Help Print this page 
Title and reference
Ufficio europeo di sostegno per l'asilo

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Multilingual display
Text

Ufficio europeo di sostegno per l'asilo

Il regolamento (UE) n. 439/2010 istituisce un Ufficio europeo di sostegno per l'asilo per rafforzare la cooperazione fra gli Stati membri in questo settore e aiutarli a far fronte alle situazioni di crisi.

ATTO

Regolamento (UE) n. 439/2010 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 maggio 2010, che istituisce l’Ufficio europeo di sostegno per l’asilo.

SINTESI

L'Ufficio europeo di sostegno per l'asilo (EASO) è un'agenzia dell'Unione europea (UE) in funzione dal 2011. Il suo scopo è quello di:

  • stimolare la cooperazione fra gli Stati membri in materia di asilo;
  • sostenere gli Stati membri i cui sistemi di asilo e accoglienza sono sottoposti a particolare pressione;
  • migliorare l'attuazione del sistema europeo comune di asilo (CEAS).

Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera ben presto si uniranno all'Ufficio come paesi associati, una volta che gli accordi negoziati dall'UE con ciascuno di essi saranno ratificati.

Sostenere la cooperazione fra gli Stati membri in materia di asilo

Il ruolo dell'Ufficio in questo campo consiste nel:

  • incoraggiare lo scambio e la condivisione di buone pratiche fra gli Stati membri;
  • organizzare attività relative alla raccolta, l'analisi e la disponibilità di informazioni sui paesi d'origine delle persone che fanno domanda di protezione internazionale;
  • agevolare, ove necessario, la ricollocazione dei beneficiari di protezione internazionale all'interno dell'Unione;
  • istituire e sviluppare la formazione destinata ai membri di tutte le amministrazioni nazionali e organismi giurisdizionali nazionali, e i servizi nazionali responsabili in materia di asilo negli Stati membri;
  • raccogliere informazioni utili per identificare i rischi di massiccio afflusso di richiedenti asilo e la capacità degli Stati membri interessati di reagire, al fine di attivare sistemi di allarme rapido e predisporre le misure di emergenza necessarie per far fronte a queste pressioni.

Sostegno ai paesi dell’UE sottoposti a pressione specifica

L'Ufficio coordina gli aiuti di emergenza per gli Stati membri i cui sistemi di asilo e strutture di ricezione sono soggetti a pressioni eccezionalmente pesanti, fornendo supporto e assistenza temporanea.

L'aiuto consiste essenzialmente nell'invio, agli Stati membri che lo richiedono, di squadre di sostegno per l'asilo che forniscono la propria competenza in materia di servizi di interpretazione, informazioni sui paesi d'origine e conoscenza del trattamento e della gestione dei fascicoli d'asilo.

Quando l'Ufficio decide di inviare una o più squadre di sostegno per l'asilo, esse predispongono un piano operativo in collaborazione con lo Stato membro richiedente, per definire:

  • il modus operandi e gli obiettivi dell'invio;
  • la sua durata prevista;
  • l'area geografica in cui le squadre saranno inviate;
  • la composizione delle squadre e i compiti dei loro membri.

Gli esperti della squadra di sostegno sono messi a disposizione dagli Stati membri e sono parte del Gruppo d'intervento in materia di asilo dell'Ufficio.

Migliorare l’attuazione del sistema europeo comune di asilo (CEAS)

L'Ufficio di sostegno contribuisce all'attuazione del CEAS sia all’interno che all’esterno dell’Unione europea.

In termini di dimensione interna del CEAS, il contributo dell'Ufficio è volto principalmente a:

  • raccogliere informazioni relative al trattamento delle richieste di protezione internazionale negli Stati membri e relative alle legislazioni nazionali in materia di asilo;
  • elaborare una relazione annuale sulla situazione europea in materia di asilo e predisporre, se necessario, i documenti tecnici sull'attuazione degli strumenti di asilo dell'UE.

In termini di dimensione esterna del CEAS, l'Ufficio di sostegno è specificatamente responsabile per:

  • il coordinamento dello scambio di informazioni e delle azioni intraprese dagli Stati membri nel quadro della ricollocazione dei rifugiati provenienti da paesi terzi;
  • la cooperazione con i paesi terzi per promuovere e assisterli nel creare le proprie strutture di asilo e accoglienza e ad attuare programmi di protezione regionali.

Struttura e governance dell'Ufficio

Il Consiglio di amministrazione è l'autorità di pianificazione e monitoraggio dell'Ufficio. Esso è composto da rappresentanti degli Stati membri dell'UE e dei paesi associati, della Commissione europea e da un rappresentante dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR).

Il direttore esecutivo è nominato dal Consiglio di amministrazione ed è responsabile della gestione corrente dell'Ufficio. Egli è il suo rappresentante legale.

Il forum consultivo è uno spazio per il dialogo bilaterale permanente, lo scambio di informazioni e la condivisione di conoscenze tra l'Ufficio e la società civile. Il forum riunisce esperti su vari aspetti dell'asilo.

Le entrate dell'Ufficio provengono principalmente da contributi registrati nel bilancio generale dell'UE e da contributi dei paesi associati.

RIFERIMENTI

Atto

Entrata in vigore

Data limite di trasposizione negli Stati membri

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

Regolamento (UE) n. 439/2010

18.6.2010

-

GU L 132 del 29.5.2010

ATTI COLLEGATI

Decisione 2010/762/UE dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 25 febbraio 2010, che fissa la sede dell'Ufficio europeo di sostegno per l'asilo (GU L 324 del 9.12.2010).

La presente decisione istituisce la sede dell'Ufficio europeo di sostegno per l'asilo a La Valletta, Malta.

Decisione 2014/185/UE del Consiglio, dell'11 febbraio 2014, relativa alla firma, a nome dell'Unione, dell'accordo tra l'Unione europea e la Confederazione svizzera sulle modalità di partecipazione di quest'ultima all'Ufficio europeo di sostegno per l'asilo (GU L 102 del 5.4.2014).

Decisione 2014/186/UE del Consiglio, dell'11 febbraio 2014, relativa alla firma, a nome dell'Unione, dell'accordo tra l'Unione europea e il Principato del Liechtenstein sulle modalità di partecipazione di quest'ultimo all'Ufficio europeo di sostegno per l'asilo (GU L 102 del 5.4.2014].

Decisione 2014/194/UE del Consiglio, dell'11 febbraio 2014, relativa alla firma, a nome dell'Unione, dell'accordo tra l'Unione europea e la Repubblica d'Islanda sulle modalità di partecipazione di quest'ultima all'Ufficio europeo di sostegno per l'asilo GU L 106 del 9.4.2014).

Decisione 2014/204/UE del Consiglio, dell'11 febbraio 2014, relativa alla firma, a nome dell'Unione, e all'applicazione provvisoria dell'accordo tra l'Unione europea e il Regno di Norvegia sulle modalità di partecipazione di quest'ultimo all'Ufficio europeo di sostegno per l'asilo (GU L 109 del 12.4.2014).

Ultima modifica: 22.07.2014

Top