Help Print this page 
Title and reference
Strategie nazionali di integrazione dei Rom: quadro europeo comune - EUR-Lex

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
BG ES CS DA DE ET EL EN FR GA HR IT LV LT HU MT NL PL PT RO SK SL FI SV
HTML html ES html CS html DE html EN html FR html IT html HU html PL html RO
Multilingual display
Text

Strategie nazionali di integrazione dei Rom: quadro europeo comune - EUR-Lex

La Commissione presenta una serie di raccomandazioni per l’elaborazione di strategie nazionali di integrazione sociale ed economica dei Rom. Si invitano gli Stati membri a trasmettere le loro strategie alla Commissione entro la fine del 2011.

ATTO

Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni del 5 aprile 2011Quadro dell’UE per le strategie nazionali di integrazione dei Rom fino al 2020 [COM (2011) 173 definitivo – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

SINTESI

L'Unione europea (UE) invita i suoi Stati membri ad adottare strategie nazionali che mirino a migliorare la situazione economica e sociale dei Rom da ora al2020. La Commissione presenta pertanto un quadro di obiettivi europei comuni, complementari agli obiettivi della strategia Europa 2020.

Prima della fine del 2011, gli Stati membri dovranno proporre strategie di integrazione o una serie di misure politiche volte a migliorare l’accesso delle popolazioni Rom:

  • all’istruzione, facendo in modo che tutti i bambini Rom completino almeno la scuola primaria;
  • all’occupazione, all’assistenza sanitaria, all’alloggio e ai servizi essenziali (in particolare alle reti pubbliche dell’acqua, del gas e dell’elettricità), allo scopo di ridurre i divari esistenti con il resto della popolazione.

Nel 2012 la Commissione dovrà procedere a una valutazione di tali strategie e garantirne la corretta attuazione, attraverso un meccanismo di monitoraggio che includerà diversi attori. Al riguardo, prevede di presentare al Consiglio e al Parlamento europeo relazioni annuali sul monitoraggio.

Infine, la Commissione promuove la riforma e il rafforzamento della piattaforma europea per l’integrazione dei Rom.

Attuazione delle strategie nazionali

Gli obiettivi nazionali di integrazione dei Rom devono essere stabiliti tenendo conto delle esigenze, dei vincoli e della varietà delle situazioni in ciascuno Stato membro.

L’elaborazione delle strategie di integrazione deve avvenire con la partecipazione degli attori interessati, in particolare le autorità regionali e locali, i rappresentanti della società civile e i Rom.

In ogni Stato membro, viene costituito un punto di contatto nazionale per eseguire il monitoraggio delle azioni.

Finanziamenti

Le fonti di finanziamento delle strategie nazionali devono essere chiaramente identificate e possono in particolare provenire dai bilanci nazionali, dai fondi strutturali o altri finanziamenti europei (quali lo strumento di microfinanza Progress, l’iniziativa europea a favore dell’innovazione sociale (EN), ecc.) o da sovvenzioni internazionali.

Allargamento dell’UE

Gli obiettivi europei in materia di integrazione dei Rom si applicano ai paesi interessati dalla politica dell’allargamento dell’UE. La Commissione è determinata a sostenere l’impegno profuso da tali paesi, anche aumentando i finanziamenti europei disponibili.

Inoltre, la Commissione controllerà attentamente i progressi conseguiti da ciascun paese e li presenterà ogni anno nelle relazioni sull’allargamento.

ATTI COLLEGATI

Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni, del 21 maggio 2012Strategie nazionali di integrazione dei rom: un primo passo nell’attuazione del Quadro dell’UE [COM (2012) 226 def].

L'obiettivo principale della comunicazione è valutare le strategie nazionali di integrazione dei rom messe in atto dagli Stati membri dopo l'adozione della comunicazione 2011. La valutazione della Commissione si concentra essenzialmente sulle misure adottate dagli Stati membri nelle quattro aree principali: l'istruzione, occupazione, l'assistenza sanitaria e l'alloggio, oltre che sul loro approccio nell'affrontare la questione del finanziamento delle politiche correlate a livello nazionale. Sulla base di questa valutazione, ogni Stato membro riceve una serie di raccomandazioni specifiche nel quadro generale della lotta contro la povertà e l'esclusione dei rom.

06.11.2013

Top