Help Print this page 

Summaries of EU Legislation

Title and reference
Garantire il funzionamento del mercato unico per i consumatori dell’UE

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Multilingual display
Text

Garantire il funzionamento del mercato unico per i consumatori dell’UE

 

SINTESI DI:

Comunicazione COM(2008) 31 def.: Monitoraggio dei risultati relativi ai consumatori nel mercato unico: la pagella dei mercati dei beni al consumo

QUAL È LO SCOPO DELLA COMUNICAZIONE?

  • Le pagelle dei mercati dei beni di consumo sono state istituite nel 2008 tramite questa comunicazione.
  • La comunicazione presenta la metodologia iniziale usata per valutare i mercati dei beni al consumo e i risultati della prima pagella del mercato dei beni al consumo.
  • Delinea inoltre alcuni percorsi di miglioramento, ad esempio attraverso la definizione di una classificazione armonizzata dei reclami dei consumatori a livello dell’UE e l’aumento del numero di settori coperti.

PUNTI CHIAVE

Che cos’è la pagella dei mercati dei beni al consumo?

È uno strumento creato per monitorare i mercati dei beni al consumo: una pagella che tiene conto non solo dei prezzi e della sicurezza dei prodotti, ma anche della soddisfazione dei consumatori.

Monitoraggio dei mercati dei beni al consumo

Il processo di monitoraggio dei mercati dei beni al consumo è suddiviso in due fasi:

  • una fase di selezione: individuare i settori che funzionano male;
  • una fase di analisi: individuare le cause di questo malfunzionamento.

Fase di selezione

Si prendono in esame tre aspetti del mercato:

  • 1.

    Identificazione dei mercati dei beni al consumo

Le prestazioni generali dei diversi settori vengono analizzate utilizzando i cinque indicatori seguenti:

  • reclami dei consumatori;
  • livelli di prezzo;
  • soddisfazione dei consumatori;
  • cambiamenti di fornitore;
  • sicurezza dei prodotti e dei servizi.
  • 2.

    Valutazione dell’integrazione del mercato unico al dettaglio

  • L’integrazione del mercato interno al dettaglio può essere misurata dalla presenza di rivenditori provenienti da altri paesi, da investimenti diretti esteri intra-UE e dal commercio al dettaglio intra-UE.
  • Si tiene anche conto del comportamento delle persone che fanno acquisti intra-UE e dei problemi che incontrano.
  • 3.

    Analisi comparativa del contesto in cui si trovano i consumatori nei paesi dell’UE

Per valutare i diversi contesti in cui si trovano i consumatori, vengono esaminati i seguenti aspetti:

  • l’applicazione della legge;
  • il ricorso e la sua percezione da parte dei consumatori;
  • il ruolo delle organizzazioni dei consumatori e la fiducia dei consumatori a riguardo;
  • il grado di responsabilizzazione dei consumatori: in particolare, i livelli di istruzione, informazione, competenza e consapevolezza.

Fase di analisi

Vengono analizzati alcuni punti, tra cui:

  • il conferimento di diritti ai consumatori;
  • i pregiudizi subiti dai consumatori;
  • il rapporto tra prezzi all’importazione e prezzi al consumo;
  • gli indicatori legislativi;
  • la conformità alla legge;
  • la qualità, in particolare il grado di innovazione, salute e ambiente;
  • l’accessibilità e la convenienza;
  • l’interoperabilità, cioè la capacità di un sistema o di un prodotto di interagire con altri prodotti.

Affinamento della pagella dei mercati dei beni di consumo dal 2008

Dal 2008 sono stati sviluppati e pubblicati due tipi di pagelle.

  • La pagella dei mercati dei beni al consumo traccia la performance di oltre 40 mercati dei beni al consumo sulla base di indicatori chiave come la fiducia che i venditori rispettino
    • le norme di tutela dei consumatori,
    • la comparabilità delle offerte,
    • la scelta disponibile sul mercato,
    • il grado di soddisfazione delle aspettative dei consumatori, e
    • i danni causati dai problemi incontrati dai consumatori.
  • La pagella monitora e analizza anche altri indicatori, come l’interscambiabilità e i prezzi.
  • Il quadro di valutazione delle condizioni dei consumatori monitora le condizioni nazionali per i consumatori in tre aree:
    • conoscenza e fiducia;
    • conformità e applicazione della legge;
    • reclami e risoluzione delle controversie.
  • Questo quadro di valutazione prende in esame i progressi nel processo di integrazione del mercato al dettaglio dell’UE.
  • Dal 2013 le due pagelle vengono pubblicate ad anni alterni.
  • Nel 2013-2015 è stata effettuata una revisione metodologica approfondita delle pagelle in collaborazione con il Centro comune di ricerca. Tale revisione ha portato a modifiche della metodologia prevista.

CONTESTO

Per ulteriori informazioni, consultare:

DOCUMENTO PRINCIPALE

Comunicazione della Commissione «Monitoraggio dei risultati relativi ai consumatori nel mercato unico: la pagella dei mercati dei beni al consumo», COM(2008) 31 def. del 29.1.2008)

Ultimo aggiornamento: 23.01.2017

Top