Help Print this page 
Title and reference
Relazione della Commissione - Relazione annuale sul Fondo di coesione (2006)

/* COM/2007/0678 def. */
Multilingual display
Text

52007DC0678

Relazione della Commissione - Relazione annuale sul Fondo di coesione (2006) /* COM/2007/0678 def. */


[pic] | COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE |

Bruxelles, 6.11.2007

COM(2007) 678 definitivo

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE

RELAZIONE ANNUALE SUL FONDO DI COESIONE (2006)

INDICE

RELAZIONE RELAZIONE ANNUALE SUL FONDO DI COESIONE (2006) 3

1. Esecuzione del bilancio 3

2. Contesto economico e condizionalità 9

3. Coordinamento con le politiche relative ai trasporti e all'ambiente 10

3.1. Trasporti 10

3.2. Ambiente 11

4. Ispezioni 12

5. Irregolarità e sospensione dell'aiuto 12

6. Valutazione 14

7. Nuovo quadro normativo per il periodo 2007-2013 14

8. Informazione e pubblicità 15

RELAZIONE ANNUALE SUL FONDO DI COESIONE (2006)

La relazione viene presentata in conformità dell'articolo 14, paragrafo 1, del regolamento (CE) n. 1164/1994 che istituisce un Fondo di coesione. Essa riguarda le attività del Fondo di coesione nel corso del 2006.

1. Esecuzione del bilancio

Le risorse del Fondo di coesione disponibili da impegnare nel 2006 ammontavano a 6 032 082 110 EUR (prezzi correnti) per i 13 Stati membri beneficiari. Tale importo comprende i crediti per l'assistenza tecnica (8 100 000 EUR). Va osservato che l'Irlanda, in seguito alla sua crescita economica, non è più ammessa a beneficiare del Fondo di coesione dal 1° gennaio 2004. Dal 1° gennaio 2007 la Romania e la Bulgaria hanno aderito all'Unione europea e pertanto possono beneficiare del Fondo di coesione (tuttavia non sono state prese in considerazione nella presente relazione sul 2006).

Gli stanziamenti d'impegno sono stati utilizzati integralmente e nessuno è stato riportato al 2007.

Tabella 1. Esecuzione degli stanziamenti d'impegno nel 2006 (in EUR)

Stanziamenti riportati dal 2005 | - | - | - | - | - | - |

Stanziamenti resi nuovamente disponibili | - | - | - | - | - | - |

Rimborsi | - | - | - | - | - | - |

Stanziamenti riportati dal 2005 | - | - | - | - | - | - |

Stanziamenti resi nuovamente disponibili | 60 776 | - | - | - | - | 60 776 |

Rimborsi | - | - | - | - | - | - |

Grecia | 191 616 437 | 38,8 % | 298 556 462 | 60,4 % | 4 026 467 | 494 199 366 | 8,4 % |

Portogallo | 273 923 751 | 55,4 % | 218 291 973 | 44,2 % | 1 983 642 | 494 199 366 | 8,2 % |

Cipro | 15 599 762 | 75,5 % | 5 058 456 | 24,5 % | - | 20 658 218 | 0,3 % |

Repubblica ceca | 169 425 877 | 46,6 % | 192 728 948 | 53,0 % | 1 343 504 | 363 498 329 | 6,0 % |

Estonia | 51 641 255 | 45,3 % | 59 936 657 | 52,5 % | 2 505 460 | 114 083 372 | 1,9 % |

Ungheria | 210 331 313 | 49,3 % | 209 390 382 | 49,1 % | 6 910 457 | 426 632 152 | 7,1 % |

Lettonia | 84 648 355 | 50,3 % | 75 472 277 | 44,9 % | 8 112 593 | 168 233 225 | 2,8% |

Lituania | 121 403 548 | 53,7 % | 99 888 363 | 44,2 % | 4 807 152 | 226 099 063 | 3,7 % |

Malta | 4 305 250 | 51,0 % | 4 075 480 | 48,3 % | 65 171 | 8 445 901 | 0,1 % |

Polonia | 751 359 517 | 46,9 % | 828 944 996 | 51,7 % | 21 905 810 | 1 602 210 323 | 26,5 % |

Slovacchia | 79 712 721 | 36,4 % | 138 255 724 | 63,2 % | 826 055 | 218 794 500 | 3,6 % |

Slovenia | 27 925 173 | 38,6 % | 44 270 658 | 61,2 % | 165 000 | 72 360 831 | 1,2 % |

Tabella 4. Stanziamenti di pagamento per il 2006 (in EUR) - compresa l'assistenza tecnica

Gli importi relativi ai nuovi Stati membri si riferiscono unicamente a pagamenti riguardanti progetti approvati nell'ambito del Fondo di coesione dal 1° maggio 2004 in poi (senza cioè tener conto dell'aiuto di preadesione per i progetti ISPA). La tabella 5 riporta i pagamenti effettuati nel 2006 in relazione ai progetti ISPA approvati prima dell'adesione.

