Help Print this page 

Document 52017XG0705(01)

Title and reference
Piano d'azione dell'UE in materia di lotta contro la droga 2017-2020

OJ C 215, 5.7.2017, p. 21–58 (BG, ES, CS, DA, DE, ET, EL, EN, FR, HR, IT, LV, LT, HU, MT, NL, PL, PT, RO, SK, SL, FI, SV)
Languages, formats and link to OJ
BG ES CS DA DE ET EL EN FR GA HR IT LV LT HU MT NL PL PT RO SK SL FI SV
HTML html BG html ES html CS html DA html DE html ET html EL html EN html FR html HR html IT html LV html LT html HU html MT html NL html PL html PT html RO html SK html SL html FI html SV
PDF pdf BG pdf ES pdf CS pdf DA pdf DE pdf ET pdf EL pdf EN pdf FR pdf HR pdf IT pdf LV pdf LT pdf HU pdf MT pdf NL pdf PL pdf PT pdf RO pdf SK pdf SL pdf FI pdf SV
Official Journal Display Official Journal Display Official Journal Display Official Journal Display Official Journal Display Official Journal Display Official Journal Display Official Journal Display Official Journal Display Official Journal Display Official Journal Display Official Journal Display Official Journal Display Official Journal Display Official Journal Display Official Journal Display Official Journal Display Official Journal Display Official Journal Display Official Journal Display Official Journal Display Official Journal Display Official Journal Display Official Journal
 To see if this document has been published in an e-OJ with legal value, click on the icon above (For OJs published before 1st July 2013, only the paper version has legal value).
Multilingual display
Text

5.7.2017   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 215/21


PIANO D'AZIONE DELL'UE IN MATERIA DI LOTTA CONTRO LA DROGA 2017-2020

(2017/C 215/02)

SOMMARIO

Introduzione

1.

Riduzione della domanda di droga

2.

Riduzione dell'offerta

3.

Coordinamento

4.

Cooperazione internazionale

5.

Informazione, ricerca, monitoraggio e valutazione

Allegato I — Quindici indicatori generali per il piano d'azione dell'UE in materia di lotta contro la droga 2017-2020

Allegato II — Glossario degli acronimi

Introduzione

Il consumo di droghe illecite e l’abuso di droghe in generale rappresentano un grave problema per gli individui, le famiglie e le comunità in tutta Europa. A parte le implicazioni di tale abuso per la salute e la società, il mercato delle droghe illecite costituisce un importante elemento dell’attività criminale nella società europea e a livello globale.

Nel dicembre 2012 il Consiglio ha adottato la strategia dell’Unione europea in materia di droga per il periodo 2013-2020. La strategia punta a contribuire ad una riduzione della domanda e dell’offerta di droga all’interno dell’UE, nonché a ridurre i rischi e i danni per la salute e la società correlati alla droga mediante un approccio strategico che sostiene ed integra le politiche nazionali, fornisce un quadro per azioni coordinate e congiunte e costituisce la base ed il quadro politico per la cooperazione esterna dell’UE in questo settore. Ciò sarà realizzato mediante un approccio integrato, equilibrato e basato su dati.

Gli obiettivi della strategia sono i seguenti:

contribuire a una riduzione quantificabile della domanda di droga, della tossicodipendenza e dei rischi e danni per la salute e la società correlati alla droga;

contribuire al perturbamento del mercato delle droghe illecite e a una riduzione quantificabile della disponibilità di droghe illecite;

incoraggiare il coordinamento mediante dialoghi attivi ed analisi degli sviluppi e delle sfide nel settore delle droghe a livello dell’UE ed internazionale;

rafforzare ulteriormente il dialogo e la cooperazione tra l’UE e i paesi terzi e le organizzazioni e i consessi internazionali sulle questioni relative alla droga;

contribuire a una migliore diffusione dei risultati delle attività di monitoraggio, ricerca e valutazione, nonché ad una migliore comprensione di tutti gli aspetti del fenomeno della droga e dell’impatto degli interventi al fine di fornire una base solida, completa e fondata su dati per le politiche e le azioni;

Il piano d’azione dell’UE in materia di lotta contro la droga, così come la strategia dell’UE in materia di droga, si basa sui principi fondamentali del diritto dell’Unione europea e ribadisce i valori fondanti dell’Unione, ossia rispetto della dignità umana, libertà, democrazia, uguaglianza, solidarietà, stato di diritto e diritti dell’uomo. Si fonda inoltre sulle convenzioni dell’ONU che forniscono il quadro giuridico internazionale per affrontare, tra l’altro, il consumo delle droghe illecite, nonché sulla dichiarazione universale dei diritti dell’uomo.

Il piano illustra le azioni che saranno attuate per conseguire gli obiettivi della strategia. Tali azioni rientrano nei due settori di intervento della strategia:

riduzione della domanda di droga; e

riduzione dell’offerta di droga

e nei tre temi trasversali della strategia:

coordinamento;

cooperazione internazionale; e

informazione, ricerca, monitoraggio e valutazione.

Le azioni sono allineate agli obiettivi della strategia dell’UE in materia di droga 2013-2020. Nell’elaborazione delle azioni, si è tenuto conto che esse dovevano essere basate su dati, scientificamente solide, realistiche, limitate nel tempo, disponibili e quantificabili con una chiara rilevanza e un valore aggiunto UE. Il piano d’azione in oggetto comprende il calendario, precisa le parti responsabili, gli indicatori e i meccanismi di raccolta e valutazione dei dati.

In base agli attuali meccanismi per la produzione di relazioni, nell’allegato I sono descritti alcuni indicatori generali che facilitano la quantificazione dell’efficacia complessiva del presente piano d’azione dell’UE in materia di lotta contro la droga e non comportano un ulteriore onere di notifica. Alcuni di essi sono opportunamente descritti nel piano d’azione. Nel piano sono inoltre illustrati indicatori che si basano su programmi, valutazioni e altre fonti di dati. L’utilizzo di tali indicatori dipende dai processi di raccolta dati in ogni Stato membro o a livello delle istituzioni UE.

In linea con le disposizioni della strategia che prevedono che le modalità specifiche di attuazione siano illustrate in due piani d’azione consecutivi, il primo piano d’azione per l’attuazione dell’attuale strategia in materia di droga è stato adottato nel 2013 ed è giunto a scadenza nel 2016. Nel 2016 è stata effettuata una valutazione intermedia esterna della strategia dell’UE in materia di droga ed è stata completata l’attuazione del piano d’azione dell’UE in materia di lotta contro la droga per il periodo 2013-2016. La valutazione ha concluso che la maggior parte delle azioni previste nel piano d’azione erano concluse o erano in corso. Dai risultati della valutazione è inoltre emersa la necessità di garantire che il secondo piano d’azione attui la strategia dell’UE in materia di droga 2013-2020, che dovrebbe costituire la versione aggiornata del piano d’azione dell’UE in materia di lotta contro la droga 2013-2016. Il piano d’azione dell’UE in materia di lotta contro la droga 2017-2020, riportato in appresso, tiene conto dei risultati di tale valutazione e dei grandi cambiamenti nella situazione e nelle politiche in materia di droga intervenuti dall’adozione dell’ultimo piano d’azione.

1.   Riduzione della domanda di droga

Contribuire a una riduzione quantificabile del consumo di droghe illecite, del consumo problematico di droghe, della tossicodipendenza, dei danni per la salute e la società correlati alla droga e contribuire a ritardare l’inizio del consumo di droga

Obiettivo

Azione

Calendario

Parte responsabile

Indicatore/i

Meccanismi di raccolta/valutazione di dati

1.

Prevenire il consumo di droga e in secondo luogo ritardare l’inizio del consumo di droga

1.

Migliorare la disponibilità e l’efficacia delle misure di prevenzione basate su dati (1) che tengano conto dei fattori di rischio e di protezione indicati di seguito:

a.

fattori riguardanti la popolazione, quali età, genere, istruzione, fattori culturali e sociali;

b.

fattori situazionali, quali mancanza di fissa dimora, situazione di migrazione e domanda di asilo, consumo di droga negli ambienti ricreativi e nei luoghi di ritrovo della vita notturna, luogo di lavoro e guida sotto l’influsso di sostanze stupefacenti; e

c.

fattori individuali quali la salute mentale, il comportamento e lo sviluppo psicosociale e altri fattori che notoriamente influiscono sulla vulnerabilità individuale al consumo di droga, quali influenze genetiche e situazione familiare.

In corso

SM

Indicatori generali 1, 11, 12

Diponibilità e livello di applicazione negli SM di misure di prevenzione universale e ambientale basate su dati

Diponibilità e livello di applicazione negli SM di misure di prevenzione mirata basate su dati, compresi provvedimenti nell’ambito familiare e delle comunità

Diponibilità e livello di applicazione negli SM delle misure di prevenzione basate su dati indicate

Relazioni OEDT/Pacchetto di relazioni nazionali della rete Reitox

Relazioni degli SM sui risultati delle misure

 

2.

Oltre a prevenire il consumo di droga, rafforzare e rendere più mirate le misure preventive e alternative al fine di ritardare l’età del primo consumo di droghe illecite e di altre sostanze psicoattive

In corso

SM

Indicatori generali 1, 5, 11, 12

Diponibilità e livello di applicazione negli SM di misure preventive e alternative basate su dati destinate ai giovani nell’ambito familiare, delle comunità e in contesti di istruzione formale e non formale

Relazioni OEDT

Relazioni degli SM sui risultati delle misure

 

3.

Scambio di migliori pratiche su tutti i tipi di azioni di prevenzione mirate ai bambini e ai giovani, ai genitori e ai contesti educativi, tenendo conto al contempo anche delle esigenze legate specificamente al genere, comprese attività educative, programmi nell’ambito della comunità, programmi che utilizzano Internet e i media sociali

In corso

SM

OEDT

Quadro degli scambi di migliori pratiche tra SM

Valutazione positiva del risultato comportamentale scaturito dagli interventi basati sulle migliori prassi (se disponibile)

Portale sulle migliori pratiche dell’OEDT

Relazioni della COM

Relazioni degli SM

Relazione del Forum della società civile sulla droga

 

4.

