Help Print this page 
Title and reference
Sentenza della Corte del 17 dicembre 1970.
Internationale Handelsgesellschaft mbH contro Einfuhr- und Vorratsstelle für Getreide und Futtermittel.
Domanda di pronuncia pregiudiziale: Verwaltungsgericht Frankfurt am Main - Germania.
Causa 11-70.

European Court Reports 1970 -01125
  • ECLI identifier: ECLI:EU:C:1970:114
Languages and formats available
BG ES CS DA DE ET EL EN FR GA HR IT LV LT HU MT NL PL PT RO SK SL FI SV
HTML html DE html EN html FR html IT html NL html FI html SV
PDF pdf ES pdf DA pdf DE pdf EL pdf EN pdf FR pdf IT pdf NL pdf PT pdf FI pdf SV
Multilingual display
Text

61970J0011

SENTENZA DELLA CORTE DEL 17 DICEMBRE 1970. - INTERNATIONALE HANDELSGESELLSCHAFT MBH CONTRO EINFUHRUND VORRATSSTELLE FUER GETREIDE UND FUTTERMITTEL. - (DOMANDA DI PRONUNZIA PREGIUDIZIALE, PROPOSTA DAL VERWALTUNGSGERICHT FRANKFURT). - CAUSA 11/70.

raccolta della giurisprudenza 1970 pagina 01125
edizione speciale danese pagina 00235
edizione speciale greca pagina 00581
edizione speciale portoghese pagina 00625
edizione speciale spagnola pagina 00241
edizione speciale svedese pagina 00503
edizione speciale finlandese pagina 00501


Massima
Parti
Oggetto della causa
Motivazione della sentenza
Decisione relativa alle spese
Dispositivo

Parole chiave


++++

1 . ATTI DELLE ISTITUZIONI - LEGITTIMITA - VALUTAZIONE ALLA LUCE DEL DIRITTO COMUNITARIO - AUTONOMIA, UNITA ED EFFICACIA DEL DIRITTO COMUNITARIO - INAMMISSIBILITA DEL RICHIAMO A NORME DI DIRITTO COSTITUZIONALE STATALE

2 . DIRITTO COMUNITARIO - PRINCIPI GENERALI - DIRITTI FONDAMENTALI - TUTELA GARANTITA DALLA CORTE ENTRO L' AMBITO DELLA STRUTTURA E DELLE FINALITA DELLA COMUNITA

3 . AGRICOLTURA - ORGANIZZAZIONE COMUNE DEI MERCATI - LICENZE D' IMPORTAZIONE E D' ESPORTAZIONE GARANTITE DA UNA CAUZIONE - NECESSITA E UTILITA DI TALE SISTEMA, CHE NON LEDA I DIRITTI FONDAMENTALI

( TRATTATO CEE, ARTT . 40 E 43 )

4 . AGRICOLTURA - ORGANIZZAZIONE COMUNE DEI MERCATI - LICENZE D' IMPORTAZIONE E D' ESPORTAZIONE - TERMINE DI VALIDITA - SCADENZA - CASO DI FORZA MAGGIORE - NOZIONE

( REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO N . 120/67 )

5 . AGRICOLTURA - ORGANIZZAZIONE COMUNE DEI MERCATI - LICENZE D' IMPORTAZIONE E D' ESPORTAZIONE - ANNULLAMENTO DELL' IMPEGNO D' ESPORTARE O D' IMPORTARE - LIMITAZIONE AI CASI DI FORZA MAGGIORE - LEGITTIMITA

Massima


1 . LA VALIDITA DEGLI ATTI EMANANTI DALLE ISTITUZIONI DELLA COMUNITA PUO' ESSERE STABILITA UNICAMENTE ALLA LUCE DEL DIRITTO COMUNITARIO . IL DIRITTO NATO DAL TRATTATO, CHE HA UNA FONTE AUTONOMA, PER SUA NATURA NON PUO' INFATTI TROVARE UN LIMITE IN QUALSIVOGLIA NORMA DI DIRITTO NAZIONALE SENZA PERDERE IL PROPRIO CARATTERE COMUNITARIO E SENZA CHE SIA POSTO IN DISCUSSIONE IL FONDAMENTO GIURIDICO DELLA STESSA COMUNITA . DI CONSEGUENZA, IL FATTO CHE SIANO MENOMATI VUOI I DIRITTI FONDAMENTALI SANCITI DALLA COSTITUZIONE DI UNO STATO MEMBRO, VUOI I PRINCIPI DI UNA COSTITUZIONE NAZIONALE, NON PUO' SMINUIRE LA VALIDITA DI UN ATTO DELLA COMUNITA NE LA SUA EFFICACIA NEL TERRITORIO DELLO STESSO STATO . ( SENTENZA 15 LUGLIO 1964, CAUSA 6-64, RACCOLTA X-1964, PAG . 1129 ).