Stato membro | Ambiente | Trasporti | Assistenza tecnica | TOTALE |

Grecia | 194 069 922 | 40,2 % | 289 132 091 | 59,8 % | - | 483 202 013 | 17,7 % |

Irlanda | 27 991 936 | 70,8 % | 11 521 393 | 29,2 % | - | 39 513 329 | 1,4 % |

Portogallo | 148 750 484 | 73,1 % | 53 874 121 | 26,5 % | 899 853 | 203 524 458 | 7,5 % |

Cipro | - | 0,0 % | 6 001 512 | 100,0 % | - | 6 001 512 | 0,2 % |

Repubblica ceca | 32 982 124 | 26,2 % | 92 544 105 | 73,6 % | 278 460 | 125 804 689 | 4,6 % |

Estonia | 6 769 474 | 17,0 % | 32 972 870 | 82,9 % | 23 322 | 39 765 666 | 1,5 % |

Ungheria | 82 157 579 | 70,9 % | 33 767 249 | 29,1 % | - | 115 924 828 | 4,2 % |

Lettonia | 14 060 182 | 23,4 % | 42 930 570 | 71,5 % | 3 075 450 | 60 066 202 | 2,2 % |

Lituania | 17 587 842 | 36,0 % | 31 243 260 | 64,0 % | - | 48 831 102 | 1,8 % |

Malta | - | 0,0 % | 2 591 637 | 100,0 % | - | 2 591 637 | 0,1 % |

Polonia | 15 601 766 | 6,1 % | 239 697 120 | 93,7 % | 589 292 | 255 888 178 | 9,4 % |

Slovacchia | 18 811 566 | 58,7 % | 13 218 768 | 41,3 % | - | 32 030 334 | 1,2 % |

Slovenia | 7 502 018 | 24,1 % | 23 651 860 | 75,9 % | - | 31 153 878 | 1,1 % |

Non definito | - | 0,0 % | - | 0,0 % | 965 686 | 965 686 | 0,0 % |

Tabella 5. Nuovi Stati membri – Pagamenti effettuati nel 2006 per i precedenti progetti ISPA

Stato membro | Ambiente | Trasporti | Assistenza tecnica | TOTALE |

Estonia | 17 872 983 | 55,6 % | 13 213 810 | 41,1 % | 1 036 078 | 32 122 871 | 4,7 % |

Ungheria | 42 045 203 | 54,0 % | 34 943 145 | 44,9 % | 856 649 | 77 844 997 | 11,4 % |

Lettonia | 12 195 774 | 24,8 % | 33 083 549 | 67,3 % | 3 890 083 | 49 169 406 | 7,2 % |

Lituania | 21 227 151 | 55,0 % | 15 421 582 | 39,9 % | 1 955 102 | 38 603 835 | 5,7 % |

Polonia | 136 381 574 | 51,4 % | 126 946 209 | 47,9 % | 1 872 421 | 265 200 204 | 38,9 % |

Slovacchia | 33 197 820 | 43,6 % | 40 809 790 | 53,6 % | 2 120 189 | 76 127 799 | 11,2 % |

Slovenia | 5 176 729 | 73,4 % | 1 875 000 | 26,6 % | 0 | 7 051 729 | 1,0 % |

Grecia | 3 307 420 974 | 435 532 521 | 467 400 382 | 335 157 938 | 529 459 151 | 535 843 689 | 438 083 755 | 494 199 366 | 3 235 676 802 |

