Help Print this page 

Summaries of EU Legislation

Title and reference
Licenziamenti collettivi: informazione e consultazione del personale

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
Multilingual display
Text

Licenziamenti collettivi: informazione e consultazione del personale

SINTESI DI:

Direttiva 98/59/CE del Consiglio sul riavvicinamento delle legislazioni dei paesi dell’Unione europea in materia di licenziamenti collettivi

SINTESI

CHE COSA FA LA DIRETTIVA?

  • Obbliga i datori di lavoro a informare e consultare i rappresentanti del personale in caso di licenziamento collettivo*.
  • Specifica i punti da trattare nell’ambito di tali consultazioni nonché le informazioni che i datori di lavoro devono fornire.
  • Essa stabilisce inoltre le procedure di licenziamento collettivo.

PUNTI CHIAVE

La direttiva non si applica:

  • ai licenziamenti collettivi effettuati nel quadro di contratti di lavoro a tempo determinato o per un compito determinato, a meno che tali licenziamenti non avvengano prima della scadenza del termine o dell’espletamento del compito previsto nei suddetti contratti;
  • ai dipendenti delle pubbliche amministrazioni o degli enti di diritto pubblico.

Inoltre, i diritti dei lavoratori in presenza di un passaggio di proprietà dell’impresa oppure di insolvenza da parte dell’azienda sono disciplinati da altre leggi dell’Unione europea (UE).

Consultazioni

I datori di lavoro che prevedono di effettuare licenziamenti collettivi devono tenere consultazioni con i rappresentanti dei lavoratori al fine di giungere ad un accordo. Nelle consultazioni devono essere esaminate le possibilità di:

  • evitare o ridurre i licenziamenti collettivi;
  • attenuarne le conseguenze ricorrendo a misure sociali di accompagnamento intese in particolare a facilitare la riqualificazione e la riconversione dei lavoratori licenziati.

Il comitato aziendale europeo migliora i diritti dei lavoratori per quanto riguarda l’informazione e la consultazione transnazionale con le aziende che operano in tutta l’UE.

Informazioni che devono essere fornite dal datore di lavoro

I paesi dell’UE possono attuare misure che consentono ai rappresentanti dei lavoratori di ricorrere ai servizi di esperti in conformità con i regolamenti nazionali. Il datore di lavoro deve fornire ai rappresentanti dei lavoratori tutte le informazioni utili durante lo svolgimento delle consultazioni e comunicare loro in forma scritta quanto segue:

  • i motivi del licenziamento;
  • il periodo nel corso del quale si effettueranno i licenziamenti;
  • il numero e le categorie di lavoratori abitualmente occupati;
  • il numero e le categorie di lavoratori che dovranno essere licenziati;
  • i criteri previsti per la selezione dei lavoratori da licenziare;
  • il metodo usato per calcolare l’indennità di licenziamento (laddove applicabile).

Procedura di licenziamento collettivo

Il datore di lavoro deve attenersi alla seguente procedura:

  • Notificare per iscritto ogni progetto di licenziamento collettivo all’autorità pubblica competente. La notifica dovrà contenere tutte le informazioni utili concernenti il progetto di licenziamento collettivo e le consultazioni tenute, fatta eccezione per il metodo usato per calcolare l’indennità di licenziamento.
  • Qualora i lavoratori coinvolti siano i membri dell’equipaggio di una nave marittima, il datore di lavoro invierà la notifica all’autorità competente dello Stato di cui la nave batte bandiera.
  • Trasmettere una copia della notifica ai rappresentanti dei lavoratori, i quali potranno inviare i loro commenti all’autorità pubblica competente.
  • I licenziamenti collettivi avranno effetto non prima di 30 giorni dalla notifica; l’autorità pubblica competente si avvarrà di questo termine per cercare soluzioni.
  • I paesi dell’UE possono conferire all’autorità pubblica la facoltà di ridurre tale periodo o di estenderlo a 60 giorni dalla notifica, nel caso in cui i problemi non risultino risolvibili, nonché accordare più ampie facoltà di proroga.
  • Il datore di lavoro deve essere informato della proroga e dei motivi che l’hanno determinata, prima della scadenza del termine iniziale.

A PARTIRE DA QUANDO SI APPLICA LA DIRETTIVA?

È entrata in vigore il 1o settembre 1998.

CONTESTO

Coinvolgimento dei lavoratori: licenziamenti collettivi

TERMINI CHIAVE

* Licenziamento collettivo: la situazione in cui un datore di lavoro decide di licenziare un gruppo di lavoratori.

ATTO

Direttiva 98/59/CE del Consiglio, del 20 luglio 1998, concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri in materia di licenziamenti collettivi (GU L 225 del 12.8.1998, pagg. 16-21)

Le successive modifiche alla direttiva 98/59/CE sono state incorporate nel testo originale. La presente versione consolidata ha unicamente valore documentale.

Ultimo aggiornamento: 15.02.2016

Top