2 . LA TUTELA DEI DIRITTI FONDAMENTALI COSTITUISCE PARTE INTEGRANTE DEI PRINCIPI GIURIDICI GENERALI DI CUI LA CORTE DI GIUSTIZIA GARANTISCE L' OSSERVANZA . LA SALVAGUARDIA DI QUESTI DIRITTI, PUR ESSENDO INFORMATA ALLE TRADIZIONI COSTITUZIONALI COMUNI AGLI STATI MEMBRI, VA GARANTITA ENTRO L' AMBITO DELLA STRUTTURA E DELLE FINALITA DELLA COMUNITA . ( SENTENZA 12 NOVEMBRE 1969, CAUSA 29-69, PAG . 419 ).

3 . IL SISTEMA ( ISTITUITO DAI REGOLAMENTI AGRICOLI COMUNITARI ) DELLE LICENZE D' IMPORTAZIONE E D' ESPORTAZIONE IMPLICANTI - PER CHI LE HA RICHIESTE - L' IMPEGNO, GARANTITO DA UNA CAUZIONE, DI EFFETTUARE LE OPERAZIONI PREVISTE, COSTITUISCE UNO STRUMENTO NECESSARIO E ADEGUATO, AI SENSI DEGLI ARTICOLI 40, N . 3, E 43 DEL TRATTATO CEE, ALLO SCOPO DI CONSENTIRE ALLE AUTORITA COMPETENTI DI DETERMINARE NEL MODO MIGLIORE I LORO INTERVENTI SUL MERCATO DEI CEREALI . IL REGIME DELLE LICENZE NON LEDE ALCUN DIRITTO FONDAMENTALE .

4 . LA NOZIONE DI FORZA MAGGIORE FATTA PROPRIA DAI REGOLAMENTI AGRICOLI NON SI LIMITA ALL' IMPOSSIBILITA ASSOLUTA, MA DEV' ESSERE INTESA NEL SENSO DI CIRCOSTANZE ANORMALI, INDIPENDENTI DALL' IMPORTATORE O DALL' ESPORTATORE, LE CUI CONSEGUENZE AVREBBERO POTUTO ESSERE EVITATE MALGRADO LA MIGLIORE BUONA VOLONTA . ( SENTENZA 11 LUGLIO 1968, CAUSA 4-68, RACCOLTA XIV-1968, PAG . 498 ).

5 . LIMITANDO AI CASI DI FORZA MAGGIORE L' ANNULLAMENTO DELL' IMPEGNO D' ESPORTARE E LA RESTITUZIONE DELLA CAUZIONE, IL LEGISLATORE COMUNITARIO HA ADOTTATO UN PROVVEDIMENTO IL QUALE, SENZA IMPORRE UN ONERE INIQUO AGLI OPERATORI, E IDONEO A GARANTIRE IL BUON FUNZIONAMENTO DELL' ORGANIZZAZIONE DEL MERCATO DEI CEREALI, NELL' INTERESSE GENERALE QUALE E DEFINITO DALL' ARTICOLO 39 DEL TRATTATO .

Parti


NEL PROCEDIMENTO 11-70

AVENTE AD OGGETTO LA DOMANDA DI PRONUNZIA PREGIUDIZIALE PROPOSTA ALLA CORTE, A NORMA DELL' ARTICOLO 177 DEL TRATTATO CEE, DAL VERWALTUNGSGERICHT ( TRIBUNALE AMMINISTRATIVO ) DI FRANCOFORTE SUL MENO, NELLA CAUSA DINANZI AD ESSO PENDENTE

TRA

INTERNATIONALE HANDELSGESELLSCHAFT MBH, CON SEDE IN FRANCOFORTE SUL MENO

E

EINFUHR - UND VORRATSSTELLE FUER GETREIDE UND FUTTERMITTEL ( UFFICIO PER L' IMPORTAZIONE E L' IMMAGAZZINAMENTO DI CEREALI E FORAGGI ) DI FRANCOFORTE SUL MENO,

Oggetto della causa


DOMANDA VERTENTE SULL' INTERPRETAZIONE DELL' ARTICOLO 12, N . 1, 3 ) COMMA, DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO CEE 13 GIUGNO 1967, N . 120, RELATIVO ALL' ORGANIZZAZIONE COMUNE DEI MERCATI NEL SETTORE DEI CEREALI, E DELL' ARTICOLO 9 DEL REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE 21 AGOSTO 1967, N . 473/67/CEE, RELATIVO AI TITOLI D' IMPORTAZIONE E D' ESPORTAZIONE PER I CEREALI, I PRODOTTI TRASFORMATI A BASE DI CEREALI, IL RISO, LE ROTTURE DI RISO ED I PRODOTTI TRASFORMATI A BASE DI RISO,