Sensibilizzare sui rischi e sulle conseguenze legati al consumo di droghe illecite e di altre sostanze psicoattive e migliorare le capacità e competenze in materia di prevenzione del consumo di droga

In corso

SM

COM

OEDT

Indicatori generali 5, 12

Livello di sensibilizzazione generale e dei giovani su stili di vita sani e sui rischi e le conseguenze del consumo di droghe illecite e di altre sostanze psicoattive e livello delle capacità e competenze delle persone coinvolte nella prevenzione del consumo di droga

Relazioni OEDT

Indagini Eurobarometro

ESPAD

HBSC/Ufficio regionale per l’Europa dell’Organizzazione mondiale della sanità

 

5.

Consentire una risposta più informata alla sfida rappresentata dall’abuso di farmaci psicoattivi

2017-2020

SM

Gruppo del Consiglio (GOD «Prodotti farmaceutici e dispositivi medici»)

EMA

OEDT

Numero di iniziative che mirano a promuovere l’uso appropriato dei farmaci psicoattivi

Confronto di prove ed esempi internazionali sul modo in cui ridurre i rischi di sviamento e di abuso di farmaci psicoattivi

Numero di corsi per personale medico e altri operatori sanitari all’uso dei farmaci per il controllo del dolore e la cura delle sofferenze

Relazioni degli SM

Relazioni OEDT

EMA

2.

Migliorare l’efficacia dei trattamenti e delle terapie riabilitative della tossicodipendenza, compresi i servizi per le persone in situazione di comorbilità, per ridurre il consumo di droghe illecite, il consumo problematico di droghe, l’incidenza della tossicodipendenza e i rischi e danni per la salute e la società correlati alla droga e sostenere il recupero e la (re)integrazione sociale dei tossicodipendenti problematici.

6.

Sviluppare e ampliare la diversità, la disponibilità, la diffusione e l’accessibilità di servizi di trattamento globali e integrati basati su dati. Garantire che tali servizi si occupino di poliassunzione (uso combinato di sostanze lecite e illecite, tra cui i farmaci psicoattivi, l’alcol e il tabacco) e rispondano ai bisogni emergenti della popolazione di consumatori di droghe che invecchia e alle problematiche di genere.

a.

Attuare e migliorare la formazione offerta agli operatori sanitari e sociali circa i comportamenti di dipendenza.

b.

Sviluppare e attuare programmi di diagnosi e intervento precoce e di intervento e trattamento breve destinati a bambini e giovani che fanno uso di droghe.

In corso

SM

Indicatori generali 1, 6, 11

Misura e diversità dei servizi di trattamento globali e integrati basati su dati a livello degli SM, compresi i servizi che si occupano di poliassunzione e rispondono ai bisogni della popolazione di consumatori di droghe che invecchia

Dati degli SM sulla permanenza nel trattamento e sui risultati dello stesso

Relazioni OEDT/Pacchetto di relazioni nazionali della rete Reitox

Portale sulle migliori pratiche dell’OEDT

Valutazione finale della strategia dell’UE in materia di droga e del collegato piano d’azione

Relazioni degli SM

 

7.

Espandere la messa a disposizione di servizi di riabilitazione/reintegrazione e recupero, con particolare attenzione ai servizi che:

a.

sono incentrati sulla continuità dell’assistenza mediante la gestione dei casi e la collaborazione interagenzia a favore degli individui;

b.

sono incentrati sul sostegno alla (re)integrazione sociale (compresi l’occupabilità e l’alloggio) dei tossicodipendenti e consumatori di droga problematici, compresi i detenuti, e, se pertinente, i consumatori di droghe che invecchiano;

c.

rafforzano il processo diagnostico e il trattamento della comorbilità psichiatrica e fisica legata al consumo di droghe, ad esempio prevedendo test rapidi dell’epatite B e C, dell’HIV, di altre malattie sessualmente trasmissibili e della tubercolosi;

d.

tengono conto dei bisogni legati specificamente al genere; e

e.

si rivolgono alle comunità/popolazioni vulnerabili.

In corso

SM

Indicatore generale 11

Dati degli SM riguardanti:

entità dell’aumento dei servizi di riabilitazione/reintegrazione e recupero che adottano approcci interagenzia e basati sulla gestione dei casi;

entità dell’aumento del numero di programmi di riabilitazione/reintegrazione e recupero legati specificamente al genere;

entità dell’aumento del numero di programmi di assistenza di prossimità e nelle carceri, che si rivolgono specificatamente ai tossicodipendenti in situazione di comorbilità, che prevedono partenariati tra i servizi di salute mentale e di riabilitazione/reintegrazione e recupero dalla tossicodipendenza;

livello e durata dell’astinenza dal consumo di droghe lecite e/o illecite da parte di persone che escono da una terapia di trattamento della tossicodipendenza;

disponibilità di opzioni di trattamento per soddisfare le esigenze delle persone che hanno una ricaduta nel consumo di droga e dei consumatori di droghe che invecchiano.

Relazioni OEDT

Relazioni degli SM sui risultati dei servizi

 

8.

a.

Migliorare, se del caso, la disponibilità, la copertura e l’accesso ai servizi di riduzione del rischio e del danno, ad esempio programmi di scambio di aghi e siringhe, terapia sostitutiva degli oppiacei, programmi di gestione dell’overdose di oppiacei, al fine di limitare le conseguenze negative del consumo di droga e di prevenire e diminuire in modo sostanziale la mortalità e l’incidenza di malattie infettive siero-trasmissibili correlate in maniera diretta e indiretta al consumo di droga, quali, ma non esclusivamente, il virus dell’HIV e l’epatite virale, nonché le malattie sessualmente trasmissibili e la tubercolosi conformemente alla raccomandazione dell’OMS relativa al pacchetto completo di servizi sanitari per coloro che assumono droghe per via endovenosa

b.

Prevenire più efficacemente la mortalità legata alla droga in funzione delle circostanze nazionali, come ad esempio nel caso degli oppiacei, fornendo accesso a dosaggi farmaceutici autorizzati di medicinali contenenti naloxone specificamente certificati per il trattamento di sintomi da overdose di oppiacei da parte di non professionisti formati, in mancanza di personale medico

c.

Individuare e superare le barriere all’individuazione e all’accesso alle cure per l’HIV e l’epatite C tra coloro che fanno uso di droghe per via endovenosa, compresi i detenuti e altri gruppi vulnerabili

d.

Scambiare informazioni e, se del caso, migliori pratiche sulle misure di riduzione del rischio e del danno, come programmi di scambio di aghi e siringhe, terapia sostitutiva degli oppiacei, stanze per il consumo di droghe, programmi di naloxone, interventi tra pari, programmi terapeutici di prossimità, trattamento dell’epatite C, test di pillole, autotest dell’HIV/AIDS, conformemente alla legislazione nazionale.

In corso

SM

OEDT

COM

Indicatori generali 2, 3, 4, 11

Entità dell’aumento in termini di disponibilità e di accesso alle misure di riduzione del rischio e del danno basate su dati negli SM, se del caso

Quadro degli scambi di migliori pratiche sulle misure di riduzione del rischio e del danno

Numero di SM che attuano la raccomandazione dell’OMS relativa al pacchetto completo di servizi sanitari per coloro che assumono droghe per via endovenosa:

programmi in materia di aghi/siringhe

terapia sostituiva degli oppiacei

test dell’HIV e consulenza in materia

trattamento e cura dell’HIV

programmi per l’uso dei preservativi

interventi a livello comportamentale

prevenzione e gestione dell’epatite, della tubercolosi e della salute mentale

interventi nell’ambito della salute sessuale e riproduttiva

formazione sul naloxone per non professionisti, quale prerequisito indispensabile per la realizzazione di programmi sicuri per il consumo a domicilio

Diffusione dei programmi di terapia sostituiva degli oppiacei tra le persone con dipendenza da oppiacei

Entità della disponibilità, se del caso, di servizi di riduzione del danno quali programmi di naloxone, misure e programmi di riduzione dei danni nei luoghi di ritrovo della vita notturna rivolti a comunità/popolazioni vulnerabili

Numero di programmi che facilitano l’accesso delle persone che assumono droghe per via endovenosa alle cure del virus dell’epatite C (HCV) e destinatari interessati

Grado di attuazione degli orientamenti ECDC/OEDT su prevenzione e controllo delle malattie infettive tra i consumatori di droghe per via endovenosa

Relazioni OEDT/Pacchetto di relazioni nazionali della rete Reitox

Relazioni degli SM

Forum della società civile sulla droga

Forum della società civile su HIV/AIDS, epatite virale e tubercolosi

 

9.

Potenziare lo sviluppo, la disponibilità e la diffusione di misure di assistenza sanitaria destinate ai detenuti che fanno uso di droghe, anche dopo la scarcerazione, al fine di portare la qualità dell’assistenza al livello di quella fornita nella comunità

In corso

SM

Indicatore generale 10

Disponibilità di servizi destinati ai consumatori di droga nelle carceri (quali terapia sostitutiva degli oppiacei e, se del caso, programmi di naloxone e programmi di scambio di aghi e siringhe, conformemente alla legislazione nazionale, e prevenzione e gestione di HIV, epatite B, epatite C e tubercolosi) e misura in cui le politiche e le pratiche in materia di assistenza sanitaria in ambiente carcerario prevedono modelli sanitari che comprendono migliori pratiche riguardanti la valutazione delle esigenze e della continuità dell’assistenza sanitaria durante la detenzione

Livello di assistenza continua fornita dai servizi nelle carceri e nelle comunità ai detenuti dopo la scarcerazione, con particolare attenzione alla prevenzione di overdose di droga

Relazioni OEDT/Pacchetto di relazioni nazionali della rete Reitox

Relazioni degli SM sui servizi

3.

Integrare approcci coordinati, basati sulle migliori pratiche e sulla qualità nella riduzione della domanda di droga

10.

