Help Print this page 
Title and reference
Piano di efficienza energetica 2011

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Multilingual display
Text

Piano di efficienza energetica 2011

L’efficienza energetica è un elemento fondamentale della politica energetica dell’Unione europea (UE) e uno strumento efficace per la lotta ai cambiamenti climatici, per la riduzione delle spese energetiche e in vista di una minore dipendenza dai fornitori esterni.

ATTO

Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni «Piano di efficienza energetica 2011», COM(2011) 109 def. del 8.3.2011.

SINTESI

L’efficienza energetica è un elemento fondamentale della politica energetica dell’Unione europea (UE) e uno strumento efficace per la lotta ai cambiamenti climatici, per la riduzione delle spese energetiche e in vista di una minore dipendenza dai fornitori esterni.

CHE COSA FA QUESTA COMUNICAZIONE?

Stabilisce dei piani che promuovono un’economia compatibile con le risorse del pianeta, attua un sistema a basse emissioni di carbonio, aumenta l’indipendenza energetica dell’UE e rafforza la sicurezza dell’approvvigionamento energetico.

PUNTI CHIAVE

Ridurre il consumo di energia nel settore edilizio è molto importante, dal momento che questo settore rappresenta quasi il 40 % del consumo finale di energia. Il presente documento evidenzia i processi in grado di incrementare l’efficienza energetica in questo settore, quali ad esempio la formazione di architetti e ingegneri attraverso l’agenda per nuove competenze e nuovi posti di lavoro e la possibilità da parte delle società di servizi energetici (ESCO) di aiutare finanziariamente le autorità pubbliche per ridurre i consumi di energia.

Per quanto riguarda l’industria, il presente documento incoraggia nuove strumentazioni e nuove infrastrutture che si attengono alla direttiva sul sistema per lo scambio delle quote di emissioni e alla direttiva relativa alle emissioni industriali.

Il presente documento propone di rafforzare la direttiva sulla progettazione ecocompatibile e di fissare norme rigorose per le apparecchiature delle abitazioni quali scaldacqua e computer. Allo stesso tempo, migliorare la comprensione del significato del marchio di qualità ecologica da parte dei consumatori dovrebbe contribuire a promuovere prodotti ad alta efficienza energetica.

Il presente documento cita strumenti finanziari quali il programma Energia intelligente per l’Europa e il programma europeo per favorire la ripresa economica come mezzi per finanziare l’efficienza energetica. Tuttavia, ai sensi della direttiva sull’efficienza energetica, derivata dal presente documento, i finanziamenti per l’efficienza energetica derivano da programmi quali Orizzonte 2020, il Fondo europeo per l’efficienza energetica e i fondi strutturali e di investimento europei.

CONTESTO

Tale piano fa parte degli obiettivi 20-20-20 del pacchetto per il clima e l’energia 2020 dell’UE. Gli altri due obiettivi consistono nella riduzione, entro il 2020, delle emissioni di gas a effetto serra del 20 % rispetto ai livelli del 1990 e nella produzione del 20 % dell’energia dell’UE da fonti rinnovabili.

Per maggiori informazioni, si vedano i siti Internet della Commissione europea su Efficienza energetica, Progettazione ecocompatibile e Energia intelligente per l’Europa.

TERMINI CHIAVE

La frammentazione degli incentivi si riferisce alla situazione comune in cui sia i proprietari che gli affittuari sono riluttanti a pagare per migliorare la prestazione energetica di un immobile in locazione in quanto i benefici sono condivisi fra le due parti.

ATTI COLLEGATI

Direttiva 2009/125/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 ottobre 2009, relativa all’istituzione di un quadro per l’elaborazione di specifiche per la progettazione ecocompatibile dei prodotti connessi all’energia (GU L 2085 del 31.10.2009, pag. 10-35).

Direttiva 2012/27/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 ottobre 2012, sull’efficienza energetica, che modifica le direttive 2009/125/CE e 2010/30/UE e abroga le direttive 2004/8/CE e 2006/32/CE (GU L 315 del 14.11.2012, pag. 1-56).

Ultima modifica: 27.08.2015

Top