Help Print this page 
Title and reference
Promozione dell’uso dell’energia da fonti rinnovabili

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
BG ES CS DA DE ET EL EN FR GA HR IT LV LT HU MT NL PL PT RO SK SL FI SV
HTML html ES html CS html DA html DE html EL html EN html FR html IT html HU html NL html PL html PT html RO html FI html SV
Multilingual display
Text

Promozione dell’uso dell’energia da fonti rinnovabili

La presente direttiva stabilisce un quadro comune per l'utilizzo di fonti rinnovabili al fine di limitare le emissioni di gas ad effetto serra e di promuovere un trasporto più pulito. A tale scopo, sono stati definiti dei piani d’azione nazionali e le modalità di utilizzo dei biocarburanti.

ATTO

Direttiva 2009/28/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2009, sulla promozione dell’uso dell’energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE (Testo rilevante ai fini del SEE).

SINTESI

La presente direttiva mira ad istituire un quadro comune per la produzione di energia a partire da fonti rinnovabili e per promuoverne l’uso.

Obiettivi nazionali e misure

Per ciascuno Stato membro è stato fissato un obiettivo per la quota di energia da fonti rinnovabili sul consumo finale lordo di energia entro il 2020. Tale obiettivo è coerente con l’obiettivo globale20-20-20 dell’Unione europea (UE).

Per quanto riguarda il settore dei trasporti, la quota di energia da fonti rinnovabili utilizzata dev’essere pari almeno al 10% del consumo finale di energia entro il 2020.

Piani di azione nazionali per le energie rinnovabili

Ogni Stato membro adotterà un piano d’azione nazionale per il 2020 che fissa la quota di energia da fonti rinnovabili:

  • nei trasporti;
  • nella produzione di elettricità;
  • nel riscaldamento.

Tali piani di azione prenderanno in considerazione altre misure relative all’efficienza energetica, soprattutto l’obiettivo di ridurre il consumo di energia complessivo. Tali piani dovranno inoltre prevedere le modalità delle riforme dei regimi di pianificazione e di fissazione delle tariffe, nonché l'accesso alle reti elettriche, per favorire l’energia da fonti rinnovabili.

Cooperazione fra Stati membri

Gli Stati membri possono scambiare una quantità di energia da fonti rinnovabili mediante un trasferimento statistico, intraprendere progetti comuni per la produzione di elettricità e di riscaldamento da fonti rinnovabili.

Inoltre, é possibile stabilire una cooperazione con Paesi terzi, sempre che siano soddisfatte le seguenti condizioni:

  • l'elettricità dev’essere consumata nell’UE;
  • l’elettricità dev’essere prodotta in un impianto costruito dopo giugno 2009;
  • la quantità di elettricità prodotta ed esportata non deve beneficiare di nessun altro sostegno.

Garanzia di origine

Ciascuno Stato membro dev’essere in grado di poter garantire l'origine dell'elettricità, nonché dell'energia per il riscaldamento e il raffreddamento, da fonti rinnovabili. L'informazione contenuta in queste garanzie di origine è normalizzata e dev’essere riconosciuta in tutti gli Stati membri. Essa può anche venire utilizzata per fornire ai consumatori informazioni relative alla composizione delle varie fonti di elettricità.

Accesso e funzionamento delle reti

Gli Stati membri devono realizzare le infrastrutture necessarie all’uso delle energie prodotte da fonti rinnovabili nel settore dei trasporti. A tal fine, gli Stati devono:

  • verificare che i gestori garantiscano la trasmissione e la distribuzione dell'elettricità prodotta da fonti rinnovabili;
  • provvedere affinché questo tipo di energia abbia un accesso prioritario.

Biocarburanti e bioliquidi

La direttiva prende in considerazione l'energia prodotta a partire dai biocarburanti e dai bioliquidi. La riduzione delle emissioni di gas a effetto serra grazie all’uso di biocarburanti e di bioliquidi presi in considerazione dev’essere pari almeno al 35%. A decorrere dal 1o gennaio 2017 la percentuale di riduzione dev’essere portata almeno al 50%.

I biocarburanti e i bioliquidi sono realizzati a partire da materie prime provenienti dall'interno o dall'esterno della Comunità. I biocarburanti e i bioliquidi non devono essere prodotti a partire da materie prime provenienti da terreni di grande valore in termini di diversità biologica o che presentano un rilevante stock di carbonio. Per beneficiare di un sostegno finanziario, devono essere qualificati come sostenibili secondo i criteri della presente direttiva.

Contesto

La direttiva fa parte del pacchetto legislativo Energia e Cambiamenti climatici, che inscrive in un quadro legislativo gli obiettivi di riduzione delle emissioni di gas a effetto serra nell’UE. Tale pacchetto incoraggia l'efficienza energetica, il consumo di energia da fonti rinnovabili, il miglioramento dell'approvvigionamento di energia e il rilancio economico di un settore dinamico nel quale l'Europa fa da esempio.