Attuare gli standard minimi di qualità dell’UE adottati dal Consiglio nel 2015 (2) che contribuiscono a colmare il divario tra scienza e pratica riguardo a:

a.

misure di prevenzione ambientale, universale, selettiva e indicata;

b.

misure di diagnosi e intervento precoce;

c.

misure di riduzione del rischio e del danno; e

d.

misure di trattamento, riabilitazione, integrazione sociale e recupero

e monitorarne l’attuazione

2017-2020

Consiglio

Gruppo del Consiglio (GOD)

SM

COM

OEDT

Valutazione fattuale delle misure e dei programmi di riduzione della domanda di droga attuati in conformità agli standard

Numero di programmi di formazione specialistica offerti agli operatori attivi nella riduzione della domanda di droga e/o numero stimato di operatori destinatari di tali programmi

Coinvolgimento della società civile nell’attuazione degli standard, comprese le fasi di pianificazione e introduzione

Numero dei progetti e programmi sostenuti a livello di UE che promuovono lo scambio di migliori pratiche nell’attuazione degli standard

Attivazione della cooperazione interministeriale a sostegno dell’attuazione degli standard

Portale sulle migliori pratiche dell’OEDT

Relazioni degli SM

Valutazione finale della strategia dell’UE in materia di droga e del collegato piano d’azione

2.   Riduzione dell’offerta di droga

Contribuire a una riduzione quantificabile della disponibilità e dell’offerta di droghe illecite nell’UE

Obiettivo

Azione

Calendario

Parte responsabile

Indicatore/i

Meccanismi di raccolta/valutazione di dati

4.

Potenziare il coordinamento e la cooperazione efficaci nell’attività di contrasto all’interno dell’UE per lottare contro le attività connesse alle droghe illecite, coerentemente con, se del caso, azioni pertinenti definite all’interno del ciclo programmatico dell’UE

11.

Ottimizzare, nell’ambito dell’attività di contrasto, l’impiego di strumenti, canali e dispositivi di comunicazione disponibili per lo scambio di intelligence e informazioni utilizzati per confrontare e analizzare le informazioni connesse alla droga

In corso

SM

Europol

Eurojust

Gruppo del Consiglio (COSI)

Indicatori generali 7, 15

Entità delle attività mirate e fondate sull’intelligence ad impatto elevato, delle operazioni congiunte, delle squadre investigative comuni e delle iniziative di cooperazione a livello transfrontaliero incentrate sulle organizzazioni criminali coinvolte in attività connesse alle droghe illecite

Maggiore utilizzo dei sistemi di scambio di informazioni, analisi ed esperti in materia di droga di Europol o di altre autorità di contrasto

Risultati raggiunti dai progetti EMPACT e dalle iniziative bilaterali e multilaterali

Numero di casi collegati alla droga deferiti a Eurojust ed Europol, comprese le relative informazioni qualitative e contestuali

Relazioni di Europol

Relazioni di Eurojust

Relazioni OEDT

Relazioni dei leader di EMPACT

 

12.

Individuare e assegnare priorità alle minacce più urgenti associate alla criminalità organizzata legata alla droga

2017

Consiglio

Gruppo del Consiglio (COSI)

Europol

SM

COM

Ciclo programmatico dell’UE per contrastare la criminalità organizzata e le forme gravi di criminalità internazionale per il periodo 2018-2021

SOCTA dell’UE

Piani strategici pluriennali (MASP)

Piani operativi

Relazioni dei leader di EMPACT

Relazioni di Europol

 

13.

Rafforzare la formazione della CEPOL in materia di produzione e traffico di droghe illecite e criminalità finanziaria, destinata agli operatori dei servizi di contrasto, in particolare metodi e tecniche di formazione per:

a.

affrontare l’utilizzo delle nuove tecnologie di comunicazione nella produzione e nel traffico di droghe illecite;

b.

potenziare la confisca dei proventi di reato;

c.

contrastare il riciclaggio di denaro;

d.

individuare e smantellare i laboratori clandestini e i siti di coltivazione illecita di cannabis

2017-2020

SM

CEPOL

Europol

Gruppo del Consiglio (COSI)

COM

Valutazione periodica delle esigenze in materia di formazione

Disponibilità e avvio di corsi di formazione pertinenti

Numero di operatori dei servizi di contrasto formati e quindi schierati effettivamente

Relazione annuale CEPOL

Programmi CEPOL

Relazioni dei leader di EMPACT

 

14.

Migliorare le azioni antidroga tramite il rafforzamento e il monitoraggio dell’efficacia delle piattaforme regionali di scambio di informazioni e di condivisione della sicurezza al fine di ostacolare ed eliminare le minacce emergenti legate alle variazioni nelle rotte del narcotraffico

In corso

COM

SM

Europol

Gruppo del Consiglio (COSI)

Piattaforme regionali di scambio di informazioni

Piattaforme regionali di condivisione della sicurezza

Indicatore generale 7

Numero di attività fondate sull’intelligence che portano al perturbamento e all’eliminazione delle rotte del narcotraffico

Livello di scambio delle informazioni grazie alle attività effettive della rete di ufficiali di collegamento

Piattaforme di scambio di informazioni e di condivisione della sicurezza e relazioni di valutazione

Relazioni OEDT

SOCTA dell’UE

Relazioni dei leader di EMPACT

Relazioni di Europol

MAOC-N (3)

 

15.

Rafforzare le azioni volte a prevenire lo sviamento dei precursori e dei pre-precursori utilizzati nella fabbricazione illecita di droghe

In corso

SM

Europol

COM

Gruppo del Consiglio (CUG

COSI)

Numero di casi ed entità delle spedizioni intercettate o confiscate di precursori destinati all’uso illecito

Risultati dei progetti EMPACT

Utilizzo del sistema online di notificazione preventiva dell’esportazione e maggiore ricorso al sistema di comunicazione degli incidenti relativi ai precursori (PICS)

Numero di riunioni congiunte di follow-up e altre attività legate alla prevenzione dello sviamento dei precursori e dei pre-precursori

Relazioni dell’UE e delle autorità di contrasto degli SM

Relazioni dei

leader di EMPACT

Relazioni di Europol

 

16.

Contrastare il traffico di droga transfrontaliero, anche effettuato a mezzo container e con spedizioni di pacchi, e migliorare la sicurezza alle frontiere, in particolare presso i valichi portuali, aeroportuali e terrestri dell’UE intensificando gli sforzi, compreso lo scambio di informazioni e di intelligence, a livello di autorità di contrasto competenti

In corso

SM

Europol

Gruppo del Consiglio

(GCD

COSI)

Numero di operazioni congiunte multidisciplinari/multiagenzia e di iniziative di cooperazione transfrontaliere

Intensificazione dello scambio di informazioni, ad esempio memorandum d’intesa effettivi concordati tra le autorità di contrasto e gli organismi pertinenti quali compagnie aeree, corrieri aerei espressi, compagnie di navigazione, autorità portuali e società chimiche

Risultati dei progetti EMPACT

Migliore scambio di intelligence e di informazioni riguardo al traffico di droga transfrontaliero tramite, tra l’altro, i sistemi disponibili di sorveglianza delle frontiere

Attuazione della direttiva UE sul codice di prenotazione (PNR)

Relazioni dei leader di EMPACT

Relazioni di Europol

Relazioni del GCD

Relazioni degli SM

MAOC-N

FRONTEX

 

17.

Attuare gli indicatori chiave sulla riduzione dell’offerta di droga adottai dal Consiglio nel 2013 (4)

2017-2020

COM

SM

Consiglio

Gruppo del Consiglio (GOD)

OEDT

Europol

Entità dell’attuazione dei seguenti indicatori:

numero dei sequestri di droga e quantitativi sequestrati

purezza e contenuto delle droghe

prezzi delle droghe

strutture di produzione di droga smantellate

reati contro la legge sulla droga

disponibilità di droga nelle indagini demografiche

stime sulle dimensioni del mercato

Quadro dell’attuale raccolta di dati nazionali relativi all’offerta di droga negli SM

Relazioni OEDT

Relazioni di Europol

5.

Potenziare l’efficacia della cooperazione giudiziaria e della legislazione all’interno dell’UE

18.

Rafforzare la cooperazione giudiziaria a livello di UE nell’affrontare il problema del traffico di droga transfrontaliero e del riciclaggio di denaro e nella confisca dei proventi della criminalità organizzata connessa alla droga

2017-2020

Consiglio

COM

SM

Eurojust

Attuazione tempestiva di misure e norme concordate a livello di UE riguardo a a) confisca e recupero dei proventi di reato (5); b) riciclaggio di denaro (6); c) ravvicinamento dei reati e delle sanzioni connessi al traffico di droga all’interno dell’UE (7)

Aumento del numero di indagini finanziarie e confische relative ai proventi della criminalità organizzata connessa alla droga tramite i servizi di contrasto e la cooperazione giudiziaria a livello di UE

Risposte tempestive ed efficaci alle richieste di assistenza giudiziaria e mandati d’arresto europei relativi al traffico illecito di droga

Relazioni di Eurojust

Relazioni degli SM

 

19.

Adottare e attuare nuove misure legislative a livello di UE per affrontare il problema della comparsa, consumo e rapida diffusione di nuove sostanze psicoattive

2017-2020

COM

Consiglio

Gruppo del Consiglio (GOD)

SM

OEDT

Europol

EUROJUST

Legislazione attuale dell’UE

Attuazione della legislazione UE negli SM

Aggiornamento degli orientamenti UE sulle procedure di scambio di informazioni e di valutazione del rischio

Monitoraggio degli effetti delle nuove misure legislative con particolare attenzione all’effetto di sostituzione nel mercato delle droghe illecite

Relazioni degli SM

Relazioni OEDT

COM

(misure UE)

 

20.