Grecia | 2 815 806 760 | 1 236 273 691 | 1 579 533 069 |

Irlanda | 575 411 134 | 517 830 136 | 57 580 998 |

Portogallo | 3 128 862 926 | 1 467 756 462 | 1 661 106 465 |

Spagna | 11 773 161 809 | 7 383 381 713 | 4 389 780 096 |

TOTALE UE-4 | 18 293 242 629 | 10 605 242 001 | 7 688 000 628 |

Cipro | 54 014 695 | 11 059 968 | 42 954 727 |

Repubblica ceca | 748 976 735 | 141 131 405 | 607 845 330 |

Estonia | 242 449 651 | 39 765 666 | 202 683 985 |

Ungheria | 812 924 360 | 185 512 701 | 627 411 659 |

Lettonia | 376 863 199 | 79 841 253 | 297 021 946 |

Lituania | 517 642 688 | 97 697 349 | 419 945 339 |

Malta | 21 966 289 | 2 591 637 | 19 374 652 |

Polonia | 3 191 270 327 | 255 730 261 | 2 935 540 066 |

Slovacchia | 264 254 882 | 32030 334 | 232 224 548 |

Slovenia | 172 654 702 | 39 651 472 | 133 003 230 |

TOTALE UE-10 | 6 403 017 528 | 885 012 045 | 5 518 005 483 |

TOTALE | 24 696 260 157 | 11 490 254 046 | 13 206 006 111 |

.

.

Tabella 7.2. Importi approvati per i precedenti progetti ISPA nel periodo 2000-2006 (compresi i RAL)

Paese | Impegno netto | Versato | RAL |

Repubblica ceca | 479 117 990 | 351 044 435 | 128 073 555 |

Estonia | 185 251 384 | 121 573 113 | 63 678 271 |

Ungheria | 669 677 980 | 307 713 993 | 361 963 987 |

Lettonia | 333 856 759 | 183 662 936 | 150 193 823 |

Lituania | 307 765 169 | 161 019 456 | 146 745 712 |

Polonia | 2 444 163 012 | 1 093 425 990 | 1 349 686 751 |

Slovacchia | 501 995 906 | 263 375 354 | 238 620 552 |

Slovenia | 83 499 178 | 45 820 204 | 37 678 974 |

TOTALE | 5 005 327 377 | 2 527 635 482 | 2 476 641 625 |

.

Esecuzione del bilancio relativo al periodo 1993-99

La tabella di seguito riportata illustra l'evoluzione nel 2006 degli importi da liquidare per il periodo 1993-1999.

Tabella 8. Liquidazione nel 2006 degli impegni del periodo 1993-99 (in EUR)

Stato membro | Importo iniziale da liquidare | Disimpegni | Pagamenti | Importo finale da liquidare |

Spagna | 204 299 149 | 17 163 676 | 99 864 092 | 87 271 381 |

Grecia | 82 165 494 | 52 585 827 | 3 476 269 | 26 103 398 |

Irlanda | 29 637 545 | 19 003 | 17 387 263 | 12 231 279 |

Portogallo | 29 514 596 | 1 555 707 | 15 998 198 | 11 960 691 |

TOTALE | 345 616 784 | 71 324 213 | 136 725 822 | 137 566 749 |

Gli impegni del Fondo di coesione fanno capo a stanziamenti dissociati. In altri termini, i pagamenti seguono gli impegni iniziali delle risorse. Se tutti i progetti sono realizzati conformemente alle decisioni esiste "automaticamente" un importo da liquidare a causa del lasso di tempo che intercorre tra la data della decisione e quella del pagamento del saldo (di norma da 4 a 5 anni).

Al fine di aumentare la percentuale dei pagamenti eseguiti a titolo dei precedenti impegni si è proseguito lo sforzo per azzerare gli stanziamenti ancora da liquidare relativi ad attività iniziate prima del 2000. Nel 2006 è stato pagato o disimpegnato circa il 40% degli impegni da liquidare all'inizio dell'anno. Entro la fine del 2006 gli stanziamenti ancora da liquidare erano scesi al 2,7% del bilancio annuale del Fondo di coesione (rispetto al 50% circa alla fine del 2002, al 39% alla fine del 2003, al 15% alla fine del 2004 e al 6,7% alla fine del 2005). Lo sforzo per ridurre gli impegni da liquidare è proseguito nel 2007, in collaborazione con le autorità nazionali responsabili dell'attuazione dei progetti e delle relative domande di pagamento.

Maggiori informazioni sui progetti approvati nel 2006 per ciascuno Stato membro figurano nell'allegato della relazione.

