Help Print this page 

Summaries of EU Legislation

Title and reference
Scambi intracomunitari e importazioni di sperma bovino

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Multilingual display
Text

Scambi intracomunitari e importazioni di sperma bovino

 

SINTESI DI:

Direttiva 88/407/CEE: esigenze di polizia sanitaria applicabili agli scambi intracomunitari ed alle importazioni di sperma di animali della specie bovina

QUAL È LO SCOPO DELLA DIRETTIVA?

Stabilisce le norme di polizia sanitaria applicabili agli scambi intracomunitari e alle importazioni nell’Unione europea (UE) di sperma di animali della specie bovina (principalmente buoi domestici, bisonti e bufali).

PUNTI CHIAVE

  • Lo sperma bovino deve soddisfare le condizioni seguenti prima di entrare nell’Unione o essere trasportato in un altro paese dell’UE:
    • deve essere stato raccolto, trattato, immagazzinato e trasportato utilizzando strutture e pratiche approvate allo scopo ed essere indenne dall’afta epizootica e da altre malattie soggette a obbligo di denuncia;
    • deve essere stato raccolto da animali domestici sani provenienti da mandrie in quarantena da almeno 28 giorni, indenni da tubercolosi, brucellosi e leucosi e che non sono state vaccinate contro l’afta epizootica nei precedenti 12 mesi (o che risultano negative ai test per la malattia);
    • devono essere aggiunte specifiche concentrazioni di antibiotici;
    • se non fresco, lo sperma deve essere immagazzinato in condizioni riconosciute, per un periodo minimo di 30 giorni prima della spedizione;
    • deve essere accompagnato, durante il trasporto, da un certificato sanitario.
  • Anche le importazioni di sperma bovino nell’Unione devono rispettare le condizioni di cui sopra e sono consentite solo se provengono da paesi extra-UE autorizzati e ricompresi in un elenco, dipendendo:
    • dalla salute generale degli animali domestici e selvatici nel paese extra-UE;
    • dalla qualità della comunicazione in merito alla presenza di malattie contagiose degli animali;
    • dalla normativa in merito alla profilassi e alla lotta contro le malattie degli animali;
    • dalla struttura dei servizi veterinari;
    • dalle misure profilattiche e di lotta contro le malattie contagiose degli animali;
    • dalle garanzie offerte per quanto riguarda il rispetto della presente direttiva.
  • Gli esperti veterinari della Commissione europea possono, in collaborazione con le autorità nazionali dell’Unione ed extra-UE, effettuare controlli volti a garantire l’applicazione uniforme della direttiva.
  • Nella gestione delle esigenze di polizia sanitaria applicabili agli scambi di sperma bovino, la Commissione è supportata dal comitato permanente per le piante, gli animali, gli alimenti e i mangimi.

A PARTIRE DA QUANDO SI APPLICA LA DIRETTIVA?

È entrata in vigore il 29 giugno 1988. I paesi dell’UE dovevano recepirla nel diritto nazionale entro il 1o gennaio 1990.

Abrogazione

La direttiva 88/407/CEE sarà abrogata e sostituita dal regolamento (UE) 2016/429 a partire dal 21 aprile 2021.

CONTESTO

Per maggiori informazioni, si veda:

DOCUMENTO PRINCIPALE

Direttiva 88/407/CEE del Consiglio, del 14 giugno 1988, che stabilisce le esigenze di polizia sanitaria applicabili agli scambi intracomunitari ed alle importazioni di sperma surgelato di animali della specie bovina (GU L 194 del 22.7.1988, pag. 10-23)

Le successive modifiche alla direttiva 88/407/CEE sono state integrate nel testo originale. La presente versione consolidata ha esclusivamente valore documentale.

DOCUMENTI CORRELATI

Regolamento (CE) n. 178/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 28 gennaio 2002, che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l’Autorità europea per la sicurezza alimentare e fissa procedure nel campo della sicurezza alimentare (GU L 31 dell’1.2.2002, pag. 1-24)

Si veda la versione consolidata.

Decisione 2007/240/CE della Commissione, del 16 aprile 2007, che istituisce nuovi certificati veterinari per l’introduzione nella Comunità di animali vivi, sperma, embrioni, ovuli e prodotti d’origine animale nell’ambito delle decisioni 79/542/CEE, 92/260/CEE, 93/195/CEE, 93/196/CEE, 93/197/CEE, 95/328/CE, 96/333/CE, 96/539/CE, 96/540/CE, 2000/572/CE, 2000/585/CE, 2000/666/CE, 2002/613/CE, 2003/56/CE, 2003/779/CE, 2003/804/CE, 2003/858/CE, 2003/863/CE, 2003/881/CE, 2004/407/CE, 2004/438/CE, 2004/595/CE, 2004/639/CE e 2006/168/CE (GU L 104 del 21.4.2007, pag. 37-50)

Decisione di esecuzione 2011/630/UE della Commissione, del 20 settembre 2011, relativa alle importazioni nell’Unione di sperma di animali domestici della specie bovina (GU L 247 del 24.9.2011, pag. 32-46)

Si veda la versione consolidata.

Regolamento (UE) 2016/429 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 9 marzo 2016, relativo alle malattie animali trasmissibili e che modifica e abroga taluni atti in materia di sanità animale («normativa in materia di sanità animale») (GU L 84 del 31.3.2016, pag. 1-208)

Ultimo aggiornamento: 09.01.2017

Top