Motivazione della sentenza


1 CON ORDINANZA 18 MARZO 1970, PERVENUTA IN CANCELLERIA IL 26 MARZO 1970, IL VERWALTUNGSGERICHT ( TRIBUNALE AMMINISTRATIVO ) DI FRANCOFORTE SUL MENO HA DEFERITO A QUESTA CORTE, A NORMA DELL' ARTICOLO 177 DEL TRATTATO CEE, DUE QUESTIONI RELATIVE ALLA VALIDITA DELLA DISCIPLINA DELLE LICENZE D' ESPORTAZIONE E DELLE CAUZIONI AD ESSE CONNESSE - DESIGNATA IN PROSIEGUO " DISCIPLINA DELLE CAUZIONI " - CONTENUTA NEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO CEE 13 GIUGNO 1967 N . 120, RELATIVO ALL' ORGANIZZAZIONE COMUNE DEI MERCATI NEL SETTORE DEI CEREALI ( GU 1967, PAG . 2269 ) E NEL REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE CEE 21 AGOSTO 1967 N . 473, RELATIVO ALLE LICENZE D' IMPORTAZIONE E D' ESPORTAZIONE ( GU 1967, N . 204, PAG . 16 ).

2 DALLA MOTIVAZIONE DELL' ORDINANZA DI RINVIO SI DESUME CHE SINORA IL GIUDICE PROPONENTE SI E RIFIUTATO DI AMMETTERE LA VALIDITA DELLE DISPOSIZIONI DI CUI TRATTASI E CHE ESSO CONSIDERA QUINDI INDISPENSABILE IL PORRE TERMINE ALL' INCERTEZZA GIURIDICA DERIVANTE DA QUESTO FATTO . SECONDO IL GIUDICE PROPONENTE, LA DISCIPLINA DELLE CAUZIONI SAREBBE IN CONTRASTO CON DETERMINATI PRINCIPI FONDAMENTALI DEL DIRITTO COSTITUZIONALE NAZIONALE CHE DOVREBBERO ESSERE FATTI SALVI NELL' ORDINAMENTO COMUNITARIO, DI GUISA CHE LA PREMINENZA DEL DIRITTO SOPRANAZIONALE VERREBBE MENO DINANZI AI PRINCIPI DELLA LEGGE FONDAMENTALE .

PIU PRECISAMENTE, LA DISCIPLINA DELLE CAUZIONI LEDEREBBE I PRINCIPI DI LIBERTA D' AZIONE E DI DISPOSIZIONE, DI LIBERTA ECONOMICA E DI PROPORZIONALITA SANCITI, FRA L' ALTRO, DAGLI ARTICOLI 2, 1 ) COMMA, E 14 DELLA LEGGE FONDAMENTALE . L' IMPEGNO D' IMPORTARE O D' ESPORTARE DERIVANTE DAL RILASCIO DELLE LICENZE, UNITAMENTE ALLA CAUZIONE IVI CONNESSA, COSTITUIREBBE UNA INTRUSIONE NELLA LIBERTA DI DISPOSIZIONE DEI COMMERCIANTI, DATO CHE LO SCOPO PERSEGUITO AVREBBE POTUTO ESSERE RAGGIUNTO MEDIANTE INTERVENTI MENO GRAVIDI DI CONSEGUENZE .

SULLA TUTELA DEI DIRITTI FONDAMENTALI NELL' ORDINAMENTO GIURIDICO COMUNITARIO

3 IL RICHIAMO A NORME O NOZIONI DI DIRITTO NAZIONALE NEL VALUTARE LA LEGITTIMITA DI ATTI EMANANTI DALLE ISTITUZIONI DELLA COMUNITA MENOMEREBBE L' UNITA E L' EFFICACIA DEL DIRITTO COMUNITARIO . LA VALIDITA DI DETTI ATTI PUO' ESSERE STABILITA UNICAMENTE ALLA LUCE DEL DIRITTO COMUNITARIO . IL DIRITTO NATO DAL TRATTATO, CHE HA UNA FONTE AUTONOMA, PER SUA NATURA NON PUO' INFATTI TROVARE UN LIMITE IN QUALSIVOGLIA NORMA DI DIRITTO NAZIONALE SENZA PERDERE IL PROPRIO CARATTERE COMUNITARIO E SENZA CHE SIA POSTO IN DISCUSSIONE IL FONDAMENTO GIURIDICO DELLA STESSA COMUNITA .