Attuare la legislazione UE relativa ai precursori di droghe al fine di prevenirne lo sviamento senza perturbare il commercio lecito

In corso

Consiglio

COM

SM

Dati sul numero di casi ed entità delle spedizioni intercettate o confiscate di precursori destinati all’uso illecito

Risultati dei progetti EMPACT

Utilizzo del sistema online di notificazione preventiva dell’esportazione e maggiore ricorso al sistema di comunicazione degli incidenti relativi ai precursori (PICS)

Numero di riunioni congiunte di follow-up e altre attività legate alla prevenzione dello sviamento dei precursori e dei pre-precursori

Relazione annuale dell’INCB sui precursori

Relazioni della Commissione europea e dell’OEDT

 

21.

Affrontare l’utilizzo di determinate sostanze farmacologicamente attive (come definite nella direttiva 2011/62/UE) come agenti da taglio per le droghe illecite

In corso

SM

COM

EMA

Europol

Dati sul numero di sequestri di sostanze attive utilizzate come agenti da taglio per le droghe illecite

Attuazione tempestiva di nuovi requisiti legislativi a livello di UE volti a garantire la sicurezza della catena di approvvigionamento delle sostanze attive, a norma della direttiva 2011/62/UE (direttiva sui farmaci falsificati)

Relazioni del GCD e del CUG

Relazioni degli SM

 

22.

Previsione e applicazione a livello di Stati membri, qualora opportuno e conformemente ai loro rispettivi quadri giuridici, di alternative alle sanzioni coercitive per i criminali che fanno uso di droghe, quali:

a.

istruzione

b.

(sospensione della pena subordinata alla) terapia

c.

sospensione dell’indagine o dell’azione penale

d.

riabilitazione e recupero

e.

accompagnamento successivo e reintegrazione sociale

2017-2020

SM

Gruppo del Consiglio (GOD

DROIPEN)

Maggiore grado di disponibilità e attuazione di alternative alle pene coercitive per i criminali che fanno uso di droghe nei settori dell’istruzione, terapia, riabilitazione, accompagnamento successivo e integrazione sociale

Maggiore grado di monitoraggio, attuazione e valutazione delle alternative alle sanzioni coercitive

Tipo e numero di alternative alle pene coercitive previste e messe in pratica dagli SM

Dati sull’efficacia dell’utilizzazione di alternative alle pene coercitive

Relazioni OEDT/Pacchetto di relazioni nazionali della rete Reitox

Relazioni degli SM

6.

Rispondere in modo efficace alle tendenze attuali ed emergenti nelle attività connesse alle droghe illecite

23.

Individuare risposte strategiche riguardo al ruolo delle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC) e dell’hosting dei siti web associati nella produzione, commercializzazione, compravendita e distribuzione di droghe illecite e nuove sostanze psicoattive, a livello nazionale e dell’UE.

2017-2020

Consiglio

COM

Gruppo del Consiglio (GOD

COSI

GCD)

SM

Europol

CEPOL

OEDT

EUROJUST

Risultati raggiunti dalle azioni di contrasto mirate alla criminalità connessa alla droga operante attraverso Internet

Maggior numero di operazioni congiunte e di iniziative di cooperazione transfrontaliere

Numero e impatto dei progetti di ricerca finanziati e degli strumenti sviluppati a sostegno dell’attività di contrasto

Numero di accordi/discussioni con i partner dei settore pertinenti

Compilazione di un glossario di termini

Compilazione di un inventario degli strumenti di monitoraggio

Numero di sessioni di formazione per portatore d’interesse pertinente

Numero di riunioni con partner internazionali in cui è stata discussa l’azione

Revisione intermedia del ciclo programmatico dell’UE

Relazioni dei leader di EMPACT

Relazioni di Europol

Statistiche/relazione annuale CEPOL

Relazioni OEDT

Relazioni degli SM

Relazioni delle agenzie dell’UE

COM

3.   Coordinamento

Gli Stati membri e l’UE devono coordinare efficacemente la politica in materia di droga

Obiettivo

Azione

Calendario

Parte responsabile

Indicatore/i

Meccanismi di raccolta/valutazione di dati

7.

Garantire un efficace coordinamento in materia di droga a livello di UE

24.

Migliorare lo scambio di informazioni tra il GOD e altri gruppi competenti del Consiglio, in particolare il COSI, per migliorare il coordinamento nel pilastro della riduzione dell’offerta di droga

Migliorare lo scambio di informazioni tra il GOD e altri gruppi geografici e tematici competenti del Consiglio quali COSI, COAFR, COASI, COEST, COLAC, COTRA, COWEB, CONUN, COHOM, GCD, COSCE, CUG e DROIPEN

In corso

PRES

Consiglio

SEAE

Gruppo del Consiglio (GOD)

Misura in cui la strategia dell’UE in materia di droga e il collegato piano d’azione sono considerati nei programmi di altri gruppi del Consiglio quali COSI, COAFR, COASI, COEST, COLAC, COTRA, COWEB, CONUN, COHOM, GCD, COSCE, CUG e DROIPEN

Inserimento periodico nell’ordine del giorno del GOD di un punto d’informazione 1) sulle attività collegate alle priorità inerenti alla droga del ciclo programmatico dell’UE (in base alle relazioni EMPACT, una volta a presidenza) e 2) sulle attività pertinenti di altri gruppi del Consiglio, se opportuno da trattare in presenza dei presidenti di altri gruppi competenti

Relazioni del gruppo del Consiglio (GOD)

Relazioni della presidenza

 

25.

Ogni presidenza può convocare riunioni dei coordinatori nazionali in materia di droga, e qualora opportuno di altri gruppi, per valutare le tendenze emergenti, interventi efficaci e altri sviluppi strategici con un valore aggiunto per la strategia dell’UE in materia di droga e per gli SM

Due volte all’anno

PRES

SM

Misura in cui l’ordine del giorno della riunione dei coordinatori nazionali in materia di droga riflette gli sviluppi, le tendenze e nuovi elementi conoscitivi nelle risposte politiche e fornisce comunicazione e scambio di informazioni migliori

Relazioni della presidenza

 

26.

Il GOD faciliterà a) il monitoraggio dell’attuazione del piano di azione mediante discussioni tematiche e b) un dialogo annuale sulla situazione del fenomeno della droga in Europa

(a)

In corso

(b)

Annualmente

PRES

Gruppo del Consiglio (GOD)

SM

COM

OEDT

Europol

Livello di attuazione del piano d’azione

Numero di azioni del piano d’azione discusse dal GOD nell’ambito di dibattiti tematici

Tempestività delle discussioni in seno al GOD sulle tendenze e sui dati più recenti connessi alla droga

Relazioni della presidenza

 

27.

Garantire coerenza e continuità delle azioni degli SM e dell’UE nell’ambito delle diverse presidenze al fine di rafforzare all’interno dell’UE l’approccio integrato, equilibrato e basato su dati riguardo alla droga

In corso

PRES

Trio di PRES

SM

COM

Gruppo del Consiglio (GOD)

OEDT

Europol

Grado di coerenza e continuità delle azioni durante le diverse presidenze

Progressi nella realizzazione delle priorità della strategia dell’UE in materia di droga durante le diverse presidenze

Relazioni della presidenza

 

28.

Garantire il coordinamento delle politiche e delle risposte dell’UE in materia di droga al fine di sostenere la cooperazione internazionale tra l’UE, i paesi terzi e le organizzazioni internazionali

In corso

SEAE

COM

Gruppo del Consiglio (GOD)

SM

Grado di coerenza negli obiettivi, nei risultati attesi e nelle misure previste dalle azioni UE in materia di droga

Inclusione di priorità in materia di droga nelle strategie degli organismi competenti dell’UE

Cooperazione rafforzata tra il GOD e i gruppi geografici/regionali e tematici del Consiglio, tra cui COSI, COAFR, COASI, COEST, COLAT, COTRA, COWEB, CONUN e COHOM, GCD, COSCE, CUG e DROIPEN

Numero di relazioni del gruppo di Dublino

Relazioni periodiche del SEAE e della COM al gruppo del Consiglio (GOD)

Gruppo di Dublino

 

29.

a.

Raggiungere un grado coordinato e appropriato di risorse al livello di UE e degli Stati membri per realizzare le priorità della strategia UE in materia di droga

b.

Rafforzare la cooperazione per contrastare la crescente tendenza della dipendenza da stimolanti, in particolare metanfetamina, tra i pertinenti organi governativi e il settore delle ONG, concentrandosi sulla creazione e condivisione di migliori pratiche nella prevenzione della diffusione di epidemie locali, compresi gli sforzi di riduzione della domanda e dell’offerta, e la condivisione di dati sulla prevenzione dell’abuso di farmaci per la produzione di metanfetamina.

Annualmente

2017-2020

SM

COM

SEAE

Consiglio

Gruppo del Consiglio (GOD)

Indicatore generale 14

Importo dei finanziamenti a livello di UE e, se del caso, degli Stati membri

Livello di coordinamento riguardo ai programmi finanziari connessi alla droga nei gruppi del Consiglio e nella COM

Livello di collegamento in rete tra gli operatori del settore, sia ufficiale che non ufficiale

Disponibilità degli interventi accessibili

Numero di interventi messi a punto

Relazioni OEDT/Pacchetto di relazioni nazionali della rete Reitox

Relazioni della COM

Portale sulle migliori pratiche dell’OEDT

8.

Garantire un coordinamento efficace delle politiche in materia di droga a livello nazionale

30.

Coordinare le azioni della politica sulla droga tra i dipartimenti/ministeri dei governi e le agenzie competenti a livello di SM e garantire un’adeguata rappresentazione, o contributo, multidisciplinare alle delegazioni GOD

In corso

SM

Indicatore generale 14

Efficacia di un meccanismo orizzontale di coordinamento delle politiche in materia di droga a livello di SM

Numero di azioni trasversali di riduzione dell’offerta e della domanda di droga a livello di Stati membri

Relazioni OEDT/Pacchetto di relazioni nazionali della rete Reitox

Relazioni degli SM

9.

Garantire la partecipazione della società civile nelle politiche in materia di droga

31.

