Help Print this page 
Title and reference
Islanda – Fiscalità

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
BG ES CS DA DE ET EL EN FR GA HR IT LV LT HU MT NL PL PT RO SK SL FI SV
HTML html ES html DE html EN html FR html IT
Multilingual display
Text

Islanda – Fiscalità

I paesi candidati conducono negoziati con l’Unione europea (UE) al fine di prepararsi all’adesione. Tali negoziati di adesione riguardano l’adozione e l’applicazione della legislazione europea (acquis) e specificatamente le priorità identificate congiuntamente dalla Commissione e dai paesi candidati, nel corso dello screening dell’acquis politico e legislativo dell’UE. Ogni anno la Commissione esamina i progressi compiuti dai candidati al fine di valutare gli sforzi ancora da effettuare fino alla loro adesione. Questo monitoraggio è oggetto di relazioni annuali presentate al Consiglio e al Parlamento europeo.

ATTO

Relazione della Commissione [COM(2011) 666 def. – SEC(2011) 1202 def. - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

SINTESI

La relazione 2011 evidenzia gli ulteriori progressi che l'Islanda deve compiere in materia fiscale prima della sua adesione all'Unione europea (UE).

ACQUIS DELL’UNIONE EUROPEA (secondo i termini della Commissione)

L'acquis nel settore della fiscalità copre essenzialmente la fiscalità indiretta, ovvero l’imposta sul valore aggiunto (IVA) e i diritti di accise. Esso enuncia il campo di applicazione, le definizioni e i principi dell'IVA. Le accise sui prodotti energetici, sui prodotti del tabacco e sulle bevande alcoliche sono regolamentate dalla legislazione dell’UE. Nel settore della fiscalità diretta, l'acquis copre taluni aspetti della fiscalità dei redditi da risparmio dei privati e della fiscalità applicata alle imprese. Inoltre, gli Stati membri sono tenuti a rispettare i principi del codice di condotta nel settore della fiscalità delle imprese che punta ad eliminare le misure fiscali dannose. La cooperazione amministrativa e l’assistenza reciproca tra Stati membri mirano ad assicurare il buon funzionamento del mercato interno nel settore fiscale e forniscono gli strumenti per prevenire la frode e l’evasione fiscale intracomunitarie. Gli Stati membri devono provvedere affinché dispongano delle capacità di applicazione ed attuazione necessarie e in particolare di collegamento ai sistemi informatici fiscali dell’UE.

VALUTAZIONE (secondo i termini della Commissione)

La Commissione prende atto dei progressi del paese, anche se la legislazione fiscale islandese rimane ancora parzialmente allineata con l'acquis comunitario. Il paese continua a godere di una buona capacità amministrativa nel settore fiscale. Tuttavia, è necessario definire una strategia per migliorare l'interconnessione e l'interoperabilità dei sistemi informatici utilizzati nel settore fiscale con i sistemi informatici europei.

Nel complesso, il sistema di controllo finanziario è sostanzialmente in linea con gli standard internazionali e le migliori prassi dell'UE. Si segnalano inoltre limitati progressi legislativi in questo settore.

Infine, si richiedono azioni mirate per completare i preparativi, in particolare la preparazione di un documento programmatico sul controllo finanziario pubblico interno e garantire la separazione tra audit interno ed esterno. Risulta necessario infine avviare i preparativi nel settore della protezione degli interessi finanziari dell'UE.

See also

  • Il sito della direzione generale Allargamento, negoziati di adesione con l'Islanda (DE) (EN) (FR)

Ultima modifica: 12.10.2011

Top