DI CONSEGUENZA, IL FATTO CHE SIANO MENOMATI VUOI I DIRITTI FONDAMENTALI SANCITI DALLA COSTITUZIONE DI UNO STATO MEMBRO, VUOI I PRINCIPI DI UNA COSTITUZIONE NAZIONALE, NON PUO' SMINUIRE LA VALIDITA DI UN ATTO DELLA COMUNITA NE LA SUA EFFICACIA NEL TERRITORIO DELLO STESSO STATO .

4 E' TUTTAVIA OPPORTUNO ACCERTARE SE NON SIA STATA VIOLATA ALCUNA GARANZIA ANALOGA, INERENTE AL DIRITTO COMUNITARIO . LA TUTELA DEI DIRITTI FONDAMENTALI COSTITUISCE INFATTI PARTE INTEGRANTE DEI PRINCIPI GIURIDICI GENERALI DI CUI LA CORTE DI GIUSTIZIA GARANTISCE L' OSSERVANZA . LA SALVAGUARDIA DI QUESTI DIRITTI, PUR ESSENDO INFORMATA ALLE TRADIZIONI COSTITUZIONALI COMUNI AGLI STATI MEMBRI, VA GARANTITA ENTRO L' AMBITO DELLA STRUTTURA E DELLE FINALITA DELLA COMUNITA .

SI DEVE QUINDI ACCERTARE, ALLA LUCE DEI DUBBI MANIFESTATI DAL GIUDICE PROPRONENTE, SE LA DISCIPLINA DELLE CAUZIONI ABBIA LESO DEI DIRITTI FONDAMENTALI LA CUI OSSERVANZA VA GARANTITA NELL' ORDINAMENTO GIURIDICO COMUNITARIO .

SULLA PRIMA QUESTIONE ( LEGITTIMITA DELLA DISCIPLINA DELLE CAUZIONI )

5 LA PRIMA QUESTIONE DEFERITA VERTE SUL SE SIANO CONFORMI AL DIRITTO L' IMPEGNO D' ESPORTARE, FONDATO SULL' ARTICOLO 12, N . 1, 3 ) COMMA DEL REGOLAMENTO N . 120/67, IL DEPOSITO DELLA CAUZIONE CONNESSO A TALE IMPEGNO E L' INCAMERAMENTO DELLA CAUZIONE QUALORA L' ESPORTAZIONE NON SIA STATA EFFETTUATA ENTRO IL TERMINE DI VALIDITA DELLA LICENZA .

6 IL 13 ) CONSIDERANDO DELLA MOTIVAZIONE DEL REGOLAMENTO N . 120/67 RECITA : " CONSIDERANDO CHE LE AUTORITA COMPETENTI DEVONO ESSERE POSTE IN GRADO DI SEGUIRE IN PERMANENZA IL MOVIMENTO DEGLI SCAMBI PER POTER VALUTARE L' EVOLUZIONE DEL MERCATO E APPLICARE EVENTUALMENTE LE MISURE NECESSARIE PREVISTE NEL PRESENTE REGOLAMENTO; CHE A TAL FINE E OPPORTUNO PREVEDERE IL RILASCIO DI TITOLI D' IMPORTAZIONE O DI ESPORTAZIONE ABBINATI ALLA COSTITUZIONE DI UN DEPOSITO CAUZIONALE CHE GARANTISCA IL COMPIMENTO DELLE OPERAZIONI PER LE QUALI I TITOLI SONO STATI RICHIESTI ".

DA QUESTE CONSIDERAZIONI, COME PURE DAL REGOLAMENTO NEL SUO COMPLESSO, SI DESUME CHE LA DISCIPLINA DELLE CAUZIONI E DESTINATA A GARANTIRE LA REALIZZAZIONE DELLE IMPORTAZIONI ED ESPORTAZIONI PER LE QUALI VENGONO CHIESTE LE LICENZE, ONDE CONSENTIRE ALLA COMUNITA ED AGLI STATI MEMBRI L' ESATTA CONOSCENZA DEI NEGOZI PROGETTATI .

7 QUESTA CONOSCENZA, UNITAMENTE AGLI ALTRI DATI DISPONIBILI SULLA SITUAZIONE DEL MERCATO, E INDISPENSABILE SE SI VUOLE CHE LE AUTORITA COMPETENTI POSSANO VALERSI IN MODO ADEGUATO DEGLI STRUMENTI D' INTERVENTO, ORDINARI ED ECCEZIONALI, POSTI A LORO DISPOSIZIONE ONDE GARANTIRE L' EFFICACIA DELLA DISCIPLINA DEI PREZZI ISTITUITA DAL REGOLAMENTO, QUALI GLI ACQUISTI D' INTERVENTO, LA COSTITUZIONE E LA LIQUIDAZIONE DELLE SCORTE, LA FISSAZIONE DI PREMI DI DENATURAZIONE, LA FISSAZIONE DI RESTITUZIONI ALL' ESPORTAZIONE, L' APPLICAZIONE DI PROVVEDIMENTI DI SALVAGUARDIA E LA SCELTA DI PROVVEDIMENTI DESTINATI AD EVITARE SVIAMENTI DI TRAFFICO .

