Help Print this page 
Title and reference
Scambi intracomunitari e importazioni di embrioni di bovini

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
BG ES CS DA DE ET EL EN FR GA HR IT LV LT HU MT NL PL PT RO SK SL FI SV
HTML html ES html DE html EN html FR html IT
Multilingual display
Text

Scambi intracomunitari e importazioni di embrioni di bovini

L'Unione europea crea un sistema armonizzato di scambi intracomunitari e di importazione di embrioni di animali della specie bovina, al fine di ridurre i rischi di trasmissione di malattie animali.

ATTO

Direttiva 89/556/CEE del Consiglio, del 25 settembre 1989, che stabilisce le condizioni di polizia sanitaria per gli scambi intracomunitari e le importazioni da paesi terzi di embrioni di animali domestici della specie bovina [Cfr. atto(i) modificativo(i)].

SINTESI

La direttiva stabilisce le condizioni di polizia sanitaria che disciplinano gli scambi intracomunitari e le importazioni in provenienza dai paesi terzi di embrioni di animali domestici della specie bovina.

Il commercio intracomunitario di embrioni è limitato agli embrioni che soddisfano le prescrizioni di concepimento, raccolta, trattamento, magazzinaggio e certificazione. Gli embrioni devono essere accompagnati, nel corso del trasporto, da un certificato sanitario attestante la loro conformità alle disposizioni della presente direttiva.

La direttiva prevede un sistema di riconoscimento di un gruppo di raccolta e di produzione di embrioni negli Stati membri e nei paesi terzi. Ogni gruppo è registrato dall'autorità competente del paese interessato e riceve un numero di registrazione veterinario.

L'elenco dei gruppi di raccolta e di produzione di embrioni e il numero di registrazione veterinaria è regolarmente aggiornato dagli Stati membri. Questi poi lo comunicano agli altri Stati membri e al pubblico.

L'importazione di embrioni è autorizzata solo dai paesi terzi riportati su un elenco redatto secondo la procedura prevista all'articolo 18 per quanto concerne taluni criteri (la situazione sanitaria del bestiame, le informazioni sulle malattie contagiose, la prevenzione e la lotta contro le malattie degli animali, la struttura dei servizi veterinari, le garanzie fornite, ecc.).

La direttiva prevede misure di salvaguardia e di controllo applicabili nei paesi di raccolta e nel paese destinatario.

Riferimenti

Atto

Entrata in vigore

Termine ultimo per il recepimento negli Stati membri

Gazzetta ufficiale

Direttiva 89/556/CEE

29.9.1989

1.1.1991

GU L 302, 19.10.1989

Atto/i modificatore/i

Entrata in vigore

Termine ultimo per il recepimento negli Stati membri

Gazzetta ufficiale

Direttiva 90/425/CEE

26.7.1990

26.9.1990

GU L 224, 18.8.1990

Direttiva 93/52/CEE

19.7.1993

31.12.1993

GU L 175, 19.7.1993

Regolamento (CE) n. 806/2003

5.6.2003

-

GU L 122, 16.5.2003

Direttiva 2008/73/CE

3.9.2008

1.1.2010

GU L 219, 14.8.2008

Le modifiche e correzioni successive alla direttiva 89/556/CEE sono state integrate al testo di base. La presente versione consolidata ha unicamente un valore documentale.

ATTI COLLEGATI

Decisione 2006/168/CE della Commissione, del 4 gennaio 2006, che stabilisce le condizioni zoosanitarie e le disposizioni per la certificazione veterinaria relative all’importazione di embrioni di bovini nella Comunità e che abroga la decisione 2005/217/CE [Gazzetta ufficiale L 57 del 28.2.2006].

Ultima modifica: 23.06.2011

Top