Help Print this page 
Title and reference
Gli atti atipici

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
BG ES CS DA DE ET EL EN FR GA HR IT LV LT HU MT NL PL PT RO SK SL FI SV
HTML html ES html CS html DA html DE html EL html EN html FR html IT html HU html NL html PL html PT html RO html FI html SV
Multilingual display
Text

Gli atti atipici

Gli atti atipici costituiscono una categoria di atti adottati dalle istituzioni europee. Essi possono riguardare l'organizzazione interna all'Unione europea o avere una portata più generale relativa a settori politici precisi.

INTRODUZIONE

Gli atti atipici sono atti adottati dalle istituzioni dell'Unione europea (UE). Tali atti sono detti «atipici» perché non fanno parte della nomenclatura degli atti giuridici prevista dal trattato sul funzionamento dell'UE (articoli da 288 a 292).

Esiste pertanto una grande varietà di atti atipici. Alcuni sono previsti da altre disposizioni dei trattati istitutivi dell'UE, altri sono stati sviluppati dalla pratica istituzionale.

Gli atti atipici si distinguono per la loro portata che è generalmente politica. Taluni possono tuttavia avere effetti vincolanti, i quali restano comunque limitati all'ambito istituzionale dell'UE.

Gli atti atipici previsti dai trattati

I regolamenti interni delle istituzioni dell'UE sono atti atipici. Infatti, i trattati istitutivi prevedono che le istituzioni dell'UE adottino il loro proprio regolamento interno.

I regolamenti interni fissano l'organizzazione, il funzionamento e le regole delle procedure interne delle istituzioni dell'UE. Essi hanno un effetto vincolante solo per l'istituzione interessata.

Peraltro, i trattati istitutivi prevedono altri tipi di atti adottati nell'ambito del dialogo politico tra le istituzioni dell'UE. Tali atti hanno essenzialmente l'obiettivo di agevolare il lavoro e la cooperazione tra le istituzioni. Ad esempio, nell'ambito della procedura di adozione degli accordi internazionali, il Consiglio deve inviare delle direttive di negoziazione alla Commissione per la negoziazione degli accordi.

Le istituzioni possono anche andare oltre organizzando la loro cooperazione tramite accordi interistituzionali. Anche questi tipi di accordi sono atti atipici. Essi possono avere un effetto vincolante ma soltanto per le istituzioni firmatarie dell'accordo.

Gli atti atipici non previsti dai trattati

Ciascuna istituzione dell'UE ha sviluppato una serie di strumenti nell'ambito della propria attività.

Ad esempio, il Parlamento europeo esprime talune delle sue posizioni politiche a livello internazionale attraverso delle risoluzioni o dichiarazioni. Il Consiglio adotta regolarmente delle conclusioni, risoluzioni o orientamenti alla conclusione delle sue riunioni. Tali atti contengono essenzialmente l'opinione delle istituzioni riguardo a certe problematiche europee o internazionali. Essi hanno una portata generale ma non un effetto vincolante.

La Commissione adotta inoltre diversi atti atipici propri. Si tratta di comunicazioni che presentano di solito nuovi programmi politici. Inoltre, la Commissione adotta dei libri verdi che hanno lo scopo di lanciare consultazioni pubbliche su determinate problematiche europee. Essa raccoglie così le informazioni necessarie per poter elaborare una proposta legislativa. In seguito ai risultati dei libri verdi, la Commissione adotta a volte dei libri bianchi che presentano delle proposte di azioni europee dettagliate.

Ultima modifica: 17.09.2010

Top