QUESTA ESIGENZA E TANTO PIU SENTITA IN QUANTO LA REALIZZAZIONE DELLA POLITICA AGRICOLA COMUNE IMPONE ALLA COMUNITA E AGLI STATI MEMBRI GRAVI ONERI FINANZIARI .

8 E' QUINDI NECESSARIO CHE LE AUTORITA COMPETENTI DISPONGANO, NON SOLO DI DATI STATISTICI SULLA SITUAZIONE DI MERCATO, MA ANCHE DI PREVISIONI ESATTE SULLE IMPORTAZIONI ED ESPORTAZIONI FUTURE .

DI FRONTE ALL' OBBLIGO, IMPOSTO AGLI STATI MEMBRI DALL' ARTICOLO 12 DEL REGOLAMENTO N . 120/67, DI RILASCIARE DELLE LICENZE D' IMPORTAZIONE O D' ESPORTAZIONE AD OGNI INTERESSATO, LE PREVISIONI NON AVREBBERO ALCUN SENSO SE LE LICENZE NON IMPLICASSERO PER IL LORO TITOLARE L' IMPEGNO AD AGIRE IN CONFORMITA . A SUA VOLTA, QUESTO IMPEGNO SAREBBE INEFFICACE SE LA SUA OSSERVANZA NON FOSSE GARANTITA CON MEZZI APPROPRIATI .

9 LA SCELTA DELLA CAUZIONE, EFFETTUATA A TALE SCOPO DAL LEGISLATORE COMUNITARIO, NON OFFRE IL FIANCO A CRITICHE, TENUTO CONTO DEL FATTO CHE QUESTO STRUMENTO E ADATTO AL CARATTERE VOLONTARIO DELLE DOMANDE DI LICENZA E CH' ESSO POSSIEDE, RISPETTO AGLI ALTRI POSSIBILI STRUMENTI, IL DUPLICE VANTAGGIO D' ESSERE SEMPLICE ED EFFICACE .

10 LA SEMPLICE DICHIARAZIONE DELLE ESPORTAZIONI EFFETTUATE E DELLE LICENZE NON UTILIZZATE, PRECONIZZATA DALL' ATTRICE NELLA CAUSA DI MERITO, NON POTREBBE FORNIRE ALLE AUTORITA COMPETENTI - DATO IL SUO CARATTERE RETROSPETTIVO E L' ASSENZA DI QUALSIASI GARANZIA DI EFFETTIVA REALIZZAZIONE - DEI DATI SICURI CIRCA L' ANDAMENTO DEI MOVIMENTI DI MERCI .

11 COSI' PURE, DELLE AMMENDE INFLITTE " A POSTERIORI " IMPLICHEREBBERO NOTEVOLI COMPLICAZIONI AMMINISTRATIVE E GIUDIZIARIE SIA ALLO STADIO DELL' IRROGAZIONE SIA A QUELLO DELL' ESECUZIONE, COMPLICAZIONI AGGRAVATE DAL FATTO CHE GLI OPERATORI POSSONO SFUGGIRE ALL' AUTORITA DEGLI ORGANISMI D' INTERVENTO QUALORA RISIEDANO IN UN ALTRO STATO MEMBRO, GIACCHE L' ARTICOLO 12 DEL REGOLAMENTO IMPONE AGLI STATI MEMBRI L' OBBLIGO DI RILASCIARE LE LICENZE A CHIUNQUE NE FACCIA DOMANDA " A PRESCINDERE DAL SUO LUOGO DI STABILIMENTO NELLA COMUNITA ".

12/13 NE CONSEGUE CHE LE LICENZE D' IMPORTAZIONE E D' ESPORTAZIONE IMPLICANTI PER IL TITOLARE L' OBBLIGO - GARANTITO DA UNA CAUZIONE - DI EFFETTUARE LE RELATIVE OPERAZIONI, COSTITUISCONO UNO STRUMENTO NECESSARIO E OPPORTUNO SE SI VUOLE CHE LE AUTORITA COMPETENTI SIANO IN GRADO DI INTERVENIRE NEL MODO PIU EFFICACE SUL MERCATO DEI CEREALI . IN LINEA DI PRINCIPIO, LA VALIDITA DELLE DISPOSIZIONI DI CUI TRATTASI DEL REGOLAMENTO 120/67 NON PUO' QUINDI ESSERE MESSA IN DUBBIO .