Promuovere e intensificare il dialogo con la società civile e la comunità scientifica, e la partecipazione delle stesse alla definizione, attuazione, monitoraggio e valutazione delle politiche in materia di droga a livello di SM e di UE

In corso

SM

COM

Gruppo del Consiglio (GOD)

PRES

Dialogo tempestivo tra il Forum europeo della società civile sulla droga e il GOD durante ogni presidenza

Partecipazione del Forum europeo della società civile al riesame dell’attuazione del piano d’azione dell’UE in materia di lotta contro la droga

Livello di partecipazione della società civile e della comunità scientifica alla definizione, attuazione, monitoraggio e valutazione delle politiche in materia di droga degli SM e dell’UE

Dialogo tempestivo tra la comunità scientifica (scienze naturali e sociali, comprese la neuroscienza e la ricerca comportamentale) e il GOD

Osservazioni dei rappresentanti del Forum europeo della società civile sulla droga a livello di SM e di UE

Relazioni degli SM

Osservazioni della comunità scientifica tramite il comitato scientifico dell’OEDT

4.   Cooperazione internazionale

Rafforzare il dialogo e la cooperazione tra l’UE e i paesi terzi e le organizzazioni internazionali sulle questioni connesse alla droga in modo globale ed equilibrato

Obiettivo

Azione

Calendario

Parte responsabile

Indicatore/i

Meccanismi di raccolta/valutazione di dati

10.

Integrare la strategia dell’UE in materia di droga nel quadro generale della politica estera dell’UE, nell’ambito di un approccio globale che utilizzi appieno, in modo coerente e coordinato, il ventaglio di politiche e di strumenti diplomatici, politici e finanziari a disposizione dell’UE

32.

Assicurare la coerenza tra gli aspetti interni ed esterni delle politiche dell’UE in materia di droga e integrare pienamente le questioni connesse alla droga nei dialoghi politici e negli accordi quadro tra l’UE e i suoi partner e nel sostegno dell’UE su questioni o sfide globali

In corso

COM

SEAE

PRES

Gruppo del Consiglio (GOD)

SM

Indicatore generale 13

Priorità delle politiche in materia di droga sempre più prese in considerazione nelle politiche e azioni esterne dell’UE

Inclusione delle priorità connesse alla droga nelle strategie dell’UE con paesi terzi e regioni

Numero di accordi, documenti di strategia, piani d’azione messi a punto

Relazioni del SEAE

 

33.

Assicurare che le priorità politiche e l’equilibrio tra riduzione della domanda e dell’offerta si riflettano correttamente nelle opzioni politiche e nella programmazione, nell’attuazione e nel monitoraggio dell’assistenza esterna, in particolare nei paesi di origine e di transito, attraverso progetti che comprendono:

a.

lo sviluppo di politiche in materia di droga integrate, equilibrate e basate su dati;

b.

la riduzione dell’offerta;

la prevenzione dello sviamento dei precursori e dei pre-precursori;

c.

riduzione della domanda di droga; e

d.

misure di sviluppo alternativo

In corso

COM

SM

SEAE

Misura in cui le priorità politiche dell’UE in materia di droga, specialmente l’equilibrio tra riduzione della domanda e dell’offerta, si riflettono nelle priorità e nei progetti finanziati

Livello di attuazione di azioni coordinate nei piani d’azione tra l’UE e paesi terzi e regioni

Numero di strategie e piani d’azione nazionali dei paesi terzi che includono politiche integrate in materia di droga

Relazioni di COM, SEAE e SM sulla programmazione, il monitoraggio e la valutazione dei programmi

 

34.

Migliorare la capacità e rafforzare il ruolo delle delegazioni dell’UE per consentire loro di agire in modo proattivo sulle questioni di politica in materia di droga e di riferire in modo efficace sulla situazione locale in materia di droga

2017-2020

SEAE

COM

SM

Competenze, formazione e orientamenti politici rilevanti forniti alle delegazioni dell’UE

Potenziamento della rete regionale tra le delegazioni dell’UE con riguardo alle questioni connesse alla droga

Potenziamento del coordinamento con gli SM

Relazioni del SEAE e della COM

Delegazioni UE

Relazioni del gruppo di Dublino

 

35.

Promuovere e attuare l’approccio dell’UE allo sviluppo alternativo (coerentemente con la strategia dell’UE in materia di droga 2013-2020, l’approccio dell’UE allo sviluppo alternativo e i principi guida delle Nazioni Unite sullo sviluppo alternativo 2013) in cooperazione con i paesi terzi, tenendo conto dei diritti umani, della sicurezza umana, delle questioni di genere e di specifiche condizioni quadro, compresi:

a.

l’inserimento dello sviluppo alternativo nell’agenda più ampia degli Stati membri, incoraggiando i paesi terzi che lo desiderano a integrare lo sviluppo alternativo nelle loro strategie nazionali;

b.

il contributo a iniziative che mirano a ridurre la povertà, i conflitti e la vulnerabilità sostenendo mezzi di sussistenza sostenibili, legali e sensibili alle specificità di genere per le persone che sono state o sono coinvolte nella coltivazione illegale di droghe;

c.

assicurare un livello adeguato di finanziamenti e competenze dell’UE e degli Stati membri per rafforzare ulteriormente e sostenere gli sforzi dei paesi terzi nell’affrontare e prevenire la coltivazione illegale delle droghe attraverso misure di sviluppo rurale, e rafforzare lo stato di diritto al fine di fronteggiare le sfide rappresentate da riduzione della povertà, sanità pubblica, sicurezza e protezione

In corso

SM

COM

SEAE

Numero di politiche, strategie e piani d’azione nazionali dei paesi terzi che includono:

approcci integrati al problema della coltivazione illegale delle droghe e

iniziative di sviluppo alternativo organizzate in modo efficace

Numero di progetti valutati con risultati positivi riguardo ai mezzi di sussistenza sostenibili, legali e sensibili alle specificità di genere

Miglioramenti degli indicatori di sviluppo umano

Numero di progetti e programmi di sviluppo rurale finanziati dall’UE e dagli SM nelle regioni in cui avviene la coltivazione illegale delle droghe o in regioni a rischio di coltivazione illegale di droghe

Diminuzione a lungo termine accertata a livello locale della coltivazione illegale di droghe

Relazioni dell’UNODC/INCB sulle politiche in materia di droga nei paesi terzi

Relazioni di valutazione e monitoraggio dei progetti e programmi a livello di UE e SM

Relazioni dell’UNDP sullo sviluppo umano

Relazioni del gruppo di Dublino sui paesi terzi

 

36.

Sostenere i paesi terzi, compresa la società civile di tali paesi, nello sviluppo e nell’attuazione di iniziative di riduzione del rischio e del danno, specialmente in caso di minaccia crescente di trasmissione di virus siero-trasmissibili associati al consumo di droghe, che comprendono ma non si limitano all’HIV e all’epatite virale, nonché di malattie sessualmente trasmissibili e della tubercolosi

In corso

SM

COM

SEAE

Numero e qualità delle iniziative di riduzione del rischio e del danno sviluppate

Incidenza della mortalità legata alla droga nei paesi terzi e dei virus siero-trasmissibili legati alla droga, comprendenti ma non limitati all’HIV e all’epatite virale, nonché delle malattie sessualmente trasmissibili e della tubercolosi

Relazioni dell’OMS

Relazioni del gruppo di Dublino sui paesi terzi

Scambi di SEAE, COM e SM sulle politiche dei paesi terzi

 

37.

Sostenere i paesi terzi nell’affrontare il problema della criminalità organizzata legata alla droga, compreso il traffico di droga, attraverso:

a.

scambio di intelligence e di migliori pratiche;

b.

rafforzamento della capacità di lotta al narcotraffico e sviluppo di competenze dei paesi di origine e di transito;

c.

collaborazione con i partner internazionali per affrontare i fattori che favoriscono il traffico di droga come la corruzione, la debolezza delle istituzioni, la cattiva governance e la mancanza di controlli normativi finanziari;

d.

rafforzamento della cooperazione in materia di individuazione e recupero dei proventi di reato, in particolare attraverso la creazione di piattaforme nazionali ad hoc; e

e.

intensificazione della cooperazione regionale e intraregionale

f.

integrazione delle regole dello stato di diritto e delle norme e dei principi internazionali sui diritti umani nelle misure di contrasto connesse alla droga

In corso

SM

SEAE

COM

Europol

Numero ed efficacia dei progetti e dei programmi dell’UE e degli SM nei paesi terzi

Riduzione sostenuta del traffico di droga

Relazioni della COM e degli SM

Relazioni di Europol

Relazioni del SEAE

Rapporto mondiale annuale dell’UNODC sulla droga

 

38.

a.

Rafforzare la cooperazione e/o condurre dialoghi con i partner, compresi:

paesi aderenti, paesi candidati e potenziali candidati

paesi aderenti alla politica europea di vicinato

Stati Uniti d’America

Federazione russa

altri paesi o regioni prioritari, segnatamente:

Afghanistan, Pakistan e Iran

Repubbliche dell’Asia centrale

Cina

Stati latino-americani e dei Caraibi

Africa, in particolare l’Africa occidentale

Altri paesi a seconda degli sviluppi nazionali e internazionali

b.

Vagliare le possibilità di interazione (tramite ad esempio dialoghi bilaterali o progetti comuni) con altri paesi terzi su gravi problemi connessi alla droga

In corso

Trio di PRES

COM

SEAE

SM

Indicatore generale 13

Cooperazione rafforzata nel settore della droga con i partner pertinenti

Dialoghi organizzati

Dichiarazioni convenute

Programmi e piani d’azione attuati

Relazioni del SEAE

Relazioni di attuazione dei pertinenti piani d’azione se disponibili

 

39.

Migliorare il meccanismo consultivo del gruppo di Dublino attraverso un coordinamento e una partecipazione dell’UE intensificati e una migliore formulazione, attuazione e diffusione delle raccomandazioni da esso emanate

In corso

Gruppo di Dublino

COM

SEAE

SM

Livello di attività nelle varie strutture del gruppo di Dublino, compreso il numero delle raccomandazioni del gruppo di Dublino effettivamente attuate

Grado di ammodernamento dei metodi di lavoro del gruppo di Dublino

Relazioni del gruppo di Dublino

 

40.

