Help Print this page 

Summaries of EU Legislation

Title and reference
Proteggere le lavoratrici gestanti e le giovani madri

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
Multilingual display
Text

Proteggere le lavoratrici gestanti e le giovani madri

SINTESI

La presente direttiva stabilisce i diritti fondamentali di tutte le donne nell'Unione europea (UE) prima e dopo la gravidanza. La direttiva fa parte di diverse «direttive derivate» adottate ai sensi della direttiva quadro 89/391/CEE sulla sicurezza e la salute dei lavoratori sul posto di lavoro.

CHE COSA FA LA DIRETTIVA?

La presente direttiva intende proteggere la salute e la sicurezza delle donne in stato di gravidanza* o puerpere* e delle donne in periodo di allattamento* sul posto di lavoro.

PUNTI CHIAVE

I paesi dell’UE sono tenuti a informare i datori di lavoro e le lavoratrici in merito alle linee guida della Commissione europea relative ai rischi per la salute e la sicurezza sul lavoro posti da sostanze pericolose e processi industriali.

Nel caso siano identificati rischi, i datori di lavoro sono tenuti a prendere provvedimenti per proteggere le lavoratrici interessate, ad esempio spostandole in un’altra posizione o accordando il congedo di maternità.

Qualora tale congedo sia concesso, il datore di lavoro deve garantire i diritti connessi con il contratto di lavoro e il pagamento di un’indennità adeguata che compensi l’eventuale perdita di reddito.

Le lavoratrici gestanti non sono tenute a effettuare turni di notte, con riserva della presentazione di un certificato medico.

Le lavoratrici gestanti possono sottoporsi a esami clinici prenatali durante l’orario di lavoro senza perdita della retribuzione.

La direttiva prevede 14 settimane di congedo di maternità delle quali due devono essere ripartite prima del parto.

Le donne non devono essere licenziate a causa della loro gravidanza e maternità.

A PARTIRE DA QUANDO SI APPLICA LA DIRETTIVA?

A decorrere dal 24 novembre 1992.

CONTESTO

Direttiva 92/85/CEE - lavoratrici gestanti sul sito web dell'’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro

TERMINI CHIAVE

* Lavoratrice gestante: una donna che informa del suo stato il proprio datore di lavoro, conformemente alla normativa e/o alla prassi nazionale.

* Lavoratrice puerpera: una puerpera che, ai sensi della normativa e/o prassi nazionale, informi del suo stato il proprio datore di lavoro, conformemente a detta normativa e/o prassi.

* Lavoratrice in periodo di allattamento: una donna in periodo di allattamento che, ai sensi della normativa e/o prassi nazionale, informi del suo stato il proprio datore di lavoro, conformemente a tale normativa e/o prassi.

ATTO

Direttiva 92/85/CEE del Consiglio, del 19 ottobre 1992, concernente l’introduzione di misure volte a promuovere il miglioramento della sicurezza e della salute sul posto di lavoro delle lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento (decima direttiva particolare ai sensi dell’articolo 16, paragrafo 1 della direttiva 89/391/CEE)

RIFERIMENTI

Atto

Data di entrata in vigore

Data limite di trasposizione negli Stati membri

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

Direttiva 92/85/CEE

24.11.1992

19.10.1994

GU L 348 del 28.11.1992, pagg. 1-7.

Atto(i) modificatore(i)

Data di entrata in vigore

Data limite di trasposizione negli Stati membri

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

Direttiva 2007/30/CE

28.6.2007

31.12.2012

GU L 165 del 27.6.2007, pagg. 21-24.

Direttiva 2014/27/UE

25.3.2014

1.6.2015

GU L 65 del 5.3.2014, pagg. 1-7.

Ultimo aggiornamento: 14.10.2015

Top