Help Print this page 
Title and reference
Garantire la qualità in materia di istruzione e formazione professionale (IFP)

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Multilingual display
Text

Garantire la qualità in materia di istruzione e formazione professionale (IFP)

Il quadro europeo di riferimento per la garanzia della qualità fa parte di una serie di iniziative europee volte ad incoraggiare la mobilità dei lavoratori. Esso aiuta i paesi a promuovere e a monitorare i miglioramenti dei loro sistemi di istruzione e formazione professionale (IFP).

ATTO

Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 giugno 2009, sull’istituzione di un quadro europeo di riferimento per la garanzia della qualità dell’istruzione e della formazione professionale (GU C 155 dell’8.7.2009, pag. 1-10).

SINTESI

Il quadro europeo di riferimento per la garanzia della qualità fa parte di una serie di iniziative europee volte ad incoraggiare la mobilità dei lavoratori. Esso aiuta i paesi a promuovere e a monitorare i miglioramenti dei loro sistemi di istruzione e formazione professionale (IFP).

CHE COSA FA LA RACCOMANDAZIONE?

Stabilisce un quadro europeo di riferimento per la garanzia della qualità, quale strumento di riferimento europeo comune. Su base volontaria, le autorità nazionali possono utilizzare gli aspetti che ritengono più utili per sviluppare, migliorare, orientare e valutare la qualità dei loro sistemi di istruzione e formazione professionale (IFP).

PUNTI CHIAVE

Il quadro contiene un ciclo di quattro fasi per la programmazione, attuazione, valutazione/accertamento e riesame/revisione dei sistemi di IFP.

Ciascuna fase include criteri di qualità e descrittori indicativi per aiutare le autorità nazionali a fissare obiettivi, elaborare norme e procedere alle revisioni.

Gli indicatori di riferimento, come gli investimenti nella formazione degli insegnanti, sono progettati per aiutare a valutare e migliorare la qualità dei sistemi di IFP.

Le autorità nazionali sono incoraggiate a svolgere un ruolo attivo nell’ambito del quadro e a sviluppare ulteriormente principi, criteri di riferimento, indicatori e linee guida.

I punti nazionali di riferimento per la garanzia della qualità tengono informati gli interessati sulle attività del quadro, ne sostengono e sviluppano l’attività e aiutano a valutarne i risultati.

Le autorità nazionali devono revisionare il processo ogni quattro anni.

Nel maggio 2014 i governi dell’Unione europea (UE) hanno notato i progressi che sono stati fatti in materia di garanzia della qualità nell’istruzione e nella formazione e hanno concordato sulla necessità di compiere ulteriori progressi.

CONTESTO

La raccomandazione dovrebbe contribuire a modernizzare i sistemi di istruzione e formazione e garantire che nessuno resti senza qualifiche. Essa mira inoltre a migliorare l’interrelazione tra istruzione, formazione e occupazione.

Per maggiori informazioni consultare:

ATTI COLLEGATI

Relazione della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio sull’attuazione della raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 giugno 2009, relativa all’istituzione di un quadro europeo di riferimento per la garanzia della qualità dell’istruzione e della formazione professionale [COM (2014) 30 final del 28.1.2014].

Conclusioni del Consiglio, del 20 maggio 2014, sulla certificazione della qualità a sostegno dell’istruzione e della formazione (GU C 183 del 14.6.2014, pag. 30-35).

Ultima modifica: 30.07.2015

Top