Procedere a un dialogo annuale sull’assistenza dell’UE e degli Stati membri ai paesi terzi in materia di droga corredato di un aggiornamento scritto

Dal 2017

COM

SEAE

SM

Presentazione della COM e del SEAE al gruppo orizzontale «Droga» almeno una volta all’anno

Relazioni della COM e degli SM

Relazioni degli SM

Sistema e relazioni di valutazione e monitoraggio di progetti e programmi

 

41.

Assicurare che la promozione e la protezione dei diritti umani siano pienamente integrati nei dialoghi politici e nella pianificazione e nell’attuazione dei pertinenti programmi e progetti relativi alla droga, anche attraverso l’attuazione dell’approccio basato sui diritti (RBA) e lo sviluppo di uno strumento su misura di orientamento e di valutazione dell’impatto in materia di diritti umani

In corso

COM

COHOM/SEAE

SM

Diritti umani effettivamente integrati nelle politiche e azioni dell’UE in materia di droga

Attuazione di uno strumento di orientamento e di valutazione dell’impatto in materia di diritti umani

Relazione annuale dell’UE sui diritti umani

Relazioni degli SM

11.

Migliorare la coerenza dell’approccio dell’UE e la visibilità dell’UE in seno alle Nazioni Unite (ONU) e rafforzare il coordinamento dell’UE con gli organismi internazionali nel settore della droga

42.

Contribuire a definire l’agenda della politica internazionale in materia di droga, anche attraverso:

a.

l’azione più determinata delle delegazioni dell’UE e degli SM in sede di Assemblea generale dell’ONU e di Commissione stupefacenti (CND);

b.

l’azione coordinata delle delegazioni dell’UE e degli SM in tutte le altre sedi ONU che trattano tematiche connesse alla droga (ad esempio, Assemblea mondiale della sanità, Consiglio per i diritti umani, Forum politico ad alto livello sullo sviluppo sostenibile)

c.

l’elaborazione, il coordinamento e l’adozione di posizioni comuni e risoluzioni comuni dell’UE nell’Assemblea generale dell’ONU e nella CND, compresa, in previsione della CND, la programmazione relativa alle sostanze, e la garanzia che l’UE parli con determinazione e con una sola voce in queste e altre sedi internazionali;

d.

la promozione e il monitoraggio dell’attuazione delle raccomandazioni contenute nel documento conclusivo dell’UNGASS 2016 quale documento di riferimento essenziale per discussioni rilevanti per le politiche internazionali in materia di droga in tutte le sedi pertinenti

e.

il segmento ministeriale che si terrà durante la 62a sessione della CND, prevista a Vienna nel 2019 e

f.

il significativo coinvolgimento della società civile e della comunità scientifica nel processo di riesame

In corso

SEAE

PRES

SM

COM

Consiglio

Gruppo del Consiglio (GOD)

Indicatore generale 13

Numero di dichiarazioni dell’UE formulate in sede di CND e in altri consessi dell’ONU

Numero delle posizioni comuni dell’UE sostenute da altre regioni e organismi internazionali

Numero di posizioni comuni dell’UE in relazione alle decisioni della CND sulla programmazione relativa alle sostanze

Esito delle decisioni della CND sulla programmazione relativa alle sostanze

Risoluzioni dell’UE adottate con successo in sede di ONU e di CND

Efficace promozione delle politiche dell’UE in sede di ONU, anche alla CND

Adozione di un documento di posizione comune dell’UE sul processo di riesame del 2019; contributo dell’UE alla definizione, in sede CND, delle modalità per il processo del 2019

Attuazione della posizione comune UE sul processo post-UNGASS

Risultato del riesame del 2019 della dichiarazione politica e del piano d’azione dell’ONU sulla cooperazione internazionale verso una strategia integrata e bilanciata di lotta per affrontare il problema mondiale della droga

Progressi nell’attuazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) relativi alla droga

Relazioni del SEAE

Indicatore di convergenza

Esito del riesame 2019

Le relazioni annuali sugli obiettivi di sviluppo sostenibile

 

43.

Rafforzare i partenariati con l’UNODC, l’OMS, UNAIDS e altre pertinenti agenzie dell’ONU, organismi, organizzazioni e iniziative internazionali e regionali (come il Consiglio d’Europa e l’iniziativa del patto di Parigi)

In corso

Consiglio

SEAE

COM

PRES

Gruppo del Consiglio (GOD)

OEDT

Indicatori generali 13, 15

Numero degli scambi di informazioni e delle attività tra l’UE e organismi, organizzazioni e iniziative internazionali e regionali pertinenti

Efficacia dei partenariati con gli organismi pertinenti

Relazioni di SM, SEAE, COM

12.

Sostenere il processo per l’adeguamento e l’allineamento dei paesi aderenti, dei paesi candidati e dei potenziali candidati all’acquis dell’UE nel settore della droga attraverso assistenza e monitoraggio mirati

44.

Fornire assistenza tecnica mirata e altra assistenza e sostegno, se necessario, ai paesi aderenti, ai paesi candidati e ai potenziali candidati per facilitarne l’adeguamento e l’allineamento all’acquis dell’UE nel settore della droga

In corso

COM

SM

OEDT

Europol

Eurojust

FRONTEX

SEAE

Indicatore generale 15

Maggiore conformità dei paesi all’acquis UE

Numero e qualità dei progetti completati

Strategie nazionali in materia di droga e strutture nazionali di coordinamento in materia di droga istituite

Relazioni OEDT

Relazioni dei paesi aderenti, paesi candidati e potenziali candidati

5.   Informazione, ricerca, monitoraggio e valutazione

Contribuire ad una migliore comprensione di tutti gli aspetti del fenomeno della droga e dell’impatto delle misure al fine di fornire prove solide e complete per le politiche e le azioni

Obiettivo

Azione

Calendario

Parte responsabile

Indicatore/i

Meccanismi di raccolta/valutazione di dati

13.

Assicurare investimenti adeguati nella ricerca, nella raccolta dati, nel monitoraggio, nella valutazione e nello scambio di informazioni su tutti gli aspetti del fenomeno della droga

45.

Promuovere un adeguato finanziamento della ricerca e degli studi multidisciplinari connessi alla droga a livello di UE anche attraverso programmi finanziari UE correlati (2014-2020)

2017-2020

SM

COM

Ammontare e tipo di finanziamenti dell’UE forniti nei diversi programmi e progetti

COM

Relazioni in occasione del dialogo annuale sulla ricerca

 

46.

Assicurare che i progetti sostenuti dall’UE:

a.

tengano conto delle priorità della strategia dell’UE in materia di droga e del piano d’azione dell’UE in materia di lotta contro la droga;

b.

tengano conto delle lacune nella formulazione delle politiche;

c.

forniscano un chiaro valore aggiunto e assicurino coerenza e sinergia; e

d.

evitino duplicazioni rispetto alle attività di ricerca svolte in altri programmi e organismi;

e.

tengano conto dell’importanza della ricerca comportamentale e della neuroscienza (8)

f.

prevedano indicatori chiari per misurarne l’impatto

2017-2020.

COM

OEDT

Inclusione delle priorità della strategia dell’UE in materia di droga e del piano d’azione dell’UE in materia di lotta contro la droga nei criteri di finanziamento e di valutazione della ricerca sulle droghe finanziata dall’UE

Numero, impatto, complementarità e valore delle sovvenzioni e dei contratti concessi per la ricerca sulle droghe finanziata dall’UE

Numero di articoli e rapporti di ricerca sulle droghe finanziati dall’UE pubblicati su riviste specializzate aventi un impatto elevato

Dibattito annuale in sede di GOD sui progetti di ricerca correlati alla droga finanziati dall’UE, comprese le raccomandazioni del comitato scientifico dell’OEDT sulle priorità della ricerca

Relazioni sui progetti di ricerca

Raccomandazioni del comitato scientifico dell’OEDT sulle priorità della ricerca

Indice delle citazioni scientifiche e altri strumenti bibliometrici

Programma strategico per la ricerca sviluppato da ERANID

 

47.

Promuovere valutazioni basate su dati delle politiche e interventi a livello nazionale, UE e internazionale

2017-2020

COM

SM

OEDT

Indicatore generale 14

Guida OEDT sulla valutazione utilizzata a sostegno del processo nazionale

Presentazione di studi specializzati sull’efficacia e sull’impatto delle politiche UE e internazionali in materia di droga

Relazioni OEDT/Pacchetto di relazioni nazionali della rete Reitox

 

48.

Rafforzare l’analisi (inclusa la mappatura delle fonti d’informazione) e lo scambio di informazioni sulla relazione tra il traffico di droga e:

a.

il finanziamento di gruppi e attività terroristici, comprese le eventuali sovrapposizioni tra le rotte consolidate usate per la produzione e il traffico di droga e le aree di conflitto; il finanziamento di cellule terroristiche all’interno dell’UE mediante attività illegali, compreso il traffico di droghe;

b.

il traffico di migranti (creando sinergie con il piano d’azione dell’UE contro il traffico di migranti (2015-2020) che prevede la ricerca e l’analisi del rischio riguardo ai collegamenti fra il traffico di migranti e altri reati, quali il traffico di droga), incluso:

ponendo l’accento sui migranti vulnerabili, in particolare minori e donne, e sul loro potenziale sfruttamento ai fini del traffico di droga e/o come consumatori finali di droghe;

vagliando le possibili sovrapposizioni tra le reti criminali dedite al traffico di droga e quelle dedite al traffico di migranti, e fra i relativi modus operandi e rotte seguite;

c.

creando, in relazione alla tratta degli esseri umani, sinergie con il quadro giuridico e politico dell’UE in materia di lotta contro la tratta di esseri umani, compresa la strategia dell’UE per l’eradicazione della tratta degli esseri umani (2012-2016)

2017-2020

SM

COM

Coordinatore UE anti-tratta

OEDT

Europol

FRONTEX

Agenzia UE per i diritti fondamentali

EIGE

Gruppo del Consiglio

(COSI

COTER

TWP

HLWG)

Grado di miglioramento della comprensione dei potenziali collegamenti tra traffico di droga e:

finanziamento del terrorismo

traffico di migranti

tratta degli esseri umani

risultati dell’UE e nazionali (quali relazioni, studi e articoli che trattano tali temi)

Relazioni degli SM

Relazioni della COM

Relazioni delle agenzie dell’UE (OEDT, Europol)

FRONTEX e Agenzia UE per i diritti fondamentali nell’ambito dell’attività di presentazione periodica di relazioni

EIGE nell’ambito dell’attività di presentazione periodica di relazioni

Valutazioni del rischio del GAFI

14.