2. Contesto economico e condizionalità

Il regolamento del Consiglio che istituisce il Fondo di coesione[2] subordina l'impiego del Fondo a condizioni macroeconomiche. Esso dispone che "il fondo non finanzia negli Stati membri alcun nuovo progetto e, in caso di progetti importanti, alcuna nuova fase di progetto se il Consiglio, deliberando a maggioranza qualificata su raccomandazione della Commissione, riscontra che lo Stato membro non ha attuato [il proprio programma di stabilità o di convergenza] in modo tale da evitare un disavanzo pubblico eccessivo". Tale disposizione riflette il ruolo del Fondo di coesione quale strumento di sostegno al bilancio a livello nazionale che aiuta gli Stati membri a mantenere il rigore macroeconomico.

Quattro Stati membri beneficiari del Fondo di coesione (Cipro, Ungheria, Polonia e Portogallo) sono stati oggetto di fasi supplementari nel quadro della procedura per disavanzi eccessivi. Per nessuno di questi paesi è stato comunque necessario prevedere una sospensione dei finanziamenti del Fondo.

Nel giugno 2006 il Consiglio ha deciso di chiudere la procedura nei confronti di Cipro, che aveva corretto il proprio disavanzo eccessivo nel 2005. Per quanto riguarda il Portogallo, nel giugno 2006 la Commissione ha pubblicato una comunicazione in cui si constata che tale Stato membro è sulla buona strada per ridurre il proprio disavanzo eccessivo.

Dopo l'avvio della procedura per i disavanzi eccessivi nel 2004 si è constatato già in due occasioni, nel gennaio 2005 e nel novembre dello stesso anno, che l'Ungheria non ha preso misure efficaci in risposta alle raccomandazioni del Consiglio. Tuttavia, in nessuna delle due occasioni la Commissione ha raccomandato al Consiglio di sospendere gli impegni del Fondo di coesione. L'Ungheria, non facendo parte della zona euro, beneficia di una deroga specifica all'applicazione di ulteriori fasi nel quadro della procedura per i disavanzi eccessivi. Pertanto, dopo la presentazione, nel settembre 2006, dell'aggiornamento modificato del programma di convergenza per il 2006 il Consiglio ha potuto rivolgere ulteriori raccomandazioni all'Ungheria solo sulla base di una nuova decisione a norma dell'articolo 104, paragrafo 7[3]. Qualora il paese non si conformi a tale raccomandazione, si applicheranno le disposizioni dell'articolo 104, paragrafo 8, che comportano la possibilità di sospendere gli impegni del Fondo di coesione.

Nel novembre 2006 la Polonia è stata oggetto di una decisione del Consiglio a norma dell'articolo 104, paragrafo 8, in cui si stabiliva che le misure prese da tale Stato membro per correggere il proprio disavanzo eccessivo in risposta alle raccomandazioni del Consiglio del 2004 si stavano rivelando inadeguate. Tale decisione è stata adottata sulla base degli obiettivi fissati nell'aggiornamento del programma di convergenza del 2005 e nella notifica dei dati di bilancio della primavera 2006. In base al recente aggiornamento del programma di convergenza del 2006 la Polonia correggerà tuttavia il proprio disavanzo eccessivo entro il 2007, in parte perché può beneficiare della disposizione del patto di stabilità e crescita riformato che consente di detrarre parte dei costi della riforma pensionistica.

La Grecia sembra avviata a correggere il proprio disavanzo eccessivo, dato che nel 2006 lo ha ridotto al di sotto del 3% del PIL, conformemente alla decisione del Consiglio adottata nel febbraio 2005 a norma dell'articolo 104, paragrafo 9. Per tre nuovi Stati membri, la Repubblica ceca, Malta e la Slovacchia, nei confronti dei quali nel 2004 era stata aperta una procedura per i disavanzi eccessivi, gli sviluppi della situazione di bilancio non hanno reso necessarie ulteriori fasi della procedura, poiché nel dicembre 2004 la Commissione ha concluso che tutti questi paesi avevano preso misure efficaci in risposta alle raccomandazioni del Consiglio. Nel 2006 tuttavia non è stata chiusa la procedura per i disavanzi eccessivi relativa a questi paesi. Conformemente alle raccomandazioni del Consiglio Malta ha corretto il proprio debito eccessivo nel 2006. La Slovacchia porterà il proprio disavanzo al di sotto del 3% del PIL entro il 2007, mentre la Repubblica ceca prevede di raggiungere questo obiettivo entro il 2010.

