Help Print this page 

Summaries of EU Legislation

Title and reference
Normativa dell’Unione europea in materia di reati ambientali

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Multilingual display
Text

Normativa dell’Unione europea in materia di reati ambientali

 

SINTESI DI:

Direttiva 2008/99/CE sulla tutela penale dell’ambiente

CHE COSA FA LA DIRETTIVA?

  • Definisce una serie di reati gravi a danno dell’ambiente.
  • Essa richiede agli Stati membri di introdurre sanzioni penali effettive e proporzionate che costituiscano un deterrente per tali reati, sia che vengano commessi intenzionalmente o in seguiti a negligenza grave.

PUNTI CHIAVE

Tipologie di violazioni*I comportamenti nocivi per la salute dell’uomo o per l'ambiente soggetti a sanzioni includono:

  • Scarico, emissione o altro tipo di rilascio di materiali pericolosi nell’aria, nel terreno o nell’acqua;
  • raccolta, trasporto, recupero o smaltimento di rifiuti pericolosi;
  • spedizione di quantità rilevanti di rifiuti;
  • tenere in funzione impianti industriali che svolgano attività pericolose o che tengano in deposito sostanze pericolose (ad esempio fabbriche che producano vernici o sostanze chimiche);
  • Produzione, trattamento, immagazzinamento, accumulo, utilizzo, trasporto, importazione, esportazione o smaltimento di materiale nucleare e materiale radioattivo pericoloso;
  • uccisione, possesso o traffico di quantità rilevanti di specie protette di flora e fauna;
  • danni ad habitat protetti;
  • Produzione, commercio o utilizzo di sostanze che riducono lo strato di ozono (ad esempio sostanze chimiche di estintori o solventi per la pulizia).

Sanzioni:

  • Gli Stati membri devono garantire che i reati di cui all’articolo 3 della direttiva siano puniti con sanzioni penali efficaci e proporzionate che fungano da deterrente e applicabili alle persone fisiche.
  • Gli Stati membri devono stabilire che le persone giuridiche* possono essere ritenute responsabili di reati commessi a loro vantaggio da persone che agiscono da una posizione direttiva basata su potere di rappresentanza, o con potere di prendere decisioni per conto della persona giuridica o di esercitare il controllo all’interno della personalità giuridica. Le persone giuridiche sono inoltre ritenute responsabili se l'assenza di supervisione o controllo da parte della persona che occupa la posizione direttiva ha reso possibile commettere il reato.
  • La responsabilità delle persone giuridiche non esclude i procedimenti penali a carico delle persone fisiche che hanno perpetrato, incitato a perpetrare o contribuito a perpetrare il reato di cui alla direttiva. A seconda dell’ordinamento giuridico applicabile nello Stato membro interessato, la responsabilità della persona giuridica può essere di natura penale o non penale.
  • Questa direttiva si basa sulla direttiva 2004/35/CE, che stabilisce le regole sulla responsabilità ambientale in materia di prevenzione e riparazione del danno ambientale.
  • I paesi dell’UE sono responsabili di intraprendere azioni penali contro i reati ambientali. Dato che gli ordinamenti giuridici dei diversi paesi dell’UE sono diversi, i criminali possono sfruttare la mancanza di collaborazione e di coordinamento tra le autorità nazionali. Le reti di professionisti quali la rete dell'Unione europea per l'attuazione e il controllo del rispetto del diritto dell'ambiente (IMPEL), il Forum europeo - Unione dei giudici per l'ambiente (EUFJE) e la rete europea dei procuratori per l'ambiente (ENPE) giocano un ruolo importante nella condivisione delle migliori prassi e nello sviluppo di metodologie per una applicazione efficace.

DA QUANDO VIENE APPLICATA LA DIRETTIVA?

È stata applicata a partire dal venerdì 26 dicembre 2008. I paesi dell’UE avevano l’obbligo di incorporarla nella legislazione nazionale entro il giorno 26 dicembre 2010.

CONTESTO

Per ulteriori informazioni, consultare:

TERMINI CHIAVE

Violazione: in questo contesto, si riferisce alla violazione di leggi dell’UE o nazionali che applicano la legislazione dell’UE di cui agli allegati alla Direttiva 2008/99/CE.
Persona giuridica: entità non umana, ad esempio una società, che viene trattata come persona per fini legali limitati. Una persona giuridica può perseguire, essere perseguita, possedere delle proprietà e stipulare contratti.

DOCUMENTO PRINCIPALE

Direttiva 2008/99/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 19 novembre, 2008 sulla tutela penale dell’ambiente (GU L 328, 6.12.2008, pp. 28-37)

DOCUMENTI CORRELATI

Direttiva 2004/35/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 21 aprile, 2004 sulla responsabilità ambientale in materia di prevenzione e riparazione del danno (GU L 143, 30.4.2004, pp. 56-75)

I successivi emendamenti alla Direttiva 2004/35/CE sono stati incorporati nel documento originale. Questa versione consolidata ha semplice valore documentale.

Ultimo aggiornamento: 04.08.2017

Top