Help Print this page 

Summaries of EU Legislation

Title and reference
Benessere animale: protezione dei polli allevati per la produzione di carne

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Multilingual display
Text

Benessere animale: protezione dei polli allevati per la produzione di carne

 

SINTESI DI:

Direttiva 2007/43/CE: norme minime per la protezione dei polli allevati per la produzione di carne

QUAL È LO SCOPO DELLA DIRETTIVA?

  • Mira a introdurre norme per migliorare il benessere animale nelle aziende dell’Unione europea (UE) dove vengono allevati polli per la produzione di carne.
  • Tali norme hanno lo scopo di evitare distorsioni della concorrenza nel settore.

PUNTI CHIAVE

Ambito di applicazione

  • La direttiva si applica ai polli allevati per la produzione di carne (broiler) e agli animali d’allevamento presenti nelle aziende con animali sia da riproduzione che d’allevamento.
  • Non si applica:
    • alle aziende con meno di 500 polli;
    • alle aziende in cui sono allevati soltanto gruppi di polli da riproduzione;
    • agli incubatoi*;
    • ai polli allevati estensivamente al coperto e all’aperto;
    • ai polli allevati con metodi biologici.

Norme che si applicano a tutte le aziende

  • I pollai dove vengono allevati i polli devono consentire a tutti i polli l’accesso adeguato:
    • agli abbeveratoi,
    • al mangime,
    • a una lettiera asciutta e friabile.
  • Gli edifici devono essere adeguatamente illuminati durante le ore di luce e vi dev’essere sufficiente ventilazione.
  • Tutti i polli presenti nell’azienda devono essere ispezionati almeno due volte al giorno.
  • I polli gravemente feriti o in cattiva salute devono essere sottoposti a terapia o abbattuti immediatamente.
  • Sono generalmente proibiti gli interventi chirurgici effettuati a fini diversi da quelli terapeutici. La troncatura del becco e la castrazione sono consentite solo in determinati casi.
  • Il proprietario o detentore deve tenere un registro per ciascun pollaio dell’azienda, indicante:
    • il numero di polli introdotti e rimanenti una volta prelevati quelli destinati alla vendita o alla macellazione;
    • l’area utilizzabile;
    • l’ibrido o la razza dei polli;
    • il tasso di mortalità.

Densità *

  • I paesi dell’UE devono garantire che la densità massima in un’azienda o nel pollaio di un’azienda non superi mai i 33 kg/m2.
  • È consentita una densità superiore al massimo di 39 kg/m2 se il proprietario o detentore rispetta i requisiti stabiliti nell’allegato II alla direttiva (parametri ambientali). Il proprietario o detentore deve fornire alle autorità competenti la documentazione specifica contenente le specifiche tecniche relative all’azienda e alla relativa attrezzatura.
  • Tali aziende ad elevata densità devono essere dotate di sistemi di ventilazione, di riscaldamento e raffreddamento per mantenere la temperatura, l’umidità e le concentrazioni di CO2 e NH3 adeguate.
  • In circostanze eccezionali, definite nell’allegato V, la densità può arrivare fino a un massimo di 42 kg/m2.

Formazione

  • Le persone che si occupano dei polli devono possedere un certificato che attesta il completamento di un corso di formazione approvato o un’esperienza equivalente a una tale formazione. I corsi di formazione devono riguardare i seguenti aspetti di benessere:
    • i requisiti di densità per le aziende;
    • la fisiologia animale;
    • la manipolazione del pollame e la somministrazione di cure d’emergenza;
    • la biosicurezza preventiva.
  • I paesi dell’UE devono incoraggiare lo sviluppo e la distribuzione di guide pratiche per una buona gestione.

Ispezioni

Le autorità nazionali devono eseguire ispezioni regolari delle aziende per garantire che rispettino la direttiva. Ogni anno, devono presentare una relazione alla Commissione europea sulle ispezioni effettuate e un elenco delle azioni intraprese per affrontare eventuali problemi di benessere riscontrati.

Monitoraggio e controlli successivi presso i macelli

Il monitoraggio presso i macelli garantisce la registrazione del numero di polli da carne morti all’arrivo. Nel corso dell’ispezione post mortem possono essere individuate indicazioni di condizioni di scarso benessere. Se vengono individuate indicazioni di tal genere, l’azienda e le autorità competenti devono intraprendere misure adeguate.

Relazione

  • Negli ultimi anni, un’ampia gamma di tratti metabolici e comportamentali dei polli da carne è stata modificata tramite selezione genetica, il che ha comportato diverse questioni legate al benessere, relativamente alle zampe e al movimento, alla sindrome della morte improvvisa e alle malattie della pelle, quali la dermatite da contatto. Nel 2016, la Commissione ha pubblicato una relazione che esamina l’influenza dei parametri genetici sule carenze individuate che provocano uno scarso benessere dei polli. La relazione ha concluso che:
    • gli allevatori stanno progressivamente tenendo conto dei tratti relativi alla salute e al benessere dei polli nei loro programmi di selezione;
    • la normativa attuale prevede un sistema di monitoraggio degli indicatori del benessere animale in condizioni commerciali che potrebbero essere ulteriormente usati nell’ambito della selezione genetica.

Comitato permanente

Il comitato permanente per le piante, gli animali, gli alimenti e i mangimi assiste la Commissione europea nell’attuazione della presente direttiva.

A PARTIRE DA QUANDO SI APPLICA LA DIRETTIVA?

La direttiva è in vigore dal 1o agosto 2007. I paesi dell’UE dovevano integrarla nel proprio diritto nazionale entro il 30 giugno 2010.

CONTESTO

Per maggiori informazioni, consultare:

* TERMINI CHIAVE

Incubatoio: un edificio dove le uova del pollame vengono incubate, spesso in condizioni artificiali tramite l’uso di incubatrici.

Densità: il peso vivo complessivo dei polli presenti contemporaneamente in un pollaio per metro quadro di area utilizzabile.

DOCUMENTO PRINCIPALE

Direttiva 2007/43/CE del Consiglio, del 28 giugno 2007, che stabilisce norme minime per la protezione dei polli allevati per la produzione di carne (GU L 182 del 12.7.2007, pagg. 19-28)

DOCUMENTI CORRELATI

Relazione della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio relativa all’influenza della selezione genetica sul benessere dei polli allevati per la produzione di carne [COM(2016) 182 final del 7.4.2016]

Ultimo aggiornamento: 09.01.2017

Top