14 APPARE CIONONDIMENO OPPORTUNO ACCERTARE SE TALUNE PARTICOLARITA DELLA DISCIPLINA DELLE CAUZIONI NON PRESTINO IL FIANCO ALLA CRITICA ALLA LUCE DEI PRINCIPI ESPOSTI DAL GIUDICE PROPONENTE, TANTO PIU CHE L' ATTRICE NELLA CAUSA DI MERITO SOSTIENE CHE L' ONERE DELLA CAUZIONE E ECCESSIVO PER I COMMERCIANTI E LEDE QUINDI I DIRITTI FONDAMENTALI .

15 PER STABILIRE QUALE SIA L' ONERE EFFETTIVO DELLA CAUZIONE PER I COMMERCIANTI, SI DEVE PRENDERE IN CONSIDERAZIONE NON TANTO L' AMMONTARE DELLA CAUZIONE CHE VIENE RIMBORSATA - CIOE 0,5 UNITA DI CONTO LA TONNELLATA - QUANTO LE SPESE INERENTI ALLA SUA COSTITUZIONE . NON SI PUO' INVECE TENER CONTO DELL' INCAMERAMENTO DELLA CAUZIONE STESSA, POSTO CHE GLI OPERATORI SONO ADEGUATAMENTE TUTELATI DALLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO RELATIVE ALLE CIRCOSTANZE RICONOSCIUTE COME CASI DI FORZA MAGGIORE .

LE SPESE PER LA CAUZIONE NON APPAIONO SPROPORZIONATE RISPETTO AL VALORE COMPLESSIVO DELLE MERCI ED ALLE ALTRE SPESE COMMERCIALI .

16 NE CONSEGUE CHE LE SPESE INERENTI ALLA DISCIPLINA DELLA CAUZIONE NON SONO ECCESSIVE E SONO LA CONSEGUENZA LOGICA DI UN' ORGANIZZAZIONE DEI MERCATI RISPONDENTE ALL' INTERESSE GENERALE ( DEFINITO DALL' ARTICOLO 39 DEL TRATTATO ), LA QUALE E INTESA A GARANTIRE UN EQUO TENORE DI VITA ALLA POPOLAZIONE AGRICOLA, ED AL TEMPO STESSO DEI PREZZI RAGIONEVOLI AL CONSUMO .

17 L' ATTRICE NELLA CAUSA DI MERITO SOSTIENE INOLTRE CHE L' INCAMERAMENTO DELLA CAUZIONE, CONSEGUENTE AL MANCATO ADEMPIMENTO DELL' OBBLIGO D' IMPORTARE O D' ESPORTARE, COSTITUISCE IN REALTA UN' AMMENDA O UNA PENA CHE NE IL CONSIGLIO NE LA COMMISSIONE POTEVANO ISTITUIRE, NON ESSENDOVI STATI AUTORIZZATI DAL TRATTATO .

18 QUESTO ARGOMENTO E FONDATO SU UN' ERRATA INTERPRETAZIONE DELLA DISCIPLINA DELLE CAUZIONI, CHE NON PUO' ESSERE ASSIMILATA AL DIRITTO PENALE GIACCHE COSTITUISCE UNICAMENTE LA GARANZIA DELL' ADEMPIMENTO DI UN OBBLIGO VOLONTARIAMENTE ASSUNTO .

19 INFINE, SONO INCONFERENTI GLI ARGOMENTI DELL' ATTRICE NELLA CAUSA DI MERITO RELATIVI, IN PRIMO LUOGO, ALLA CIRCOSTANZA CHE GLI UFFICI DELLA COMMISSIONE NON SAREBBERO TECNICAMENTE IN GRADO DI VALERSI DEI DATI OTTENUTI COL SISTEMA CRITICATO, IL QUALE SAREBBE QUINDI PRIVO DI QUALSIASI UTILITA PRATICA, E, IN SECONDO LUOGO, ALLA CIRCOSTANZA CHE LE MERCI DI CUI E CAUSA SI TROVANO SOTTO IL REGIME DI PERFEZIONAMENTO ATTIVO . QUESTE CRITICHE NON VALGONO AD INFICIARE IL PRINCIPIO STESSO DELLA DISCIPLINA DELLE CAUZIONI .

20 DAL COMPLESSO DELLE CONSIDERAZIONI CHE PRECEDONO EMERGE CHE IL REGIME DELLE LICENZE IMPLICANTI - PER CHI LE HA RICHIESTE - L' IMPEGNO D' IMPORTARE OD ESPORTARE GARANTITO DA UNA CAUZIONE, NON LEDE ALCUN DIRITTO FONDAMENTALE .

IL SISTEMA DELLE CAUZIONI COSTITUISCE UNO STRUMENTO ADEGUATO, AI SENSI DELL' ARTICOLO 40, N . 3 DEL TRATTATO, DELL' ORGANIZZAZIONE COMUNE DEI MERCATI AGRICOLI, E DEL RESTO CONFORME ALLE ESIGENZE DELL' ARTICOLO 43 .

