Help Print this page 
Title and reference
Esenzione per taluni accordi nel settore delle assicurazioni

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
BG ES CS DA DE ET EL EN FR GA HR IT LV LT HU MT NL PL PT RO SK SL FI SV
HTML html ES html DE html EN html FR html IT
Multilingual display
Text

Esenzione per taluni accordi nel settore delle assicurazioni

Il presente regolamento esenta taluni accordi nel settore delle assicurazioni relativi alla compilazione di informazioni statistiche necessarie ai fini del calcolo dei rischi e alla copertura in comune di certi tipi di rischi. L'obiettivo di questo regolamento è garantire l'efficace tutela della concorrenza all'interno dell'Unione europea (UE), offrendo al contempo benefici ai consumatori e la necessaria certezza del diritto alle imprese.

ATTO

Regolamento (UE) n. 267/2010 della Commissione, del 24 marzo 2010, relativo all'applicazione dell'articolo 101, paragrafo 3, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea a talune categorie di accordi, decisioni e pratiche concordate nel settore delle assicurazioni.

SINTESI

Il presente regolamento si applica, subordinatamente a determinate condizioni, agli accordi tra due o più imprese nel settore delle assicurazioni in materia di scambio di informazioni necessarie ai fini del calcolo dei rischi. Ciò include il calcolo del costo della copertura di determinati rischi in passato, la compilazione di informazioni statistiche e la compilazione delle relative tavole di informazioni, la realizzazione in comune di studi e la diffusione dei relativi risultati.

Condizioni per l'esenzione

Per essere esenti, le compilazioni o le tavole devono:

  • basarsi sulla compilazione di dati su un periodo di tempo stabilito, fornendo statistiche relative a:
  • includere una disaggregazione delle statistiche disponibili;
  • non includere i caricamenti di sicurezza, i redditi derivanti dalle riserve, le spese amministrative o commerciali o i tributi fiscali o parafiscali, e non tenere conto né dei proventi di investimenti né degli utili previsti.

L'esenzione si applica a condizione che le compilazioni, le tavole o gli studi:

  • non individuino le imprese di assicurazione interessate o gli assicurati;
  • siano elaborati e diffusi indicando che non hanno valore vincolante;
  • non contengano un'indicazione del livello dei premi commerciali *;
  • siano messi a disposizione di qualsiasi impresa di assicurazione che ne richieda copia;
  • siano messi a disposizione delle associazioni di consumatori o delle organizzazioni di clienti che chiedano di avervi accesso in termini specifici, salvo il caso in cui la non divulgazione sia giustificata per motivi di sicurezza pubblica.

Le esenzioni non si applicano agli accordi qualora le imprese partecipanti assumano l’impegno o impongano ad altre imprese di non usare compilazioni o tavole diverse da quelle di cui sopra o di non discostarsi dai risultati degli studi di cui sopra.

COPERTURA IN COMUNE DI CERTI TIPI DI RISCHI

Il presente regolamento si applica anche, a determinate condizioni, agli accordi conclusi tra due o più imprese nel settore delle assicurazioni per quanto riguarda la costituzione e il funzionamento di pool di imprese di assicurazione, o di imprese di assicurazione e di imprese di riassicurazione, per la copertura in comune di una categoria specifica di rischi mediante la coassicurazione * o la coriassicurazione.

Applicazione dell'esenzione

Per quanto riguarda i pool di coassicurazione o di coriassicurazione costituiti al solo scopo di coprire nuovi rischi, l'esenzione si applica per un periodo di tre anni a decorrere dalla data di costituzione del pool, a prescindere dalla quota di mercato detenuta dal pool. Per quanto riguarda i pool di coassicurazione o di coriassicurazione non esclusivamente costituiti per coprire nuovi rischi, l'esenzione si applicherà finché il presente regolamento rimane in vigore, a condizione che la quota di mercato combinata detenuta dalle imprese partecipanti non superi le soglie seguenti:

  • nel caso dei pool di coassicurazione, il 20 % di qualsiasi mercato rilevante;
  • nel caso dei pool di coriassicurazione, il 25 % di qualsiasi mercato rilevante.

Condizioni di esenzione

L'esenzione si applica a condizione che:

  • ciascuna impresa partecipante abbia il diritto di recedere dal pool, con preavviso ragionevole, senza subire sanzioni;
  • le regole del pool non obblighino le imprese partecipanti al pool ad assicurare o riassicurare attraverso il pool;
  • le regole del pool non limitino l’attività del pool o delle imprese partecipanti ad una determinata zona geografica;
  • l'accordo non limiti la produzione o le vendite;
  • l'accordo non ripartisca i mercati o i clienti;
  • le imprese partecipanti ad un pool di coriassicurazione non concordino i premi commerciali praticati per l'assicurazione diretta.

Il presente regolamento scade il 31 marzo 2017.

Contesto

Questo regolamento si basa sul regolamento (CE) n. 358/2003, che è scaduto il 31 marzo 2010. Il regolamento (UE) n. 267/2010 continua l'approccio adottato nel regolamento (CE) n. 358/2003, ponendo l'accento sulla definizione delle categorie di accordi che sono esentate fino ad un certo livello di quota di mercato e precisando le restrizioni o le clausole che non possono figurare in tali accordi. Mentre il regolamento (CE) n. 358/2003 concedeva un'esenzione per l'elaborazione delle condizioni tipo di assicurazione e il collaudo e l'omologazione di dispositivi di sicurezza, non si è ritenuto necessario includere tali accordi in un regolamento di esenzione per categoria specifico per un determinato settore e pertanto non sono inclusi nel regolamento (UE) n. 267/2010. Una valutazione individuale ai sensi dell'articolo 101, paragrafo 1, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE) e, se applicabile, ai sensi dell'articolo 101, paragrafo 3 del TFUE, piuttosto che a norma del presente regolamento di esenzione per categoria, è ora richiesta per questi accordi.

Termini chiave dell'atto

  • Pool di coassicurazione: i gruppi costituiti da imprese di assicurazione, direttamente o attraverso intermediari o agenti autorizzati, mediante i quali una determinata parte di un dato rischio è coperta da un primo assicuratore e la parte rimanente del rischio da assicuratori successivi.
  • Premio commerciale: il prezzo praticato all'acquirente di una polizza di assicurazione.

Riferimenti

Atto

Entrata in vigore - Data di scadenza

Termine ultimo di recepimento negli Stati membri

Gazzetta ufficiale

Regolamento n. 267/2010

1.4.2010 – 31.3.2017

-

GU L 83 del 30.3.2010

Ultima modifica: 23.11.2010

Top