Help Print this page 

Summaries of EU Legislation

Title and reference
Identificazione ed etichettatura delle carni bovine

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
Multilingual display
Text

Identificazione ed etichettatura delle carni bovine

SINTESI DI:

Regolamento (CE) n. 1760/2000 — Sistema di identificazione ed etichettatura delle carni bovine e dei prodotti a base di carni bovine

SINTESI

CHE COSA FA QUESTO REGOLAMENTO?

Richiede a tutti i paesi dell’Unione europea (UE) di gestire un sistema di identificazione e registrazione del bestiame. Le norme, che comprendono l’etichettatura obbligatoria, hanno lo scopo di debellare malattie e rendere possibile il tracciamento delle carni bovine lungo l’intera catena alimentare.

PUNTI CHIAVE

Ogni animale, compresi i bovini di importazione, deve disporre di un marchio apposto su ciascun orecchio che consenta l’identificazione e la determinazione del luogo di nascita.

I paesi dell’UE devono istituire una banca dati contenente i dettagli relativi a tutti i bovini e ai loro spostamenti.

Viene rilasciato un passaporto per ciascun animale entro due settimane dalla nascita o dall’importazione. Tale documento accompagna l’animale durante i trasferimenti e viene restituito al momento del decesso.

Tutti gli allevatori devono tenere un registro aggiornato indicando tutte le nascite, i decessi e gli spostamenti dei bovini per le autorità competenti, entro un intervallo di tempo compreso tra tre e sette giorni dall’evento. Tali registrazioni devono restare disponibili fino a tre anni.

Le etichette apposte su tutte le carni bovine in vendita nell’UE devono contenere un codice di riferimento che consenta di identificare l’origine e di conoscere i dettagli relativi al luogo in cui l’animale è stato abbattuto e macellato.

A partire dal 1o gennaio 2002, le etichette indicano anche il paese di nascita dell’animale e il luogo in cui è stato ingrassato e macellato.

Le etichette possono contenere informazioni aggiuntive riguardanti la carne in vendita, ma le diciture devono essere preventivamente approvate dall’autorità nazionale competente.

A PARTIRE DA QUANDO SI APPLICA IL REGOLAMENTO?

È entrato in vigore il 14 agosto 2000.

ATTO

Regolamento (CE) n. 1760/2000 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 luglio 2000, che istituisce un sistema di identificazione e di registrazione dei bovini e relativo all’etichettatura delle carni bovine e dei prodotti a base di carni bovine, e che abroga il regolamento (CE) n. 820/97 del Consiglio (GU L 204 del 11.8.2000, pagg. 1-10)

Le successive modifiche e correzioni al regolamento (CE) n. 1760/2000 sono state incorporate nel testo originale. La presente versione consolidata ha unicamente valore documentale.

ATTI COLLEGATI

Decisione 2006/28/CE della Commissione, del 18 gennaio 2006, relativa alla proroga del termine massimo fissato per l’apposizione di marchi auricolari ai bovini (GU L 19 del 24.1.2006, pagg. 32-33)

Regolamento (CE) n. 644/2005 della Commissione, del 27 aprile 2005, che autorizza un sistema di identificazione speciale relativo ai bovini tenuti per fini culturali e storici in stabilimenti riconosciuti conformemente al regolamento (CE) n. 1760/2000 del Parlamento europeo e del Consiglio (GU L 107 del 28.4.2005, pagg. 18-19)

Decisione 2001/672/CE della Commissione, del 20 agosto 2001, che stabilisce regole specifiche applicabili ai movimenti di bovini destinati al pascolo estivo in zone di montagna (GU L 235 del 4.9.2001, pagg. 23-25). Si veda la versione consolidata.

Ultimo aggiornamento: 29.11.2015

Top