SULLA SECONDA QUESTIONE ( NOZIONE DI FORZA MAGGIORE )

21 LA SECONDA QUESTIONE DEFERITA VERTE SUL SE, NEL CASO CHE QUESTA CORTE AFFERMI LA VALIDITA DELLA DISPOSIZIONE DI CUI TRATTASI DEL REGOLAMENTO N . 120/67, L' ARTICOLO 9 DEL REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE N . 473/67, ADOTTATO A NORMA DEL PRIMO REGOLAMENTO, SIA CONFORME AL DIRITTO IN QUANTO ESCLUDE L' INCAMERAMENTO DELLA CAUZIONE SOLO IN CASO DI FORZA MAGGIORE .

22 DALLA MOTIVAZIONE DELL' ORDINANZA DI RINVIO SI DESUME CHE IL GIUDICE PROPONENTE CONSIDERA INIQUO E IN CONTRASTO COI PRINCIPI SOPRA ESPOSTI L' ARTICOLO 1 DEL REGOLAMENTO 473/67, IL QUALE LIMITA ALLE " CIRCOSTANZE DA CONSIDERARSI COME CASI DI FORZA MAGGIORE " L' ANNULLAMENTO DELL' OBBLIGO D' IMPORTARE OD ESPORTARE E LA RESTITUZIONE DELLA CAUZIONE .

IL GIUDICE PROPONENTE, IN BASE ALLA PROPRIA ESPERIENZA, CONSIDERA QUESTA DISPOSIZIONE TROPPO RIGIDA, IN QUANTO LASCIA A CARICO DEGLI ESPORTATORI LA PERDITA DELLA CAUZIONE IN CIRCOSTANZE IN CUI L' ESPORTAZIONE NON HA POTUTO AVER LUOGO PER RAGIONI VALIDE MA NON CHE RIENTRANO NELLA NOZIONE DI FORZA MAGGIORE IN SENSO STRETTO . DAL CANTO SUO, L' ATTRICE NELLA CAUSA DI MERITO CONSIDERA QUESTA DISPOSIZIONE COME TROPPO SEVERA, IN QUANTO PREVEDE LA RESTITUZIONE DELLA CAUZIONE SOLO IN CASO DI FORZA MAGGIORE, SENZA TENER CONTO DELLE CONSIDERAZIONI DI CARATTERE COMMERCIALE CHE POSSONO AVER MOTIVATO IL COMPORTAMENTO DEGLI IMPORTATORI O ESPORTATORI .

23 LA NOZIONE DI FORZA MAGGIORE FATTA PROPRIA DAI REGOLAMENTI AGRICOLI TIENE CONTO DELLA NATURA PARTICOLARE DEI RAPPORTI DI DIRITTO PUBBLICO INTERCORRENTI FRA GLI OPERATORI ECONOMICI E L' AMMINISTRAZIONE NAZIONALE, COME PURE DELLE FINALITA DEI REGOLAMENTI STESSI . DA QUESTE FINALITA, COME PURE DALLE DISPOSIZIONI DEI REGOLAMENTI DI CUI TRATTASI, SI DESUME CHE LA NOZIONE DI FORZA MAGGIORE NON SI LIMITA ALL' IMPOSSIBILITA ASSOLUTA, MA DEVE ESSERE INTESA NEL SENSO DI CIRCOSTANZE ANORMALI, INDIPENDENTI DALL' IMPORTATORE O DALL' ESPORTATORE, LE CUI CONSEGUENZE AVREBBERO POTUTO ESSERE EVITATE SOLO A COSTO DI SACRIFICI SPROPORZIONATI, MALGRADO LA MIGLIOR BUONA VOLONTA .

QUESTA NOZIONE E SUFFICIENTEMENTE AMPIA PER QUANTO RIGUARDA, NON SOLO LA NATURA DELL' EVENTO, MA ANCHE IL GRADO DI DILIGENZA CHE L' ESPORTATORE AVREBBE DOVUTO SPIEGARE PER OVVIARVI E LE PERDITE CHE AVREBBE DOVUTO ACCOLLARSI A TALE SCOPO .

24 I CASI D' INCAMERAMENTO CITATI DAL GIUDICE A QUO, COME ESEMPI DI ONERE INGIUSTIFICATO ED ECCESSIVO PER L' IMPORTATORE, PAIONO RIGUARDARE DELLE FATTISPECIE NELLE QUALI L' ESPORTAZIONE NON E STATA EFFETTUATA, VUOI PER COLPA DELL' ESPORTATORE O A CAUSA DI UN SUO ERRORE, VUOI PER CONSIDERAZIONI PURAMENTE COMMERCIALI .

