Help Print this page 

Summaries of EU Legislation

Title and reference
Strategia dell'Unione europea in materia di alcol

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
Multilingual display
Text

Strategia dell'Unione europea in materia di alcol

SINTESI DI:

Strategia per sostenere i paesi dell'UE nei loro sforzi per ridurre i danni derivanti dal consumo di alcol - COM(2006) 625 def.

SINTESI

CHE COSA FA LA PRESENTE COMUNICAZIONE?

Delinea una strategia per sostenere i paesi dell'UE nella riduzione dei problemi di salute, economici e sociali legati al consumo nocivo e pericoloso di alcol.

La strategia definisce temi prioritari, individua diversi livelli di azione ed elenca le misure adottate dai paesi dell'UE per promuovere le buone pratiche. Invita inoltre tutte le altre parti interessate ad adottare misure per ridurre i danni legati all'alcol. L'azione della Commissione europea completa le strategie nazionali in questo settore.

PUNTI CHIAVE

Cinque priorità

  • 1.

    Protezione dei giovani, dei bambinie dei nascituri , a cui sono legati tre obiettivi specifici:

    • porre un freno al consumo di alcol tra i minori e ridurre il consumo pericoloso e nocivo fra i giovani;
    • ridurre i danni cui sono esposti i bambini in famiglie dipendenti dall'alcol;
    • ridurre l'esposizione all'alcol durante la gravidanza.
  • 2.

    Riduzione del numero di morti e feriti per incidenti stradali causati dall’alcol

  • 3.
    Prevenzione dei danni alcol-correlati negli adulti e limitazione delle ripercussioni negative sul lavoro, a cui sono legati i seguenti obiettivi specifici:
    • ridurre le patologie fisiche e mentali croniche legate all'abuso di alcol;
    • ridurre il carico di mortalità alcol-correlata;
    • informare i consumatori affinché possano operare scelte consapevoli;
    • contribuire a ridurre i danni causati dall'assunzione di alcol sul posto di lavoro.
  • 4.

    Informazione, educazione e sensibilizzazione, con particolare enfasi sugli effetti del consumo nocivo e pericoloso di alcol per:

    • i nascituri;
    • i bevitori minorenni;
    • l'ambiente di lavoro e la guida.
  • 5.

    Sviluppare, sostenere e mantenere una base comune, ovvero la raccolta di informazioni comparabili su una serie di questioni, tra cui:

    • livelli di consumo;
    • modelli di consumo;
    • effetti sociali e sanitari dell'alcol.

Sostegno ai paesi dell'UE

Il ruolo dell'Unione europea in questa strategia è di integrare gli sforzi dei paesi dell'UE, aggiungere valore alle loro azioni e consentire loro di lavorare insieme per affrontare problemi comuni.

Un'azione congiunta triennale sulla riduzione dei danni alcol-correlati, finanziata dal programma dell'UE per la salute, è stata avviata nel gennaio 2014. Essa mira a sostenere i progressi dei paesi dell'UE verso priorità comuni, in linea con la strategia dell'Unione in materia di alcol, e aiutarli ad affrontare e ridurre i danni alcol-correlati.

Attuazione della strategia

  • Secondo una relazione del 2013, la maggior parte dei paesi dell'UE ha aggiornato e rafforzato le proprie strategie sull'alcool nella direzione della strategia dell'Unione.
  • Dalla relazione risulta che la strategia dell'Unione nei cinque settori prioritari ha mostrato risultati evidenti in termini di sostegno all'azione dei paesi dell'UE.
  • Il coordinamento e il sostegno ai paesi dell'UE potrebbe essere migliorato aumentando la visibilità del comitato per le politiche e le azioni nazionali in materia di alcol e l'introduzione di un piano di lavoro pluriennale.
  • Le parti interessate potrebbero essere incoraggiate ad impegnarsi nel quadro del forum dell'UE su alcol e salute.

CONTESTO

Politiche in materia di alcol

ATTO

Comunicazione della Commissione al Consiglio, al Parlamento europeo, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni: Strategia comunitaria volta ad affiancare gli Stati membri nei loro sforzi per ridurre i danni derivanti dal consumo di alcol [COM(2006) 625 def. del 24.10.2006]

Ultimo aggiornamento: 13.01.2016

Top