Il regolamento riguardante il Fondo di coesione per il periodo 2007-2013[4] ha chiarito alcune incertezze relative all'applicazione in passato della condizionalità del Fondo di coesione. Esso dispone che in base a una decisione a norma dell'articolo 104, paragrafo 8, la Commissione possa proporre la sospensione del sostegno a titolo del Fondo di coesione. A sua volta il Consiglio può decidere di sospendere la totalità o una parte degli stanziamenti d'impegno con effetto al 1° gennaio dell'anno successivo alla decisione. Se in seguito il Consiglio constata, nel quadro della procedura per i disavanzi eccessivi, che lo Stato membro ha preso le necessarie misure correttive, viene automaticamente presa la decisione di porre fine alla sospensione degli stanziamenti d'impegno del Fondo di coesione. A tal fine sono state istituite regole per la reiscrizione in bilancio degli stanziamenti sospesi.

3. Coordinamento con le politiche relative ai trasporti e all'ambiente

3.1. Trasporti

Nel 2006 il settore dei trasporti ha rappresentato poco meno della metà (49,2%) degli impegni complessivi del Fondo di coesione. Come in passato, la Commissione ha chiesto agli Stati membri di privilegiare i progetti ferroviari. I progetti adottati nel 2006 dagli Stati membri figurano nell'allegato della presente relazione.

Nel settore dei trasporti il sostegno comunitario è fornito in modo coordinato attraverso una serie di strumenti: Fondo di coesione, ISPA, FESR, programmi delle reti transeuropee, prestiti della BEI. Il sostegno finanziario di questi strumenti riguarda essenzialmente le reti transeuropee dei trasporti (RTE-T).

A norma dell'articolo 3 del regolamento (CE) n. 1164/94, quale modificato dal regolamento (CE) n. 1264/1999, il Fondo di coesione può fornire assistenza per i progetti d'interesse comune in materia di infrastrutture dei trasporti finanziati dagli Stati membri e individuati nell'ambito degli orientamenti per lo sviluppo della rete transeuropea dei trasporti.

Gli orientamenti comunitari sulla RTE-T sono stati stabiliti dalla decisione n. 1692/96/CE, quale modificata. Tale decisione indica trenta progetti d'interesse comunitario ai quali gli Stati membri sono invitati a dare priorità. L'articolo 19 bis della decisione n. 1692/96/CE dispone che al momento della presentazione di progetti nel quadro del Fondo di coesione, conformemente all'articolo 10 del regolamento (CE) n. 1164/94, gli Stati membri accordino adeguata priorità ai progetti dichiarati di interesse europeo.

3.2. Ambiente

Nel 2006 il settore ambientale ha rappresentato poco più della metà (50,8%) degli impegni complessivi del Fondo di coesione. Di norma i progetti sostenuti dal Fondo di coesione contribuiscono a conseguire gli obiettivi globali della politica ambientale relativi allo sviluppo sostenibile, segnatamente alla realizzazione degli interventi prioritari del sesto programma d'azione, soprattutto per quanto riguarda la gestione delle risorse naturali e dei rifiuti, così come gli investimenti volti a limitare le conseguenze del cambiamento climatico. Le sette strategie tematiche adottate nel 2005 e nel 2006 in tema di inquinamento atmosferico, uso sostenibile delle risorse, riciclaggio dei rifiuti, ambiente urbano, protezione del suolo, ambiente marino e pesticidi, sono attinenti alle operazioni cofinanziate dal Fondo di coesione. I progetti adottati nel 2006 dagli Stati membri figurano nell'allegato della presente relazione.

Nel corso del 2006 il Fondo di coesione ha continuato a contribuire all'attuazione della legislazione ambientale, non solo attraverso il finanziamento diretto delle infrastrutture, ma anche incentivando l'applicazione delle direttive pertinenti, quale premessa indispensabile per la concessione degli aiuti. In particolare sono stati sostenuti interventi tematici di portata territoriale quali la protezione della natura, la gestione di rifiuti solidi e acque reflue e la valutazione dell'impatto ambientale (VIA).

Gli atti di adesione dei nuovi Stati membri hanno stabilito obiettivi intermedi per gli investimenti relativi all'acquis ambientale. I nuovi Stati membri hanno pertanto indicato come prioritarie le spese per la gestione delle acque reflue e dei rifiuti solidi. Nella maggior parte dei casi il fabbisogno di investimenti e di infrastrutture rimane elevato per quanto riguarda le principali direttive, in particolare nell'ambito della gestione dei rifiuti solidi e delle acque reflue (segnatamente del trattamento delle acque reflue urbane), ma anche in relazione alla qualità dell'aria e agli sforzi per la riduzione dell'inquinamento industriale (prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento). Il sostegno del Fondo di coesione relativo alle infrastrutture ambientali è pertanto fondamentale per i nuovi Stati membri.