Proseguire il lavoro in rete e la cooperazione e sviluppare capacità all’interno delle infrastrutture della conoscenza dell’UE per l’informazione, la ricerca, il monitoraggio e la valutazione delle droghe, in particolare le droghe illecite

49.

In collaborazione con le parti interessate, continuare a fornire analisi globali dei seguenti aspetti:

a.

situazione della droga nell’UE;

b.

andamento del consumo di droga nella popolazione generale e nei gruppi bersaglio;

c.

risposte al consumo di droga;

e, a tempo debito, fornire un aggiornamento OEDT del panorama 2017 della legislazione sulla cannabis nell’UE nonché continuare a monitorare e riferire riguardo alle legislazioni sulla cannabis a livello nazionale e nei paesi terzi

In corso

OEDT

Europol

SM

COM

Indicatori generali 1-15

Determinazione delle carenze esistenti nella base di conoscenze e sviluppo di un quadro a livello UE per massimizzare l’analisi delle correlazioni di dati attuali

Numero di sintesi e di analisi tematiche sulla situazione della droga

Relazioni OEDT

Relazioni degli SM

Forum della società civile sulla droga

COM

 

50.

Potenziare la formazione basata su dati per le persone coinvolte nelle attività di risposta al fenomeno della droga

2017-2020.

SM

OEDT

CEPOL

Numero di iniziative a livello di SM e UE per la formazione di professionisti sul tema della riduzione della domanda e dell’offerta di droga

Numero di iniziative attuate a livello di SM e UE per la formazione di professionisti concernente la raccolta di dati e la comunicazione di informazioni sulla riduzione della domanda e dell’offerta di droga

Relazioni degli SM

Relazione annuale CEPOL

Relazioni OEDT/Pacchetto di relazioni nazionali della rete Reitox

 

51.

Potenziare la raccolta di dati, la ricerca, l’analisi e la comunicazione di informazioni su:

a.

riduzione della domanda di droga;

b.

riduzione dell’offerta di droga;

c.

tendenze emergenti, come la poliassunzione e l’uso improprio di farmaci psicoattivi che pongono rischi per la salute e la sicurezza;

d.

virus siero-trasmissibili associati al consumo di droghe, comprese, ma non solo, l’HIV e l’epatite virale, nonché le malattie sessualmente trasmissibili e la tubercolosi;

e.

comorbilità psichiatrica e fisica;

f.

problemi di droga tra i detenuti e disponibilità e offerta di interventi e servizi per la riduzione della domanda di droga in ambiente carcerario; e

g.

altri problemi e conseguenze legati a sostanze illecite nonché alla poliassunzione (uso combinato di sostanze lecite e illecite, tra cui i farmaci psicoattivi, l’alcol e il tabacco)

h.

conformità delle politiche sulla droga alle norme e ai principi internazionali sui diritti umani

In corso

SM

COM

OEDT

Europol

ECDC

EMA

Maggiore disponibilità e attuazione di indicatori fondati su dati e scientificamente solidi relativi alla riduzione dell’offerta e della domanda di droga

A livello di SM, entità della nuova ricerca avviata in merito a tendenze emergenti quali la poliassunzione e l’uso scorretto di sostanze psicoattive; malattie siero-trasmissibili associate al consumo di droghe, comprese, ma non solo, l’HIV e l’epatite virale, nonché le malattie sessualmente trasmissibili e la tubercolosi; comorbilità psichiatrica e fisica; altri problemi e conseguenze legati a sostanze sia lecite sia illecite

Studio di portata UE svolto sull’intimidazione della comunità connessa alla droga e sul suo impatto sulle persone, sulle famiglie e sulle comunità più colpite e risposte efficaci alla stessa

Adozione di indicatori basati su dati e scientificamente solidi relativi ai problemi di droga tra i detenuti

Relazioni OEDT

Relazioni EMA

Relazioni degli SM

Relazioni sui dati armonizzati degli organismi dell’UE compreso l’OEDT

SOCTA dell’UE

 

52.

Migliorare la capacità di rilevare, valutare e rispondere efficacemente alla comparsa e al consumo di nuove sostanze psicoattive e monitorare in che misura tali nuove sostanze influiscono sul numero e sul profilo dei consumatori

In corso

COM

SM

OEDT

Europol

Indicatore generale 6

Entità delle nuove ricerche epidemiologiche, farmacologiche e tossicologiche avviate su nuove sostanze psicoattive e sostenute da programmi di ricerca degli SM e dell’UE

Entità dello scambio di informazioni, migliori pratiche e intelligence

Entità della condivisione, da parte dei laboratori di tossicologia e degli istituti di ricerca, di analisi dei dati tossicologici e sanitari sulle nuove sostanze psicoattive

Relazioni OEDT/Pacchetto di relazioni nazionali della rete Reitox

Relazione di attuazione OEDT-Europol

Relazioni di laboratori e istituti di ricerca

 

53.

Intensificare gli sforzi intesi a condividere i dati della scienza forense, compresi il sostegno all’individuazione di nuove sostanze psicoattive, le norme di riferimento dei laboratori sulle nuove sostanze psicoattive e lo sviluppo di una metodologia comune per l’individuazione delle nuove sostanze, potenziando la collaborazione con il Centro comune di ricerca della Commissione europea e attraverso le reti esistenti, come il gruppo di lavoro sulla droga della Rete europea di istituti di scienza forense nel quadro delle conclusioni del Consiglio GAI su una visione per le scienze forensi europee 2020 e la rete europea di laboratori delle dogane

2017-2020

COM

SM

OEDT

Indicatore generale 15

Entità dello scambio di dati della scienza forense sulle nuove sostanze psicoattive, a sostegno dell’individuazione di nuove sostanze psicoattive

Facilità di accesso alle norme di riferimento dei laboratori da parte dei laboratori e istituti di scienza forense e dei laboratori delle dogane

Progressi nello sviluppo di una metodologia comune per l’individuazione di nuove sostanze psicoattive

Relazioni OEDT/Europol

Relazioni della COM

 

54.

Migliorare e incrementare la capacità di individuare, valutare e rispondere, a livello degli SM e dell’UE a) ai cambiamenti di comportamento nel consumo di droga e b) ai focolai di epidemie legati alla droga

In corso

SM

OEDT

ECDC

Numero ed efficacia delle nuove iniziative di sanità pubblica in materia di droga sviluppate e attuate

Numero ed efficacia delle misure e iniziative esistenti che sono adeguate per tenere conto del consumo di droga o dei focolai di epidemie

Numero e impatto delle relazioni del sistema di allerta precoce, delle valutazioni del rischio e delle segnalazioni

Relazioni del sistema di allerta precoce

Relazioni OEDT/Pacchetto di relazioni nazionali della rete Reitox

Relazioni EMA

15.

Potenziare la diffusione dei risultati del monitoraggio, della ricerca e della valutazione a livello UE e nazionale

55.

Gli Stati membri continuano a sostenere le iniziative dell’UE in termini di monitoraggio e di scambio di informazioni, fra cui la cooperazione con i punti focali nazionali Reitox e il sostegno adeguato agli stessi

a.

Organizzazione di eventi europei incentrati sul trasferimento e la diffusione di conoscenze dalla ricerca ai responsabili politici e ai professionisti

In corso

SM

OEDT

COM

Diffusione ad accesso aperto dei risultati degli studi finanziati dall’UE

Misura in cui il finanziamento dei punti focali nazionali Reitox e altre risorse rispondono ai requisiti

Numero ed efficacia delle iniziative di diffusione dei punti focali nazionali Reitox

Numero di eventi europei organizzati sul trasferimento e la diffusione di conoscenze dalla ricerca ai responsabili politici e ai professionisti

Diffusione sul web, compresi OpenAire, Cordis

Sito web dell’OEDT

Relazioni OEDT/Pacchetto di relazioni nazionali della rete Reitox


(1)  In questo contesto il concetto di «basato su dati» va interpretato come «basato sui dati scientifici disponibili e sull’esperienza»

(2)  Conclusioni del Consiglio sull’attuazione del piano d’azione dell’UE in materia di lotta contro la droga 2013-2016 riguardo a standard minimi di qualità nella riduzione della domanda di droga nell’Unione europea (doc. del Consiglio 11985/15).

(3)  Il MAOC-N, con sede a Lisbona, è un’iniziativa di 7 Stati membri dell’UE (Francia, Irlanda, Italia, Spagna, Paesi Bassi, Portogallo e Regno Unito) ed è cofinanziato dal Fondo Sicurezza interna dell’Unione europea. Il Centro è una sede di cooperazione multilaterale nella repressione del traffico illecito di droga per via marittima e aerea.

(4)  Conclusioni del Consiglio, del 15 novembre 2013, relative all’intensificazione del monitoraggio dell’offerta di droga nell’Unione europea.

(5)  Direttiva 2014/42/UE del Parlamento europeo e del Consiglio relativa al congelamento e alla confisca dei beni strumentali e dei proventi da reato nell’Unione europea; decisione 2007/845/GAI del Consiglio concernente la cooperazione tra gli uffici degli Stati membri per il recupero dei beni nel settore del reperimento e dell’identificazione dei proventi di reato o altri beni connessi; decisione quadro 2006/783/GAI del Consiglio relativa all’applicazione del principio del reciproco riconoscimento delle decisioni di confisca; decisione quadro 2003/577/GAI del Consiglio relativa all’esecuzione nell’Unione europea dei provvedimenti di blocco dei beni o di sequestro probatorio; proposta della Commissione di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al riconoscimento reciproco dei provvedimenti di congelamento e di confisca (COM(2016) 819); decisione quadro 2005/212/GAI del Consiglio relativa alla confisca di beni, strumenti e proventi di reato; decisione quadro 2003/577/GAI del Consiglio relativa all’esecuzione nell’Unione europea dei provvedimenti di blocco dei beni o di sequestro probatorio.

