Help Print this page 
Title and reference
Classificazione, imballaggio ed etichettatura delle sostanze chimiche e delle loro miscele

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Multilingual display
Text

Classificazione, imballaggio ed etichettatura delle sostanze chimiche e delle loro miscele

Il regolamento mira a garantire che i lavoratori e i consumatori dell’Unione europea (UE) siano chiaramente informati dei pericoli connessi con le sostanze chimiche per mezzo di un sistema di classificazione ed etichettatura. Lo scopo è garantire che gli stessi pericoli siano descritti ed etichettati allo stesso modo in tutti i paesi dell’UE.

ATTO

Regolamento (CE) n. 1272/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2008, relativo alla classificazione, all’etichettatura e all’imballaggio delle sostanze e delle miscele che modifica e abroga le direttive 67/548/CEE e 1999/45/CE e che reca modifica al regolamento (CE) n. 1907/2006.

SINTESI

Il regolamento mira a garantire che i lavoratori e i consumatori dell’Unione europea (UE) siano chiaramente informati dei pericoli connessi con le sostanze chimiche per mezzo di un sistema di classificazione ed etichettatura. Lo scopo è garantire che gli stessi pericoli siano descritti ed etichettati allo stesso modo in tutti i paesi dell’UE.

CHE COSA FA IL PRESENTE REGOLAMENTO?

Stabilisce requisiti uniformi per la classificazione, l’etichettatura e l’imballaggio di sostanze chimiche e miscele secondo il Sistema mondiale armonizzato di classificazione ed etichettatura delle sostanze chimiche (Globally Harmonised System of Classification and Labelling of Chemicals, GHS). Richiede alle aziende di classificare, etichettare e imballare adeguatamente le loro sostanze chimiche pericolose prima della loro immissione sul mercato.

I principali settori non contemplati dal presente regolamento sono: sostanze e miscele radioattive, cosmetici, medicinali e alcuni dispositivi medici, alimenti o il trasporto di merci pericolose.

PUNTI CHIAVE

Classificazione

Le sostanze e le miscele sono classificate in specifiche categorie e classi di rischio: i) pericoli fisico-chimici (ad esempio liquido infiammabile); ii) pericoli per la salute (tossicità acuta); iii) pericoli ambientali (ad esempio per lo strato di ozono). L’allegato I stabilisce i criteri per la classificazione e l’etichettatura delle sostanze e delle miscele pericolose.

Etichettatura

Le sostanze e le miscele devono essere etichettate con le seguenti informazioni:

dati del fornitore;

nome della sostanza o miscela e/o numero di identificazione;

quantità nominale di una sostanza o miscela negli imballaggi a disposizione del pubblico (a meno che tale quantità sia specificata altrove sull’imballaggio);

pittogrammi di pericolo (composizione grafica che unisce un simbolo e un altro elemento visivo);

avvertenze («Attenzione» o «Pericolo»);

frasi di rischio («Pericolo di incendio o di proiezione», «Letale se ingerito», etc.);

consigli per la sicurezza («Conservare soltanto nel contenitore originale», «Proteggere dall’umidità», «Tenere fuori dalla portata dei bambini» ecc.).

Imballaggio

L’imballaggio delle sostanze e delle miscele pericolose deve: i) impedire fuoriuscite del contenuto; ii) essere costituito da materiali che sono resistenti a contatto con il contenuto; iii) essere solido e robusto e iv) provvisto di chiusure sigillabili.

In alcuni casi, sono necessarie chiusure di sicurezza per bambini e un’indicazione di pericolo riconoscibile al tatto.

Armonizzazione

L’industria dovrebbe raggiungere un accordo sulla classificazione di tutte le sostanze. Tuttavia, per rischi particolarmente gravi, soprattutto nel caso di sostanze cancerogene, mutagene o tossiche per la riproduzione, i paesi dell’UE possono proporre classificazioni armonizzate che la Commissione europea rende poi obbligatorie per legge.

Notifica

La classificazione e l’etichettatura di ogni sostanza registrata o pericolosa per la vendita deve essere comunicata all’Agenzia europea delle sostanze chimiche per l’inclusione nell’inventario delle classificazioni e delle etichettature che l’Agenzia aggiorna regolarmente.

A PARTIRE DA QUANDO SI APPLICA IL PRESENTE REGOLAMENTO?

A decorrere dal 20 gennaio 2009. Si applica obbligatoriamente alle sostanze dal 1o dicembre 2010 e alle miscele dal 1o giugno 2015.

CONTESTO

Il regolamento completa il sistema REACH per la registrazione, la valutazione, l’autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche. Modifica la direttiva 67/548/CEE relativa alle sostanze chimiche e la direttiva 1999/45/CE sulle miscele e le abroga, con effetto dal 1o giugno 2015.

Per ulteriori informazioni, consultare il sito Internet sulle sostanze chimiche della Commissione europea.

RIFERIMENTI

Atto

Data di entrata in vigore

Data limite di trasposizione negli Stati membri

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

Regolamento (CE) n. 1272/2008

20.1.20091.12.2010 (titoli II, III e IV per le sostanze)1.6.2015 (titoli II, III e IV per le miscele)

-

GU L 353 del 31.12.2008, pag. 1-1355

ATTI COLLEGATI

Direttiva 2014/27/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 febbraio 2014, che modifica le direttive 92/58/CEE, 92/85/CEE, 94/33/CE, 98/24/CE del Consiglio e la direttiva 2004/37/CE del Parlamento europeo e del Consiglio allo scopo di allinearle al regolamento (CE) n. 1272/2008 relativo alla classificazione, all’etichettatura e all’imballaggio delle sostanze e delle miscele (GU L 65 del 5.3.2014, pag. 1-7).

Ultima modifica: 12.03.2015

Top