Help Print this page 
Title and reference
Ex Repubblica iugoslava di Macedonia – Energia

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
BG ES CS DA DE ET EL EN FR GA HR IT LV LT HU MT NL PL PT RO SK SL FI SV
HTML html ES html DE html EN html FR html IT
Multilingual display
Text

Ex Repubblica iugoslava di Macedonia – Energia

I paesi candidati conducono negoziati con l’Unione europea (UE) al fine di prepararsi all’adesione. Tali negoziati di adesione riguardano l’adozione e l’applicazione della legislazione europea (acquis) e specificatamente le priorità identificate congiuntamente dalla Commissione e dai paesi candidati, nel corso dello screening dell’acquis politico e legislativo dell’UE. Ogni anno la Commissione esamina i progressi compiuti dai candidati al fine di valutare gli sforzi ancora da effettuare fino alla loro adesione. Questo monitoraggio è oggetto di relazioni annuali presentate al Consiglio e al Parlamento europeo.

ATTO

Relazione della Commissione – [COM(2011) 666 def. – SEC(2011) 1203 – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

SINTESI

Lo status di paese candidato all’adesione all’Unione europea (UE) è stato conferito all’ex Repubblica iugoslava di Macedonia nel 2005. Il partenariato per l’adesione, adottato dal Consiglio nel 2008, sostiene i preparativi del paese in vista della sua futura adesione e l’allineamento della sua legislazione all’acquis comunitario. Nel 2008 i negoziati di adesione non erano ancora iniziati, poiché il paese doveva ancora fare progressi per raggiungere gli obiettivi e le condizioni previsti dal partenariato.

La relazione 2011 registra progressi soddisfacenti, in particolare grazie alla promulgazione della nuova legge-quadro. L’efficacia del mercato interno deve però essere rafforzata.

ACQUIS DELL’UNIONE EUROPEA (secondo i termini della Commissione)

La politica europea dell’energia ha come obiettivi il miglioramento della competitività, la sicurezza delle fonti d’approvvigionamento e la protezione dell’ambiente. L'acquis nel campo energetico include norme e politiche riguardanti in particolare la concorrenza e gli aiuti di Stato (anche nel settore del carbone), il mercato interno dell’energia (ad esempio, l’apertura dei mercati dell’elettricità e del gas, la promozione delle energie rinnovabili), l’efficienza energetica e l’energia nucleare.

VALUTAZIONE (secondo i termini della Commissione)

Fra i buoni progressi compiuti nel settore dell'energia vanno segnalate in particolare la promulgazione della nuova legislazione quadro e la risoluzione della vertenza di lunga data con l'operatore del sistema di distribuzione, un grosso investitore dell'UE. Occorre ancora creare un mercato dell’elettricità funzionante e condizioni favorevoli alla concorrenza. L'indipendenza finanziaria dell'ente regolatore per la radioprotezione non è ancora garantita.

ATTI CONNESSI

Relazione della Commissione [COM(2010) 660 def. – SEC(2010) 1327 - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale]. Malgrado i progressi compiuti dal paese, la relazione 2010 insiste sulla necessità di completare la legislazione e di razionalizzare i prezzi dell'energia.

Relazione della Commissione [COM(2009) 533 def.– SEC(2009) 1334 def. – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

Relazione della Commissione [COM(2008) 674 def. – SEC(2008) 2699 def. – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

La relazione del novembre 2008 sottolinea i progressi compiuti nel settore dell’energia, in particolare nel recepimento della legislazione e nella liberalizzazione del mercato dell’energia elettrica. Permangono tuttavia alcune lacune, soprattutto in materia di tariffe e di distribuzione dell’energia elettrica. Il settore dell’energia non è ancora del tutto indipendente e il paese non è ancora sufficientemente preparato.

See also

  • Sito della direzione generale Allargamento, strategia di allargamento e relazioni sui progressi compiuti 2011 (DE) (EN) (FR)

Ultima modifica: 20.12.2011

Top