Help Print this page 
Title and reference
Normativa monetaria dell’area dell’euro: il passaggio all’euro in pratica

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Multilingual display
Text

Normativa monetaria dell’area dell’euro: il passaggio all’euro in pratica

Un paese dell’Unione europea (UE) che ha soddisfatto i rigidi criteri necessari per l’adozione dell’euro deve seguire norme chiare al momento della sostituzione della valuta nazionale. Una volta eseguita tale sostituzione, lo stesso paese deve applicare la disciplina di bilancio richiesta in un trattato di recente adozione pensato per garantire la governance appropriata dell’area dell’euro.

ATTO

Regolamento (CE) n. 974/98 del Consiglio, del 3 maggio 1998, relativo all’introduzione dell’euro

SINTESI

Un paese dell’Unione europea (UE) che ha soddisfatto i rigidi criteri necessari per l’adozione dell’euro deve seguire norme chiare al momento della sostituzione della valuta nazionale. Una volta eseguita tale sostituzione, lo stesso paese deve applicare la disciplina di bilancio richiesta in un trattato di recente adozione pensato per garantire la governance appropriata dell’area dell’euro.

CHE COSA FA IL REGOLAMENTO?

Definisce la normativa monetaria dei paesi dell’UE che adottano l’euro come moneta unica e stabilisce le varie fasi che conducono alla sua introduzione.

PUNTI CHIAVE

È consentito un periodo transitorio di massimo tre anni fra la data di adozione dell’euro da parte di un paese e il momento di cui banconote e monete di euro entrano in circolazione. In pratica, tali date adesso coincidono, come ha dimostrato il caso della Lituania che ha adottato l’euro il 1o gennaio 2015.

È previsto un periodo di ritiro progressivo di massimo un anno per quei paesi che non attuano il regime transitorio. Durante tale periodo possono essere usati sia l’euro che la valuta nazionale, prima che quest’ultima venga progressivamente ritirata.

Le banche centrali nazionali dei paesi che adottano l’euro e la Banca centrale europea sono le uniche istituzioni autorizzate a mettere in circolazione banconote e monete della valuta unica.

I paesi che adottano l’euro sono responsabili della lotta contro qualsiasi tentativo di contraffazione delle banconote e delle monete.

Per rafforzare il quadro economico dell’area dell’euro, i paesi dell’UE hanno adottato il trattato sulla stabilità, sul coordinamento e sulla governance, entrato in vigore il 1o gennaio 2013. Le norme comprese nel trattato sono volte a:

favorire la disciplina di bilancio attraverso un patto di bilancio (come mantenere i bilanci nazionali in situazione di pareggio o surplus);

rafforzare il coordinamento delle politiche economiche nazionali;

migliorare la governance dell’area dell’euro.

L’Unione europea ha inoltre istituito un ciclo annuale di coordinamento della politica economica, noto come «semestre europeo». Nell’ambito del semestre, la Commissione esegue un’analisi dettagliata dei piani nazionali di riforme strutturali, macroeconomiche e di bilancio. Emette poi raccomandazioni dettagliate per ogni paese dell’UE relative ai successivi 12-18 mesi.

Per maggiori informazioni, si veda il sito Internet della Commissione europea sull’euro.

RIFERIMENTI

Atto

Data di entrata in vigore

Data limite di trasposizione negli Stati membri

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

Regolamento (CE) n. 974/98

1.1.1999

-

GU L 139 dell’11.5.1998, pag. 1-5

Atto(i) modificatore(i)

Data di entrata in vigore

Data limite di trasposizione negli Stati membri

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

Regolamento (CE) n. 2596/2000

1.1.2001

-

GU L 300 del 29.11.2000, pag. 2-3

Regolamento (CE) n. 2169/2005

18.1.2006

-

GU L 346 del 29.12.2005, pag. 1-5

Regolamento (CE) n. 1647/2006

1.1.2007

-

GU L 309 del 9.11.2006, pag. 2-3

Regolamento (CE) n. 835/2007

1.1.2008

-

GU L 186 del 18.7.2007, pag. 1-2

Regolamento (CE) n. 836/2007

1.1.2008

-

GU L 186 del 18.7.2007, pag. 3-4

Regolamento (CE) n. 693/2008

1.1.2009

-

GU L 195 del 24.7.2008, pag. 1-2

Regolamento (UE) n. 670/2010

1.1.2011

-

GU L 196 del 27.8.2010, pag. 1-3

Regolamento (UE) n. 827/2014

1.1.2015

-

GU L 228 del 31.7.2014, pag. 3-4

Ultimo aggiornamento: 14.09.2015

Top