LE CRITICHE FORMULATE CONTRO L' ARTICOLO 9 DEL REGOLAMENTO N . 473/67 TENDONO QUINDI IN REALTA A SOSTITUIRE DELLE CONSIDERAZIONI, RELATIVE UNICAMENTE ALL' INTERESSE ED AL COMPORTAMENTO DI TALUNI OPERATORI ECONOMICI, AD UNA DISCIPLINA INTRODOTTA NELL' INTERESSE GENERALE DELLA COMUNITA . IL SISTEMA ISTITUITO, IN BASE AI PRINCIPI POSTI DAL REGOLAMENTO N . 120/67, DAL REGOLAMENTO D' ATTUAZIONE N . 473/67, E INTESO AD ASSOLVERE GLI OPERATORI ECONOMICI DAI LORO IMPEGNI UNICAMENTE NEI CASI IN CUI L' IMPORTAZIONE O L' ESPORTAZIONE NON HA POTUTO ESSERE EFFETTUATA ENTRO IL TERMINE DI VALIDITA DELLA LICENZA A CAUSA DI EVENTI CONTEMPLATI NEI TESTI SOPRA MENZIONATI .

AL DI FUORI DI QUESTI EVENTI, DEI QUALI NON POSSONO ESSERE CONSIDERATI RESPONSABILI, GLI IMPORTATORI E GLI ESPORTATORI DEVONO UNIFORMARSI A QUANTO PRESCRIVONO I REGOLAMENTI AGRICOLI, SENZA POTERVI SOSTITUIRE CONSIDERAZIONI RELATIVE AI LORO INTERESSI PRIVATI .

25 NE CONSEGUE CHE, LIMITANDO AI CASI DI FORZA MAGGIORE L' ANNULLAMENTO DELL' IMPEGNO D' ESPORTARE E LA RESTITUZIONE DELLA CAUZIONE, IL LEGISLATORE COMUNITARIO HA ADOTTATO UN PROVVEDIMENTO IL QUALE, SENZA IMPORRE UN ONERE INIQUO AGLI OPERATORI, E IDONEO A GARANTIRE IL BUON FUNZIONAMENTO DELL' ORGANIZZAZIONE DEL MERCATO DEI CEREALI, NELL' INTERESSE GENERALE QUALE E DEFINITO DALL' ARTICOLO 39 DEL TRATTATO .

NESSUN ARGOMENTO CONTRO LA VALIDITA DELLA DISCIPLINA DELLE CAUZIONI SI PUO' PERTANTO TRARRE DALLE DISPOSIZIONI CHE LIMITANO LA RESTITUZIONE DELLA CAUZIONE AI CASI DI FORZA MAGGIORE .

Decisione relativa alle spese


26/27 LE SPESE SOSTENUTE DAL GOVERNO DEL REGNO DEI PAESI BASSI, DAL GOVERNO DELLA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA E DALLA COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE, CHE HANNO PRESENTATO OSSERVAZIONI ALLA CORTE, NON POSSONO DAR LUOGO A RIFUSIONE . NEI CONFRONTI DELLE PARTI, IL PRESENTE PROCEDIMENTO HA IL CARATTERE DI UN INCIDENTE SOLLEVATO NEL CORSO DELLA CONTROVERSIA PENDENTE DINANZI AL VERWALTUNGSGERICHT DI FRANCOFORTE SUL MENO, AL QUALE SPETTA QUINDI PRONUNZIARSI SULLE SPESE .

Dispositivo


LA CORTE, PRONUNZIANDOSI SULLE QUESTIONI SOTTOPOSTELE DAL VERWALTUNGSGERICHT DI FRANCOFORTE SUL MENO, CON ORDINANZA 18 MARZO 1970, AFFERMA PER DIRITTO :

L' ESAME DELLE QUESTIONI DEFERITE NON HA RIVELATO ALCUN ELEMENTO ATTO AD INFICIARE LA VALIDITA

1 ) DELL' ARTICOLO 12, N . 1, 3 ) COMMA, DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO CEE 13 GIUGNO 1967 N . 120, IL QUALE SUBORDINA IL RILASCIO DELLE LICENZE D' IMPORTAZIONE O D' ESPORTAZIONE AL DEPOSITO DI UNA CAUZIONE, DESTINATA A GARANTIRE L' IMPEGNO DI IMPORTARE OD ESPORTARE ENTRO IL TERMINE DI VALIDITA DELLA LICENZA;

2 ) DELL' ARTICOLO 9 DEL REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE CEE 21 AGOSTO 1967 N . 473, IL QUALE LIMITA L' ANNULLAMENTO DELL' IMPEGNO SUDDETTO E LA RESTITUZIONE DELLA CAUZIONE ALLE IPOTESI DA CONSIDERARSI COME CASI DI FORZA MAGGIORE .

Top