display
Text

Misure di lotta contro la peste suina classica

 

SINTESI DI:

Direttiva 2001/89/CE del Consiglio, relativa a misure di lotta contro la peste suina classica

QUAL È LO SCOPO DELLA DIRETTIVA?

Introduce misure di lotta per controllare ed eradicare la peste suina classica, una malattia altamente contagiosa e fatale nei suini, sulla base di una rapida individuazione, isolamento e macellazione.

PUNTI CHIAVE

I paesi dell’Unione europea (UE) devono garantire che l’autorità nazionale competente venga informata dei focolai sospetti e confermati di peste suina classica e che vengano avviate le relative indagini.

Focolai sospetti

In caso di sospetto focolaio, deve essere immediatamente avviata un’indagine. Se la presenza della malattia non è esclusa, l’azienda deve essere posta sotto sorveglianza ufficiale, inoltre:

  • tutti i maiali devono essere isolati, dichiarati malati, morti o potenzialmente infetti e vige il divieto di entrata e uscita;
  • nessuna carcassa, prodotto a base di carne suina o altri materiali, quali utensili che possono trasmettere la peste suina classica possono uscire dall’azienda senza espressa autorizzazione ufficiale;
  • non è permesso alcun movimento non autorizzato di persone o veicoli da e verso l’azienda;
  • gli ingressi e le uscite devono essere disinfettati, così come tutti i veicoli prima di lasciare il luogo.

Focolai confermati

Quando un caso di peste suina è ufficialmente confermato, si applicano le seguenti misure:

  • tutti i suini dell’azienda devono essere abbattuti senza indugio;
  • devono essere prelevati campioni per analizzare il decorso della malattia;
  • le carcasse devono essere trasformate sotto controllo ufficiale;
  • le carni di suini potenzialmente infetti abbattuti nel periodo precedente all’introduzione di tali misure, nonché lo sperma, gli ovuli e gli embrioni devono, per quanto possibile, essere rintracciati e distrutti;
  • le sostanze e i materiali contaminati devono essere distrutti o sottoposti a trattamento;
  • gli edifici interessati devono essere disinfettati o sottoposti a trattamento.

Zone di protezione e di sorveglianza

  • Non appena la diagnosi di peste suina classica è confermata, le autorità creano, intorno alla zona colpita dal focolaio, una zona di protezione con un raggio di almeno 3 km, inserita in una zona di sorveglianza con un raggio di almeno 10 km. Si applicano inoltre le seguenti misure:
    • è vietata la circolazione di suini, salvo alcune eccezioni;
    • una volta utilizzati, i veicoli e le attrezzature vengono puliti, disinfettati e sottoposti a trattamento;
    • è vietata, salvo autorizzazione, l’entrata o l’uscita di qualsiasi altro animale domestico (nella zona di sorveglianza, per i primi sette giorni);
    • tutti i suini morti o malati devono essere immediatamente dichiarati all’autorità competente;
    • i suini non possono uscire dall’azienda in cui si trovano durante almeno i trenta giorni (per le zone di sorveglianza, ventuno giorni) successivi al completamento delle misure di pulizia e di disinfezione, trascorsi i quali potranno essere trasportati per l’abbattimento o la trasformazione;
    • lo sperma, gli ovuli e gli embrioni devono essere isolati;
    • chiunque entri o esca deve osservare opportune norme igieniche.
  • In caso di focolaio confermato in un macello o in mezzi di trasporto, gli animali potenzialmente infetti devono essere abbattuti. Non devono essere introdotti nuovi animali per un periodo di almeno ventiquattro ore dal completamento delle operazioni di disinfezione; le carcasse, le frattaglie e i rifiuti di animali che possono essere stati contaminati devono essere distrutti sotto controllo ufficiale.

Suini selvatici *

  • In caso di focolaio confermato tra suini selvatici, gli esperti dei gruppi nazionali determinano l’area infetta e le azioni da intraprendere. Le aziende suinicole ubicate nella zona devono essere poste sotto sorveglianza e i suini di allevamento isolati dai suini selvatici.
  • I paesi dell’UE devono presentare piani di eradicazione alla Commissione europea entro novanta giorni, comprese linee guida per i cacciatori e metodi di smaltimento delle carcasse. Ogni sei mesi viene trasmessa alla Commissione e agli altri paesi dell’UE una relazione sui progressi compiuti.

Vaccinazione

I vaccini sono normalmente proibiti, ma i singoli paesi possono sottoporre alla Commissione piani di emergenza.

Piani di emergenza

Ciascun paese dell’UE redige un piano di emergenza in caso di comparsa di peste suina classica e deve immediatamente rendere operativo un centro nazionale di lotta contro l’epizoozia qualora si verifichi un focolaio.

Rifiuti di cucina

I paesi dell’UE devono garantire che i rifiuti di cucina non vengano somministrati ai suini.

A PARTIRE DA QUANDO SI APPLICA LA DIRETTIVA?

  • È stata applicata a partire dal 1o dicembre 2001. I paesi dell’UE dovevano integrarla nel proprio diritto nazionale entro il 31 ottobre 2002.
  • La presente direttiva è stata abrogata dal regolamento (UE) 2016/429 a partire dal 21 aprile 2021.

CONTESTO

Per maggiori informazioni, consultare:

* TERMINI CHIAVE

suini selvatici: suini non tenuti o allevati in un’azienda.

ATTO

Direttiva 2001/89/CE del Consiglio, del 23 ottobre 2001, relativa a misure comunitarie di lotta contro la peste suina classica (GU L 316 dell’1.12.2001, pag. 5-35)

Modifiche successive alla direttiva 2001/89/CE sono state integrate nel testo originale. La presente versione consolidata ha esclusivamente valore documentale.

Ultimo aggiornamento: 06.12.2016

Top