Help Print this page 

Summaries of EU Legislation

Title and reference
Autoveicoli: esenzione per categoria dalle norme di concorrenza dell'UE

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
Multilingual display
Text

Autoveicoli: esenzione per categoria dalle norme di concorrenza dell'UE

SINTESI DI:

Regolamento (UE) n. 461/2010 - Applicazione dell'articolo 101(3) del trattato sul funzionamento dell'Unione europea a categorie di accordi verticali e pratiche concordate nel settore automobilistico

SINTESI

CHE COSA FA IL REGOLAMENTO?

L'articolo 101(3) del trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE) esenta gli accordi verticali* che conferiscono benefici sufficienti a controbilanciare gli effetti anticoncorrenziali. Il regolamento (UE) n. 461/201 concede al settore automobilistico una specifica esenzione per categoria per gli accordi verticali concernenti l'acquisto, la vendita o la rivendita di autoveicoli nuovi. Prevedeva altresì accordi verticali per la fornitura di servizi di riparazione e manutenzione per tali veicoli e per la distribuzione di pezzi di ricambio.

Accordi verticali concernenti l'acquisto, la vendita o la rivendita di autoveicoli nuovi

Il regolamento (UE) n. 461/2010 applica il regolamento (UE) n. 330/2010 agli accordi verticali concernenti l'acquisto, la vendita o la rivendita di autoveicoli nuovi.

Accordi verticali relativi al mercato dei servizi di assistenza post-vendita di autoveicoli

Il regolamento (UE) n. 461/2010 applica il regolamento (UE) n. 330/2010 anche agli accordi verticali che riguardano le condizioni per l'acquisto, la vendita o la rivendita di pezzi di ricambio per autoveicoli, o per la fornitura di servizi di riparazione e manutenzione per autoveicoli, a condizione che questi soddisfino i requisiti per l'esenzione ai sensi del regolamento (UE) n. 330/2010, e non contengano nessuna delle restrizioni fondamentali di cui al regolamento (UE) n. 461/2010:

  • la restrizione delle vendite di pezzi di ricambio per autoveicoli da parte dei membri di un sistema di distribuzione selettiva;
  • la restrizione, concordata tra un fornitore di pezzi di ricambio, di attrezzature di riparazione ed un produttore di autoveicoli, della facoltà del fornitore di vendere tali beni a distributori o riparatori autorizzati o indipendenti o ad utilizzatori finali;
  • la restrizione, concordata tra un costruttore di autoveicoli che utilizza componenti per l’assemblaggio iniziale di autoveicoli ed il fornitore di detti componenti, della facoltà del fornitore di apporre in maniera efficace e chiaramente visibile il proprio marchio o logo sui componenti forniti o sui pezzi di ricambio.

Conformemente al regolamento (UE) n. 19/65/CEE, la Commissione europea può dichiarare mediante regolamento che, nei casi in cui reti parallele di restrizioni verticali simili coprano più del 50 % di un mercato rilevante, il presente regolamento non si applica agli accordi verticali contenenti specifiche restrizioni relative a tale mercato.

A PARTIRE DA QUANDO SI APPLICA IL REGOLAMENTO?

È entrato in vigore il 1o giugno 2010 e rimarrà valido fino al 31 maggio 2023.

CONTESTO

Concorrenza: Autoveicoli - legislazione

TERMINI CHIAVE

* Accordo verticale: un accordo o una pratica concordata stipulata da due o più imprese, ciascuna delle quali opera a un livello diverso della catena di produzione o di distribuzione, riguardante le condizioni in base alle quali le parti possono acquistare, vendere o rivendere determinati beni o servizi.

ATTO

Regolamento (UE) n. 461/2010 della Commissione, del 27 maggio 2010, relativo all’applicazione dell’articolo 101, paragrafo 3, del trattato sul funzionamento dell’Unione europea a categorie di accordi verticali e pratiche concordate nel settore automobilistico (GU L 129 del 28.5.2010, pag. 52-57)

ATTI COLLEGATI

Regolamento n. 19/65/CEE del Consiglio, del 2 marzo 1965, relativo all'applicazione dell'articolo 85, paragrafo 3, del Trattato a categorie di accordi e pratiche concordate (GU 36 del 6.3.1965, pag. 533-535). Le successive modifiche al regolamento n. 19/65/CEE sono state incorporate nel testo originale. La presente versione consolidata ha unicamente valore documentale.

Regolamento (UE) n. 330/2010 della Commissione, del 20 aprile 2010, relativo all’applicazione dell’articolo 101, paragrafo 3, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea a categorie di accordi verticali e pratiche concordate (GU L 102 del 23.4.2010, pag. 1-7)

Ultimo aggiornamento: 04.01.2016

Top