Help Print this page 

Summaries of EU Legislation

Title and reference
Prevenzione e lotta contro la peste suina africana

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
Multilingual display
Text

Prevenzione e lotta contro la peste suina africana

 

SINTESI DI:

Direttiva 2002/60/CE — disposizioni specifiche per la lotta contro la peste suina africana

QUAL È LO SCOPO DELLA PRESENTE DIRETTIVA?

La peste suina africana è una malattia infettiva generalmente fatale nei suini, con gravi conseguenze socio-economiche e per la sanità pubblica. La direttiva stabilisce misure di prevenzione, lotta ed eradicazione.

PUNTI CHIAVE

  • I paesi dell’Unione europea (UE) devono garantire che qualsiasi caso sospetto di peste suina africana sia immediatamente notificato alle proprie autorità nazionali. Se confermato, i risultati delle indagini devono essere comunicati alla Commissione europea e agli altri paesi dell’UE. La diagnosi deve essere effettuata da laboratori riconosciuti per mezzo del manuale diagnostico ufficiale.
  • Se non si può escludere la presenza della malattia, l’azienda deve essere posta sotto sorveglianza e tutti i movimenti di suini, prodotti suini, materiali o rifiuti che possono diffondere la malattia devono essere limitati. Il movimento di persone e veicoli non autorizzati in provenienza o a destinazione dell’azienda è vietato.
  • Se la malattia è ufficialmente confermata, tutti i suini nell’azienda devono essere abbattuti e le loro carcasse devono essere sottoposte a trasformazione. Qualsiasi tipo di carne, materiale o rifiuto potenzialmente contaminato deve essere distrutto, sottoposto a trasformazione o trattamento al fine di garantire che il virus sia distrutto. Possono essere concesse deroghe qualora le unità di produzione sane all’interno delle aziende infette siano completamente distinte. Intorno al sito deve essere istituita una zona di protezione con un raggio di almeno 3 km, inserita in una zona di sorveglianza con un raggio di almeno 10 km.
  • Qualora la malattia si verifichi in un macello o in transito, tutti i suini esposti all’infezione devono essere abbattuti e tutti i materiali devono essere sottoposti a trasformazione. I locali, i veicoli e le attrezzature che potrebbero essere contaminati devono essere puliti e disinfettati.
  • Se si sospetta che siano infetti dei suini selvatici, i paesi dell’UE devono informare i proprietari di suini e i cacciatori e devono effettuare indagini su qualsiasi capo di suino selvatico abbattuto o trovato morto. La zona infetta deve essere definita, le aziende ivi site devono essere poste sotto sorveglianza e la caccia sospesa.
  • Il documento SANCO/7138/2013 contiene gli orientamenti sulla sorveglianza e la lotta contro la peste suina africana tra i suini selvatici.
  • I paesi dell’UE devono presentare un piano di eradicazione della malattia alla Commissione e riferire sui progressi ogni sei mesi.
  • Allo stato attuale, l’utilizzo di vaccini contro la peste suina africana è vietato. Tuttavia tale disposizione può essere modificata in futuro per tenere conto degli sviluppi nella ricerca scientifica e tecnica.
  • I paesi dell’UE devono redigere un piano di emergenza, tenendo conto dei fattori locali, come la densità di suini in particolare, che possono influire sulla propagazione del virus.
  • Gli esperti della Commissione possono effettuare controlli sul posto per garantire l’applicazione uniforme della presente direttiva.

Abrogazione

La presente direttiva è abrogata dal regolamento (UE) 2016/429 a partire dal 21 aprile 2021.

A PARTIRE DA QUANDO SI APPLICA LA DIRETTIVA?

È in vigore dal 9 agosto 2002. I paesi dell’UE dovevano integrarla nel proprio diritto nazionale entro il 1o luglio 2003.

CONTESTO

Per ulteriori informazioni, consultare:

DOCUMENTO PRINCIPALE

Direttiva del Consiglio 2002/60/CE, del 27 giugno 2002, recante disposizioni specifiche per la lotta contro la peste suina africana e recante modifica della direttiva 92/119/CEE per quanto riguarda la malattia di Teschen e la peste suina africana (GU L 192 del 20.7.2002, pagg. 27-46)

Le successive modifiche alla direttiva 2002/60/CE sono state incorporate nel testo base. La presente versione consolidata ha solo valore documentale.

DOCUMENTI CORRELATI

Decisione della Commissione 2003/422/CE, del 26 maggio 2003, recante approvazione di un manuale di diagnostica della peste suina africana [notificata con il numero C(2003) 1696] (GU L 143 dell’11.6.2003, pagg. 35-49)

Regolamento (UE) 2016/429 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 9 marzo 2016, relativo alle malattie animali trasmissibili e che modifica e abroga taluni atti in materia di sanità animale («normativa in materia di sanità animale») (GU L 84 del 31.3.2016, pagg. 1-208)

Ultimo aggiornamento: 20.10.2016

Top