Help Print this page 
Title and reference
Prodotti a duplice uso

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Multilingual display
Text

Prodotti a duplice uso

L’Unione europea (UE) controlla le esportazioni di prodotti a duplice uso, prodotti che possono essere utilizzati per scopi sia civili sia militari, come l’uranio che può essere utilizzato sia nella generazione di energia elettrica che nelle armi nucleari. Questi controlli mirano a garantire la conformità con gli impegni e le responsabilità internazionali dell’UE, in particolare in materia di non proliferazione (cioè la prevenzione della diffusione delle armi nucleari).

ATTO

Regolamento (CE) n. 428/2009 del Consiglio, del 5 maggio 2009, che istituisce un regime comunitario di controllo delle esportazioni, del trasferimento, dell’intermediazione e del transito di prodotti a duplice uso.

SINTESI

L’Unione europea (UE) controlla le esportazioni di prodotti a duplice uso, prodotti che possono essere utilizzati per scopi sia civili sia militari, come l’uranio che può essere utilizzato sia nella generazione di energia elettrica che nelle armi nucleari. Questi controlli mirano a garantire la conformità con gli impegni e le responsabilità internazionali dell’UE, in particolare in materia di non proliferazione (cioè la prevenzione della diffusione delle armi nucleari).

CHE COSA FA IL PRESENTE REGOLAMENTO?

Stabilisce un sistema uniforme dell’Unione europea per controllare l’esportazione, il trasferimento, il transito e l’intermediazione (il lavoro degli intermediari che comprano e vendono per conto di terzi) dei prodotti a duplice uso. Stabilisce un elenco di controllo comune dell’UE e le regole per la sua attuazione. Per esportare un prodotto a duplice uso da un paese dell’UE a un paese terzo è necessaria un’autorizzazione di esportazione.

PUNTI CHIAVE

I prodotti a duplice uso sono beni che possono avere sia un utilizzo non esplosivo sia un qualche impiego nella fabbricazione di armi nucleari o di altri congegni esplosivi nucleari. Il commercio di prodotti a duplice uso è aumentato costantemente nel corso degli anni e rappresenta una parte considerevole del commercio estero dell’UE. Nel 2013, il volume delle esportazioni controllate a duplice uso dall’UE ha raggiunto gli 85 miliardi di euro.

Autorizzazione di esportazione: l’allegato I riporta un elenco di prodotti a duplice uso che richiedono l’autorizzazione.

L’esportazione di determinati prodotti a duplice uso non compresi nell’allegato I può essere soggetta ad autorizzazione quando vi è motivo di ritenere che siano destinati ad essere utilizzati in connessione con un programma di armamenti biologici, chimici, nucleari o di missili balistici, o per un uso in violazione ad un embargo sugli armamenti.

In casi eccezionali, i paesi dell’UE possono imporre controlli aggiuntivi su prodotti non elencati per motivi di sicurezza pubblica o di rispetto dei diritti umani.

I paesi dell’UE applicano anche restrizioni sui servizi di intermediazione di prodotti a duplice uso, nonché sul transito attraverso l’UE di tali prodotti.

Il regolamento (UE) n. 388/2012 aggiorna l’allegato I, allineandosi con le norme e gli impegni internazionali assunti in vista della partecipazione dell’UE al gruppo Australia, al regime di non proliferazione nel settore missilistico, al regime di non proliferazione nel settore nucleare, alle intese di Wassenaar per il controllo delle esportazioni di armi convenzionali e di prodotti e tecnologie a duplice uso e alla convenzione sulle armi chimiche.

Libera circolazione dei prodotti a duplice uso all’interno dell’UE: con l’eccezione di alcuni prodotti sensibili di cui all’allegato IV del regolamento (come i detonatori esplosivi azionati elettricamente), i prodotti a duplice uso possono essere liberamente scambiati all’interno dell’UE.

Le autorizzazioni di esportazione rientrano in quattro tipologie:

1.

le autorizzazioni generali di esportazione dell’UE (EUGEA) permettono l’esportazione di prodotti a duplice uso verso alcuni paesi a determinate condizioni (si veda l’allegato II del regolamento). Riguardano:le esportazioni verso paesi come Australia, Canada, Giappone, Nuova Zelanda, Norvegia, Svizzera e Stati Uniti,le esportazioni per riparazione/sostituzione,le esportazioni temporanee per mostre/fiere,le telecomunicazioni e i prodotti chimici;

2.

le autorizzazioni generali di esportazione nazionali (NGEA) possono essere emesse da paesi dell’UE, se sono coerenti con le EUGEA esistenti e non si riferiscono a prodotti di cui all’allegato II del regolamento (ad esempio uranio, agenti patogeni umani e animali, come alcuni virus fra cui Ebola);

3.

le autorizzazioni globali sono rilasciate dalle autorità nazionali per un esportatore e possono coprire più prodotti per più paesi o utenti finali;

4.

le autorizzazioni individuali sono rilasciate dalle autorità nazionali a un esportatore e coprono le esportazioni di uno o più prodotti a duplice uso per un utente finale o destinatario in un paese terzo.

Rete di autorità di controllo delle esportazioni: il regolamento istituisce una rete di autorità nazionali di controllo delle esportazioni, preposta allo scambio di informazioni.

Aggiornamento dell’elenco dei prodotti a duplice uso

Per permettere un regolare aggiornamento dell’elenco dei prodotti a duplice uso dell’UE, il regolamento (UE) n. 599/2014 conferisce alla Commissione europea il potere di adottare atti normativi. Se il Parlamento europeo o il Consiglio sollevano obiezioni, l’atto delegato non entra in vigore.

La revisione della politica di controllo delle esportazioni

Il regolamento impone alla Commissione europea di condurre una revisione della politica di controllo delle esportazioni. Nell’ottobre 2013 la Commissione ha presentato una relazione di valutazione dell’attuazione e dell’impatto al Consiglio e al Parlamento europeo. Essa conclude che il regime di controllo delle esportazioni corrente, pur fornendo basi giuridiche e istituzionali solide, deve essere migliorato al fine di generare moderne capacità di controllo di cui l’UE necessita in futuro. Nell’aprile 2014 è stata adottata una comunicazione che delinea una visione a lungo termine per i controlli sulle esportazioni strategiche dell’UE e individua concrete opzioni politiche per la modernizzazione del sistema di controllo delle esportazioni. Attualmente la Commissione sta conducendo una valutazione d’impatto e prevede di presentare una nuova legislazione nei primi mesi del 2016.

Per maggiori informazioni, consultare il sito Internet della Commissione europea sui controlli per i prodotti a duplice uso.

RIFERIMENTI

Atto

Data di entrata in vigore

Data limite di trasposizione negli Stati membri

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

Regolamento (CE) n. 428/2009

27.8.2009

-

GU L 134 dell'29.5.2009, pag. 1-269

Atto(i) modificatore(i)

Data di entrata in vigore

Data limite di trasposizione negli Stati membri

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

Regolamento (UE) n. 1232/2011

7.1.2012

-

GU L 326 dell'’8.12.2011, pag. 26-44

Regolamento (UE) n. 388/2012

15.6.2012

-

GU L 129 del 16.5.2012, pag. 12-280

Regolamento (UE) n. 599/2014

2.7.2014

-

GU L 173 dell'’12.6.2014, pag. 79-83

ATTI COLLEGATI

Comunicazione della Commissione al Consiglio e al Parlamento europeo - Revisione della politica di controllo delle esportazioni: garantire la sicurezza e la competitività in un mondo che cambia [COM (2014) 244 final del 24.4.2014].

Ultima modifica: 01.03.2015

Top