4. Ispezioni

Per quanto riguarda i quattro Stati membri beneficiari iniziali, è stato effettuato un totale di sette ispezioni in Spagna, Portogallo e Grecia al fine di verificare l'attuazione dei piani di azione e di controllare i progetti del Fondo di coesione sottoposti ad audit nel periodo 2004-2005. Nel 2006 le verifiche hanno riguardato anche l'attività degli organismi incaricati di rilasciare la dichiarazione di chiusura dei progetti del Fondo di coesione.

Nel 2006 la direzione generale della Politica regionale ha inoltre istituito procedure relative alla chiusura dei progetti del Fondo di coesione volte ad assicurare che l'autorità di gestione e l'organismo incaricato di rilasciare la dichiarazione di chiusura forniscano informazioni adeguate nel corso della chiusura, al fine di garantire la legalità e la regolarità della dichiarazione finale di spesa, senza le quali si applicherebbero rettifiche finanziarie.

Quanto agli Stati membri che hanno aderito all'UE nel 2004, l'attività di audit svolta nel 2006 è consistita principalmente in controlli volti a verificare l'attuazione delle raccomandazioni formulate in seguito agli audit dei sistemi del 2005 e ad altri audit relativi alle spese sostenute per i progetti. Un'attenzione particolare è stata rivolta all'attività degli organismi nazionali di audit, segnatamente alla verifica della qualità degli audit dei sistemi, dei controlli a campione e di altri aspetti connessi alla preparazione dei certificati di audit. È stato effettuato un totale di tredici missioni, compresi gli audit eseguiti con il FESR (Fondo europeo di sviluppo regionale).

Dati i rischi particolari legati all'applicazione di buone procedure di gara e di aggiudicazione, nel 2005 è stata avviata un'indagine tematica specifica, relativa agli appalti aggiudicati nei nuovi Stati membri dopo l'adesione, con un doppio obiettivo, preventivo e correttivo. Nel 2006 alle raccomandazioni formulate sulla base di tali audit è stato dato un seguito in audit successivi.

Per quanto attiene al funzionamento dei sistemi di gestione e di controllo, la direzione generale nella relazione annuale di attività per il 2006 ha formulato un parere senza riserve per i sistemi di cinque Stati membri (Cipro, Estonia, Grecia, Malta e Slovenia).

Per i rimanenti Stati membri il parere è stato espresso con riserva a causa di gravi carenze relative ad aspetti principali dei sistemi (Repubblica ceca, Ungheria, Irlanda, Lettonia, Lituania, Polonia, Portogallo, Slovacchia e Spagna). A nessuno Stato membro è stato indirizzato un parere negativo.

5. Irregolarità e sospensione dell'aiuto

A norma dell'articolo 3 del regolamento (CE) n. 1831/94 relativo alle irregolarità e al recupero delle somme indebitamente pagate nonché all'instaurazione di un sistema d'informazione in questo settore[5], otto Stati membri beneficiari hanno segnalato 228 casi di irregolarità, pari a 186 604 797 EUR di contributi comunitari. Tali casi sono stati oggetto di un primo atto di accertamento amministrativo o giudiziario.

È opportuno notare che la maggior parte dei casi (183) sono stati comunicati dai quattro Stati membri beneficiari iniziali del Fondo di coesione, con una quota preponderante di casi (103) relativi alla Grecia, pari a un totale di 117 856 924 EUR di contributi comunitari, di cui solo 12 698 144 EUR ancora da recuperare, poiché il saldo è stato detratto dalle richieste di pagamento finale indirizzate alla Commissione. In Spagna si sono verificati progressi nell'applicazione del regolamento di cui sopra nel corso dell'anno: sono stati segnalati 82 casi, pari a 44 472 847 EUR di contributi comunitari, di cui 30 179 534 EUR devono ancora essere recuperati. Dei 18 casi comunicati dalle autorità portoghesi, pari a 23 747 904 EUR di contributi comunitari, sono ancora da recuperare circa 14 850 306 EUR.

