Help Print this page 

Summaries of EU Legislation

Title and reference
Normativa dell’Unione europea in materia di reati ambientali

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
Multilingual display
Text

Normativa dell’Unione europea in materia di reati ambientali

SINTESI DI:

Direttiva 2008/99/CE sulla tutela penale dell’ambiente

SINTESI

CHE COSA FA LA DIRETTIVA?

La direttiva istituisce un numero di reati gravi ai danni dell’ambiente.

Impone ai paesi dell’Unione europea (UE) l’introduzione di sanzioni efficaci, proporzionate e dissuasive per questo tipo di reati, siano essi intenzionali o conseguenti a una grave negligenza.

PUNTI CHIAVE

I comportamenti illeciti* con impatti negativi sulla salute umana e/o sull’ambiente, soggetti a sanzioni, comprendono:

lo scarico, l’emissione o l’immissione nell’aria, nel suolo o nelle acque di materiali pericolosi;

la raccolta, il trasporto, il recupero o lo smaltimento di rifiuti pericolosi;

la spedizione di rifiuti in quantità non trascurabile;

il funzionamento di un impianto in cui sono svolte attività pericolose o nel quale siano depositate sostanze pericolose (ad es. fabbriche che producono vernici o sostanze chimiche);

la produzione, il trattamento, il deposito, l’uso, il trasporto, l’esportazione o l’importazione e lo smaltimento di materiali nucleari e/o altre sostanze radioattive pericolose;

l’uccisione, il possesso, o il commercio in quantità non trascurabile di specie animali o vegetali protette;

il deterioramento di habitat protetti;

la produzione, il commercio o l’uso di sostanze che riducono lo strato di ozono (ad es. prodotti chimici negli estintori o solventi per la pulizia).

Sanzioni:

I paesi dell’UE devono garantire che i reati/comportamenti illeciti elencati nella presente direttiva siano passibili di sanzioni penali effettive, proporzionate e dissuasive per gli individui (persone fisiche*).

Se reati vengono commessi per conto di una persona giuridica* (ad es. una società) da parte di un individuo che occupi una posizione dirigente in seno alla persona giuridica, i paesi dell’UE devono garantire che sia l’individuo sia la persona giuridica possano essere ritenuti responsabili.

Se un individuo sotto l’autorità di una persona giuridica non ha adempiuto ai suoi doveri di sorveglianza o controllo, i paesi dell’UE devono garantire che sia l’individuo sia la persona giuridica possano essere ritenuti responsabili.

A seconda del sistema giuridico di ciascun paese dell’UE, la responsabilità delle persone giuridiche può essere penale o non penale.

La presente direttiva si basa su la direttiva 2004/35/CE, che stabilisce norme sulla responsabilità ambientale in materia di prevenzione e riparazione del danno ambientale.

Il perseguimento di reati ambientali è responsabilità di tutti i paesi dell’UE. Poiché i sistemi giuridici differiscono tra i paesi dell’UE, i criminali possono sfruttare la mancanza di comunicazione tra le autorità nazionali. Le reti di professionisti del settore ambientale, quali la rete dell’Unione europea per l’attuazione e il controllo del rispetto del diritto dell’ambiente (IMPEL), il Forum dell’Unione europea dei giudici per l’ambiente (EUFJE) e la rete europea dei pubblici ministeri materia ambientale (ENPE), ricoprono un ruolo importante nello scambio di buone pratiche e nello sviluppo di metodologie per l’attuazione efficace delle norme.

CONTESTO

Reati ambientali

TERMINI CHIAVE

* Illecito: in questo contesto, si intende una violazione delle legislazioni nazionali dell’UE che danno effetto alla normativa UE cui si riferisce negli allegati della direttiva 2008/99/CE.

* Persona fisica: un essere umano.

* Persona giuridica: tutti i soggetti giuridici (ad es. una società, o altro ente titolare di diritti e obblighi) secondo il diritto nazionale, fatta eccezione per gli Stati e le organizzazioni pubbliche e internazionali.

ATTO

Direttiva 2008/99/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 novembre 2008, sulla tutela penale dell’ambiente (GU L 328 del 6.12.2008, pagg. 28-37)

Ultimo aggiornamento: 25.11.2015

Top