Help Print this page 
Title and reference
Tariffe preferenziali sulle importazioni nell’UE per i paesi in via di sviluppo (2012-2023) - EUR-Lex

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
BG ES CS DA DE ET EL EN FR GA HR IT LV LT HU MT NL PL PT RO SK SL FI SV
HTML html ES html CS html DA html DE html EL html EN html FR html IT html HU html NL html PL html PT html RO html FI html SV
Multilingual display
Text

Tariffe preferenziali sulle importazioni nell’UE per i paesi in via di sviluppo (2012-2023)

Il sistema delle preferenze tariffarie generalizzate (SPG) dell’Unione europea consente ai paesi in via di sviluppo di pagare tariffe inferiori sulle esportazioni verso l’UE, contribuendo a stimolare le loro economie.

ATTO

Regolamento (UE) n. 978/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio del 25 ottobre 2012 relativo all’applicazione di un sistema di preferenze tariffarie generalizzate e che abroga il regolamento del Consiglio (CE) n. 732/2008.

SINTESI

Descrizione del problema

Nel 2012 l’UE ha approvato nuove regole per ridefinire questo sistema, che è in vigore dal 1971. Le nuove regole rendono il sistema più trasparente e prevedibile per i paesi beneficiari, soprattutto in considerazione delle mutate dinamiche del commercio mondiale nell’ultimo decennio. Il sistema ora si rivolge ai paesi che ne hanno più bisogno.

Non include i paesi che già beneficiano di trattamenti preferenziali ai sensi di accordi sul libero scambio con l’UE o di accordi autonomi con l’area (di solito temporanei, in attesa della conclusione di accordi più completi, a lungo termine, con l’UE).

Il sistema prevede trefiloni

  • SGP standard: le tariffe sui beni importati da un paese in via di sviluppo vengono ridotte o sospese. Eccezione: questo provvedimento non si applica se un paese è stato classificato dalla Banca mondiale come paese a reddito alto o medio-alto per tre anni consecutivi immediatamente prima dell’aggiornamento dell’elenco dei paesi beneficiari da parte dell’UE.
  • SPG+ (regime di incentivazione): tariffe ancora più basse per i paesi che ratificano e attuano 27 convenzioni internazionali specifiche relative ai diritti umani e del lavoro, dell’ambiente e della buona amministrazione.
  • EBA (Everything But Arms, ovvero Tutto tranne le armi), per i paesi meno sviluppati: tariffa piena e importazioni senza quote per tutte le merci, a eccezione delle armi, provenienti dai paesi meno sviluppati (LDC) secondo la definizione delle Nazioni Unite.

Sospensione dei paesi

L’UE può sospendere temporaneamente le tariffe agevolate per motivi come i seguenti:

  • violazione dei principi fondamentali delle convenzioni sui diritti dell’uomo e del lavoro;
  • pratiche commerciali sleali;
  • gravi carenze nei controlli doganali (ad esempio, esportazione o transito di sostanze illecite);
  • se la legge nazionale di un paese beneficiario delle tariffe SPG+ non prevede più le convenzioni pertinenti (o se la legge non viene applicata in modo efficace).

Interruzione se il paese si sviluppa

Alcuni paesi, benché poveri, possono comunque sviluppare settori altamente competitivi e attivi nelle esportazioni. Quando questo avviene, non hanno più bisogno delle tariffe preferenziali per accedere con buoni risultati ai mercati europei.

A quel punto il sistema SPG revoca il trattamento preferenziale per i paesi in cui si sono sviluppati tali settori merceologici competitivi in base a un meccanismo di promozione.

Più stabile e prevedibile

Il nuovo SPG, grazie a una durata di 10 anni (in precedenza erano 3), offre agli importatori e agli esportatori più stabilità e prevedibilità.

Gli esportatori sanno che, in caso di modifiche all’elenco dei beneficiari, i periodi di transizione dureranno almeno un anno. I paesi ora hanno la sicurezza di sapere che possono essere rimossi dall’elenco dei beneficiari solo se vengono classificati dalle Nazioni Unite come paesi a reddito alto o medio-alto per tre anni consecutivi.

Limitazioni temporanee alle importazioni

L’UE può applicare misure di salvaguardia (limitazioni temporanee) se le importazioni provenienti dai paesi beneficiari causano o minacciano di causare gravi difficoltà a un produttore dell’UE. È possibile applicare anche misure di sorveglianza per i prodotti agricoli. Nessuna di queste misure è mai stata adottata da quando il sistema è stato introdotto.

Riferimenti

Atto

Entrata in vigore

Termine ultimo per il recepimento negli Stati membri

Gazzetta ufficiale

Regolamento (UE) n. 978/2012

20.11.2012

-

GU L 303 del 31.10.2012

ATTI COLLEGATI

Regolamento di esecuzione della Commissione (UE) n. 1213/2012 del 17 dicembre 2012 che sospende le preferenze tariffarie per taluni paesi beneficiari del SPG in riferimento ad alcune sezioni del SPG ai sensi del regolamento (UE) n. 978/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo all’applicazione di un sistema di preferenze tariffarie generalizzate [Gazzetta ufficiale L 348 del 18.12.2012]. In vigore fino al 31 dicembre 2016.

Ultima modifica: 15.01.2014

Top