Solo cinque dei nuovi Stati membri, Polonia, Repubblica ceca, Ungheria, Lettonia e Lituania hanno notificato alla Commissione casi di irregolarità (rispettivamente 10, 6, 6, 2 e 1) relativi ad importi inferiori a quelli sopra citati. Parte degli importi in questione è stata detratta prima della presentazione delle richieste di pagamento alla Commissione.

Gli altri Stati membri beneficiari hanno informato la Commissione di non aver riscontrato irregolarità nel corso del 2006. Alcuni casi individuati nel corso di missioni di audit nazionali o comunitarie non sono ancora stati notificati a norma del pertinente regolamento.

Nella maggior parte dei casi notificati le irregolarità consistono nell'applicazione della normativa sugli appalti pubblici, mentre nei casi rimanenti riguardano la presentazione di spese non rimborsabili.

Nel corso del 2006 è entrato in vigore il regolamento (CE) n. 1828/2006 relativo al nuovo periodo di programmazione 2007-2013. La sezione 4 di tale regolamento, intitolata "Irregolarità", disciplina ormai la notifica delle irregolarità e si applica anche al Fondo di coesione per i progetti adottati nel corso del nuovo periodo di programmazione. Il regolamento (CE) n. 1831/94 continua ad applicarsi alle decisioni adottate a norma del regolamento (CE) n. 1164/94.

Nel corso del 2006 l'Ufficio europeo per la lotta antifrode (OLAF) ha aperto tre casi in seguito ad informazioni ricevute sul Fondo di coesione. Tra questi, uno ha portato all'apertura di un "caso di monitoraggio"[6], mentre gli altri due casi sono stati rinviati al 2007 in attesa di una valutazione. Non è stata effettuata nessuna missione di controllo connessa al regolamento (Euratom, CE) n. 2185/96[7].

6. Valutazione

L'articolo 13 del regolamento (CE) n. 1164/94, modificato, prescrive alla Commissione e agli Stati membri di assicurare che la realizzazione dei progetti del Fondo di coesione sia sottoposta a sorveglianza e valutazione efficaci. A tal fine è necessario il ricorso a misure di valutazione ex ante, di sorveglianza e di valutazione ex post, in funzione delle quali il progetto viene, se del caso, adattato.

La Commissione e gli Stati membri procedono, eventualmente in collaborazione con la Banca europea per gli investimenti, a una valutazione ex ante e a una valutazione ex post di tutti i progetti cofinanziati.

I progetti da finanziare tramite il Fondo vengono approvati dalla Commissione, d'intesa con lo Stato membro beneficiario. Per quanto riguarda la valutazione del progetto, ciascuna richiesta di contributo è corredata di un'analisi dei costi e dei benefici (ACB). Tale analisi deve dimostrare che i vantaggi socioeconomici a medio termine sono proporzionali alle risorse finanziarie mobilitate. La Commissione esamina tale valutazione alla luce dei principi stabiliti nella guida all'analisi costi-benefici[8]. La guida, pubblicata nel 2003, è in corso di aggiornamento.

Su tale base la Commissione ha fornito nel corso del 2006 un importante sostegno metodologico interno e ha assistito gli Stati membri mediante interventi di potenziamento delle capacità destinati a migliorare la coerenza dell'analisi finanziaria ed economica ex ante dei progetti. Nell'ottobre 2006 la Commissione ha adottato un documento di orientamenti metodologici per la realizzazione dell'ACB[9]. Il documento di lavoro presenta alcuni principi generali dell'analisi costi-benefici così come una serie di norme di lavoro e invita gli Stati membri a elaborare i propri orientamenti in materia di ACB.

La Commissione effettua inoltre una valutazione ex post su campioni di progetti cofinanziati dal Fondo di coesione. La valutazione più recente, pubblicata nel 2005, riguarda un campione di 200 progetti realizzati nel periodo 1993-2002. La prossima valutazione ex post è prevista per il 2009.

7. Nuovo quadro normativo per il periodo 2007-2013

Il regolamento (CE) n. 1164/94 stabilisce le regole di attuazione del Fondo di coesione fino al 31 dicembre 2006. In vista dell'inizio del nuovo periodo di programmazione (2007-2013) la Commissione ha elaborato una serie di regolamenti relativi all'attuazione del Fondo di coesione, nonché del Fondo europeo di sviluppo regionale e del Fondo sociale europeo.