RIFERIMENTI

Atto

Data di entrata in vigore

Termine ultimo per il recepimento negli Stati membri

Gazzetta ufficiale

Direttiva 2009/28/CE

25.6.2009

5.12.2010

GU L 140 del 5.6.2009

ATTO COLLEGATO

Relazione della Commissione, del 25 febbraio 2010, al Consiglio e al Parlamento Europeo sui criteri di sostenibilità relativamente all'uso di fonti da biomassa solida e gassosa per l'elettricità, il riscaldamento e il raffreddamento [ COM(2010) 11 final - Non pubblicata nella Gazzetta Ufficiale].

La presente relazione è accompagnata da una valutazione d'impatto (SEC(2010)65) e da una sintesi della valutazione d'impatto (SEC(2010)66)

La relazione presenta i risultati dell'analisi condotta dalla Commissione sui criteri di un regime di sostenibilità per gli usi energetici della biomassa diversi dai biocarburanti e dai bioliquidi (ovvero i combustibili solidi e gassosi per l'elettricità, il riscaldamento e il raffreddamento).

Nella sua analisi dei criteri per l'estensione del sistema di sostenibilità dell'Unione europea ai combustibili solidi e gassosi provenienti da fonti di biomassa per l'elettricità, il riscaldamento e il raffreddamento, la Commissione ha preso in considerazione tre principi che una politica europea in materia di sostenibilità della biomassa è tenuta a soddisfare:

  • efficacia nella gestione dei problemi legati all'uso sostenibile della biomassa;
  • economicità nel raggiungimento degli obiettivi;
  • coerenza con le politiche esistenti.

Sulla base di questi elementi di analisi, la relazione conclude che, in questa fase, non è necessario istituire un sistema europeo a carattere vincolante e armonizzato in questo settore. Le misure in vigore sono sufficienti a garantire che la biomassa solida e gassosa consumata nell'Unione europea nel settore dell'elettricità, del riscaldamento e del raffreddamento è sostenibile.

Tuttavia, la Commissione formula raccomandazioni in materia di sostenibilità e sollecita gli Stati membri a prenderle in considerazione per garantire la coerenza dei sistemi nazionali di sostenibilità attuale e futura. Le raccomandazioni si basano principalmente sul sistema di sostenibilità previsto dalla direttiva 2009/28/CE sui biocarburanti e bioliquidi.

La Commissione precisa che entro il 31 dicembre 2011 redigerà una nuova relazione, che segnalerà se i sistemi nazionali hanno sufficientemente e adeguatamente affrontato il tema della sostenibilità dell'uso di biomassa proveniente dall'Unione europea e da Paesi terzi e se tali sistemi hanno comportato la creazione di barriere agli scambi e allo sviluppo del settore bioenergetico. Essa esaminerà l'eventuale opportunità di misure aggiuntive, come ad esempio di criteri di sostenibilità comuni a livello europeo.

Relazione della Commissione al Parlamento europeo, al consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni sui progressi nell’uso dell’energia da fonti rinnovabili ( COM/2013/0175 final ) [Non pubblicata nella Gazzetta Ufficiale].

L’obiettivo principale di tale relazione è valutare i progressi compiuti dagli Stati membri nel promuovere l’uso dell’energia da fonti rinnovabili per raggiungere gli obiettivi del 2020. Essa ha riscontrato che l’attuazione della direttiva sull’energia da fonti rinnovabili e le politiche nazionali, come previsto dai piani d’azione nazionale, si è tradotta in una crescita significativa dell’energia da fonti rinnovabili nella maggior parte degli Stati membri, rispetto alla relazione precedente della Commissione. Tuttavia, gli ostacoli a tale crescita richiedono del tempo per scomparire e la prospettiva per il 2020 è piuttosto cupa. Misure aggiuntive saranno perciò necessarie a livello dei singoli Stati membri per poter continuare a progredire verso il raggiungimento degli obiettivi fissati.

Tali sforzi dovrebbero focalizzarsi su:

  • semplificazione e chiarimento delle procedure amministrative per la pianificazione e l’autorizzazione, nonché per lo sviluppo e l’uso delle infrastrutture;
  • gestione della produzione di energia da fonti rinnovabili nel sistema elettrico;
  • effettività ed efficienza degli schemi di sostegno per l’energia da fonti rinnovabili.

Anche lo sviluppo tecnologico e la riduzione dei costi sono fondamentali; tale questione sarà esaminata in una futura comunicazione della Commissione sulle tecnologie e l’innovazione nel settore energetico.

Ultima modifica: 06.02.2014

Top