(6)  Direttiva (UE) 2015/849 del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alla prevenzione dell’uso del sistema finanziario a fini di riciclaggio o finanziamento del terrorismo, che modifica il regolamento (UE) n. 648/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio e che abroga la direttiva 2005/60/CE del Parlamento europeo e del Consiglio e la direttiva 2006/70/CE della Commissione; decisione quadro 2001/500/GAI del Consiglio concernente il riciclaggio di denaro, l’individuazione, il rintracciamento, il congelamento o sequestro e la confisca degli strumenti e dei proventi di reato; proposta della Commissione di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio sulla lotta al riciclaggio di denaro mediante il diritto penale (COM(2016) 826); regolamento (UE) 2015/847 del Parlamento europeo e del Consiglio riguardante i dati informativi che accompagnano i trasferimenti di fondi e che abroga il regolamento (CE) n. 1781/2006; regolamento (CE) n. 1889/2005 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo ai controlli sul denaro contante in entrata nella Comunità o in uscita dalla stessa; proposta della Commissione di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo ai controlli sul denaro contante in entrata o in uscita dall’Unione e che abroga il regolamento (CE) n. 1889/2005.

(7)  Decisione quadro 2004/757/GAI del Consiglio riguardante la fissazione di norme minime relative agli elementi costitutivi dei reati e alle sanzioni applicabili in materia di traffico illecito di stupefacenti, per quanto riguarda la definizione di «stupefacenti» (o «droga/droghe»).

(8)  Nell’ambito di Orizzonte 2020 (2014-2020) è già stato assegnato un importo di circa 27 milioni di EUR a progetti riguardanti la tossicodipendenza che includono la ricerca comportamentale e la neuroscienza.


ALLEGATO I

Quindici indicatori generali per il piano d’azione dell’UE in materia di lotta contro la droga 2017-2020 (1)

1.

Percentuale della popolazione che consuma droghe attualmente (ultimo mese), ha consumato droghe di recente (ultimo anno) e ha consumato droghe almeno una volta nella vita (una tantum), per droga e fascia di età (Indagine condotta sulla popolazione generale, OEDT)

2.

Tendenze stimate nella prevalenza del problema e nel consumo di droghe per via parenterale (Consumo problematico di stupefacenti, OEDT)

3.

Tendenze nei decessi indotti da droghe e mortalità tra i consumatori di droga (secondo le definizioni nazionali) (Decessi correlati agli stupefacenti, OEDT)

4.

Prevalenza e incidenza, tra i consumatori di droga per via parenterale, di malattie infettive attribuibili al consumo di droghe, comprese l’HIV e l’epatite virale, le malattie sessualmente trasmissibili e la tubercolosi (Malattie infettive correlate alla droga, OEDT)

5.

Tendenze relative all’età del primo consumo di droghe illecite (progetto di indagine europea nelle scuole su alcol e droghe (ESPAD), comportamenti collegati alla salute in ragazzi di età scolare (HBSC) e indagine sul consumo di droga nella popolazione generale (Indicatore epidemiologico chiave, OEDT)

6.

Tendenze relative al numero di persone che entrano in terapia (Richiesta di trattamento, OEDT) e al numero totale stimato di persone che seguono una terapia (Richiesta di trattamento e risposte sanitarie e sociali, OEDT)

7.

Tendenze relative al numero e alla quantità di droghe illecite sequestrate (Sequestri di droghe: cannabis, comprese foglie di cannabis, eroina, cocaina, cocaina crack, anfetamina, metanfetamina, ecstasy, LSD e altre sostanze, OEDT)

8.

Tendenze relative al prezzo al dettaglio e alla purezza delle droghe illecite (Prezzo e purezza: cannabis, comprese foglie di cannabis, eroina, cocaina, cocaina crack, anfetamina, metanfetamina, ecstasy, LSD e altre sostanze e composizione delle pasticche, OEDT)

9.

Tendenze relative al numero di relazioni iniziali sui reati contro la legge sulla droga, per droga e tipo di reato (offerta rispetto a consumo/detenzione) (Reati legati alla droga, OEDT)

10.

Prevalenza del consumo di droga tra i detenuti (Consumo di stupefacenti nelle carceri, OEDT)

11.

Valutazione della disponibilità, dell’offerta e della qualità dei servizi e degli interventi nei settori della prevenzione, della riduzione del danno, del reinserimento sociale e del trattamento. (Risposte sanitarie e sociali, OEDT)

12.

Interventi basati su dati in materia di prevenzione, trattamento, reinserimento sociale e recupero e relativo impatto atteso sulla prevalenza del consumo di droga e sul consumo problematico di droga (Portale dell’OEDT dedicato alle buone prassi)

13.

Dialogo e cooperazione intensi nel campo della droga con altre regioni, paesi terzi, organizzazioni internazionali e altre parti (relazioni del SEAE)

14.

Sviluppi nelle strategie nazionali in materia di droga, valutazioni, legislazione, meccanismi di coordinamento e stime della spesa pubblica negli Stati membri dell’UE (OEDT)

15.

Sistema di allerta precoce sulle nuove sostanze psicoattive (OEDT/Europol) e valutazione del rischio riguardo alle nuove sostanze psicoattive (OEDT)


(1)  Gli indicatori si basano su sistemi di relazioni esistenti che, seppur precedenti rispetto agli obiettivi della strategia e del piano d’azione attuali, offrono la serie più completa di risorse UE per sostenerne il monitoraggio e la valutazione


ALLEGATO II

Glossario degli acronimi

GCD

Consiglio dell’UE - gruppo «Cooperazione doganale»

CELAC

Comunidad de Estados Latinoamericanos y Caribeños (Comunità degli Stati latinoamericani e dei Caraibi)

CEPOL

Accademia europea di polizia

CND

Commissione stupefacenti (Nazioni Unite)

COAFR

Consiglio dell’UE — gruppo «Africa»

COASI

Consiglio dell’UE — gruppo «Asia/Oceania»

COEST

Consiglio dell’UE — gruppo «Europa orientale e Asia centrale»

COHOM

Consiglio dell’UE — gruppo «Diritti umani»

COLAC

Consiglio dell’UE — gruppo «America latina»

COM

Commissione europea

CONUN

Consiglio dell’UE – gruppo «Nazioni Unite»

COSCE

Consiglio dell’UE — gruppo «OSCE e Consiglio d’Europa»

COSI

Consiglio dell’UE - comitato permanente per la cooperazione operativa in materia di sicurezza interna

COTRA

Consiglio dell’UE - gruppo «Relazioni transatlantiche» (Canada e Stati Uniti d’America)

Gruppo del Consiglio

Gruppo di lavoro del Consiglio

COTER

Consiglio dell’UE - gruppo «Terrorismo (aspetti internazionali)»

COWEB

Consiglio dell’UE — gruppo «Regione dei Balcani occidentali»

CUG

Consiglio dell’UE — gruppo «Unione doganale»

DROIPEN

Consiglio dell’UE — gruppo «Diritto penale sostanziale»

ECDC

Centro europeo per il controllo delle malattie

SEAE

Servizio europeo per l’azione esterna

EMA

Agenzia europea per i medicinali

OEDT

Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze

EMPACT

Piattaforma multidisciplinare europea di lotta alle minacce della criminalità

ENFSI

Rete europea di istituti di scienza forense

ERA-NET

Rete dello spazio europeo della ricerca

ERANID

Rete dello spazio europeo della ricerca sulle droghe illecite

ESPAD

Progetto di indagine europea nelle scuole su alcol e droghe

UE

Unione europea

EUROJUST

Unità europea di cooperazione giudiziaria

Europol

Agenzia dell’Unione europea per la cooperazione nell’attività di contrasto

SOCTA dell’UE

Valutazione UE della minaccia rappresentata dalla criminalità organizzata e dalle forme gravi di criminalità

FRONTEX

Agenzia europea per la gestione della cooperazione operativa alle frontiere esterne degli Stati membri dell’Unione europea

HBSC

Comportamenti collegati alla salute in ragazzi di età scolare

HCV

Virus dell’epatite C

GOD

Consiglio dell’UE - gruppo orizzontale «Droga»

HIV

Virus da immunodeficienza acquisita

HLWG

Consiglio dell’UE - gruppo ad alto livello «Asilo e migrazione»

INCB

Consiglio internazionale per il controllo dei narcotici (Nazioni Unite)

GAI

Giustizia e affari interni

LGBTI

Lesbiche, gay, bisessuali, transgender/transessuali e intersessuali

LSD

Dietilamide dell’acido lisergico

MAOC-N

Centro di analisi e operazioni contro il narcotraffico marittimo

MASP

Piani strategici pluriennali (Europol)

MOU

Memorandum d’intesa

SM

Stato membro

NSP

Nuove sostanze psicoattive

PEN

Sistema online di notifiche precedenti l’esportazione sviluppato da UNODC/INCB

PICS

Sistema di comunicazione degli incidenti relativi ai precursori

PRES

Presidenza a rotazione del Consiglio dell’Unione europea

Trio di PRES

Gruppo di tre presidenze a rotazione consecutive del Consiglio dell’Unione europea

Reitox

Rete europea di informazione sulle droghe e le tossicodipendenze

SOCTA dell’UE

Valutazione della minaccia rappresentata dalla criminalità organizzata e dalle forme gravi di criminalità

TWP

Consiglio dell’UE - gruppo «Terrorismo»

ONU

Nazioni Unite

UNAIDS

Programma congiunto delle Nazioni Unite sull’HIV/AIDS

UNGASS

Sessione speciale dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite

UNODC

Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine

UNDP

Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo

OMS

Organizzazione mondiale della sanità (Nazioni Unite)


Top