Tali regolamenti sono stati adottati nel corso del 2006. I nuovi regolamenti relativi all'attuazione del Fondo di coesione sono i seguenti:

- regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio, dell'11 luglio 2006, recante disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione e che abroga il regolamento (CE) n. 1260/1999;

- regolamento (CE) n. 1084/2006 del Consiglio, dell'11 luglio 2006, che istituisce un Fondo di coesione e abroga il regolamento (CE) n. 1164/94;

- regolamento (CE) n. 1828/2006 della Commissione, dell'8 dicembre 2006, che stabilisce modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio.

Tutti i regolamenti applicabili al periodo 2007-2013 sono disponibili sul sito internet INFOREGIO al seguente indirizzo:http://ec.europa.eu/regional_policy/sources/docoffic/official/regulation/newregl0713_en.htm.

8. Informazione e pubblicità

Il 22 giugno e il 20 dicembre si sono svolte a Bruxelles due riunioni informative con i 25 Stati membri. Nel corso della prima riunione la Commissione ha presentato gli stanziamenti definitivi per Stato membro per il 2006. Essendo giunti al termine del periodo di programmazione, si è sottolineato che tutti gli stanziamenti d'impegno rimanenti andavano utilizzati entro il 31 dicembre 2006. Non erano previsti storni di risorse da altre linee di bilancio. È stata inoltre fatta una presentazione dell'assistenza congiunta a sostegno dei progetti nelle regioni europee (iniziativa JASPERS). Tale iniziativa, nata dalla collaborazione tra la Commissione e la BEI, è destinata a sostenere gli Stati membri nella valutazione tecnica dei futuri grandi progetti da presentare alla Commissione. JASPERS sarà operativa dal 2007. Nella riunione di dicembre la Commissione ha presentato la bozza di orientamenti sulla chiusura dei progetti del Fondo di coesione. La Commissione ha sottolineato l'importanza dei punti seguenti: i) per quanto riguarda la chiusura, i progetti sul campo devono rispettare le pertinenti decisioni; ii) il termine ultimo di ammissibilità dei progetti relativi al periodo 2000-2006 rimane il 31 dicembre 2006; iii) si applica la regola secondo cui è possibile una sola modifica. Infine la Commissione ha ricordato che questa riunione informativa era l'ultima nel quadro del regolamento (CE) n. 1164/94. Dal 1° gennaio 2007 le questioni relative al Fondo di coesione saranno trattate nell'ambito del comitato di coordinamento dei Fondi a norma del nuovo regolamento (CE) n. 1083/2006.

Nel 2006 la Commissione ha organizzato due riunioni per i responsabili della comunicazione del FESR e del Fondo di coesione. Nel corso delle riunioni, svoltesi il 15 giugno e il 5 dicembre, sono stati affrontati vari temi connessi alla comunicazione, è stata spiegata l'applicazione dei nuovi regolamenti e sono stati presentati diversi studi di casi e prodotti campione. Le riunioni destinate ai responsabili della comunicazione proseguiranno nel 2007.

[1] L'impegno è inferiore allo stanziamento (cfr. la tabella 6) a causa del disimpegno degli importi inutilizzati e della chiusura.

[2] Sulla base dell'articolo 6 del regolamento (CE) n. 1164/94 del Consiglio, nella versione codificata presentata dalla Commissione.

[3] Articolo 104 del trattato che istituisce la Comunità europea, relativo ai disavanzi pubblici eccessivi.

[4] Regolamento (CE) n. 1084/2006 del Consiglio, dell'11 luglio 2006, che istituisce un Fondo di coesione e abroga il regolamento (CE) n. 1164/1994.

[5] GU L 191 del 27.7.1994, pag. 9. Regolamento modificato da ultimo dal regolamento (CE) n. 2168/2005 (GU L 345 del 28.12.2005, pag. 15).

[6] I casi di monitoraggio sono casi per i quali l'OLAF è competente, ma che sono affidati a un altro organismo o Stato membro, che effettua la propria indagine esterna.

[7] GU L 292 del 15.11.1996, pag. 2.

[8] http://ec.europa.eu/regional_policy/sources/docgener/guides/cost/guide02_it.pdf

[9] Commissione europea, DG Politica regionale, "Orientamenti metodologici per la realizzazione delle analisi costi-benefici", 2007-2013 - Unità di valutazione, documento di lavoro n. 4, disponibile all'indirizzo: http://ec.europa.eu/regional_policy/sources/docoffic/working/sf2000_en.htm

Top